Home page
Home page
    
    La Tv via web di Regina Mundi



Impariamo da Maria e da Gesù


La Casa di Nazareth
Cristo e la Madonna nella casa di Nazareth, Francisco de Zurbaràn, 1635-1640
Olio su tela, Cleveland (Ohio), The Cleveland Museum of Art



a rappresentazione della Madonna e di Gesù nella casa di Nazareth è un soggetto un po' desueto nell'iconografia artistica di larga diffusione. Di solito è la Vergine con il Bambino a campeggiare nei quadri più famosi, oppure sono note le immagini di Cristo già adulto nelle diverse circostanze della vita pubblica. Qui,nel quadro di Francisco de Zurbaràn , Gesù è dipinto a casa sua, mentre è impegnato ad intrecciare una ghirlanda di rovi e con questi si punge. Il primo e immediato riferimento metaforico va alla prefigurazione della corona di spine della Passione, ma qui la riflessione prevalente sembra un'altra. Nel momento in cui l'adolescente Gesù incontra una difficoltà, ecco Maria interrompere il proprio lavoro e sostare attenta, in attesa dell'evolversi degli eventi. Il suo sguardo materno è la piena disponibilità ausiliatrice, coniugata al rispetto di quel Figlio che sta crescendo e affrontando le prime prove della vita. Maria resta seduta, non è la madre iperprotettrice che si mette in moto per evitare alla propria creatura qualsivoglia dolore o défaillance, quasi sostituendosi ad essa: al contrario è disponibile ma rispettosa, tanto pronta quanto decisa a lasciar spazio all'autodeterminazione del Figlio. Dall'equilibrio di tale scelta scaturirà la consapevolezza nel giovane di non essere solo, bensì libero di agire. Quale fonte di insegnamento e proposta di norme pedagogiche ci può offrire questo quadro! Quanto è difficile oggi per una madre evitare i due poli opposti di disinteresse totale o di protezione soffocante. Per questo l'educazione sta diventando un problema scottante e si dibatte frequentemente attraverso i media, senza approdare spesso ad un benchè minimo suggerimento concreto. Ora vedendo Maria e Gesù in casa, sorgono spontanee alcune riflessioni. La casa, sinonimo di famiglia, è il luogo deputato all'educazione che è fatta di esempio e dialogo fra adulti - ragazzi. Quale meravigliosa comunicazione silente tra Gesù e sua Madre! Un Figlio che sente male però non si avvilisce, non si dispera, visto che poco lontano da Lui ha la Mamma. Maria che con il cuore vigila sui bisogni del Figlio e tacitamente offre aiuto. Nel frastuono delle città, nel ciarlare logorroico dei gruppi, nel collegamento cellulare o elettronico quotidiano dei singoli, non vi è traccia di quella comunicazione vera, di quel passaggio di idee e di sentimenti che soli sono gli ingredienti per l'intesa e la crescita umana delle persone. Ed infine, al di sopra delle vicende umane, tornando all'immagine di Francisco, in quella luce dorata che sovrasta il Cristo si intravedono gli Angeli, a simboleggiare la forza della Grazia che attraverso la preghiera scende su coloro che l ' invocano. Di Gesù adolescente Luca dà un'immagine esemplare:"...il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza e la grazia di Dio era sopra di lui"(2,40).
                                                                                   
 
Marcellino Campara e Ines Zanini



Indice generale
Ricordarsi di permettere i "popup"



Il materiale presente in questo sito ci è stato fornito dai membri della comunità o è stato preso da internet; se inavvertitamente si fosse violato qualche copyright, il proprietario del diritto è pregato sentitamente di notificarlo all'email webmaster@reginamundi.info provvederemo immediatamente alla rimozione dei documenti protetti da copyright.