Home page
Chi Siamo, la Comunità  di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualità  e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





  Iscrizione gratuita al Santuario della settimana 

Maria Immacolata della Boretta | Lombardia

XVI Secolo

Cerro Maggiore - santuario Chiesa della Boretta

Chiesa della Boretta - Cerro Maggiore (MI).



Dove si trova
Via XX Settembre – Cerro Maggiore (MI)

Il Santuario
Non si trova, all'origine del nostro Santuario, né un'apparizione di Maria, né una sorgente d'acqua miracolosa, ma, con certezza, la radice profonda della fede dei nostri padri e questo basta per rendercelo caro.
I Cerresi la chiamano ancora "Chiesa della Boretta", perché la prima cappella, identificata nei documenti come "giesuolo de la Madonna", fu costruita all'inizio del 1500 sopra un terreno il cui proprietario si chiamava Boretta.
Un manoscritto, conservato nell'archivio parrocchiale, c'informa che quel primo edificio era già molto malandato, quando, nel marzo del 1596, un gruppo di uomini "mossi da buon spirito" chiese al parroco di potersi riunire in una confraternita, allo scopo di impiegare in opere religiose sia il tempo festivo che le proprietà di ognuno. Il permesso fu accordato e fu per iniziativa di tale confraternita che il 21 settembre del medesimo anno avvenne la cerimonia della posa della prima pietra, benedetta dal parroco don Antonio Lupo, a fondamento di una "giesa de la Madonna de la Concezione", di maggior ampiezza rispetto alla precedente, ma di minori dimensioni rispetto a quella attuale e senza campanile.
La chiesa fu aperta al culto tre anni dopo, proprio l'8 dicembre, festa liturgica dell'Immacolata e la confraternita religiosa, dall'abito bianco e dalla mantellina azzurra, avrebbe costituito nei secoli il principale organo gestore e finanziatore della chiesetta. Essa, infatti, si adoperò ogni anno con impegno per solennizzare la festa dell'Immacolata, programmando la predicazione della novena, la celebrazione di una messa con i cantori e lo sparo dei mortaretti, di sera, come chiusura della festa.
Il 16 giugno 1617, il cardinale Federico Borromeo (di cui parla anche il Manzoni ne "I Promessi sposi") visitò la parrocchia di Cerro e notò che la piccola chiesa era senza campanile; ordinò quindi, per iscritto, di innalzarne subito uno. Passarono però ben trentasei anni prima che venisse realizzato un canpaniletto con una sola campana.
In seguito, la solerte confraternita prese un'altra importante decisione: quella di costruire una nuova chiesa, di maggiore ampiezza. Subito acquistò il terreno necessario ed il nobile Carlo Corneliani affidò il lavoro di progettazione al noto architetto milanese Giovanni Angiolo Caslini, già ideatore della nostra chiesa parrocchiale.
Sorse, così, l'attuale chiesa, a forma ottagonale con cupola, capolavoro sì di stile barocco, ma sobrio ed elegante: un gioiello d'arte incastonato fra le case di Cerro tra il 1758, anno della posa della prima pietra, ed il 1774, anno dell'inaugurazione.
La chiesa, capace di contenere fino a 300 persone, risultò lunga 33 m., alta 16 m. e con una larghezza massima di 18 m.
Non fu dimenticato il campanile, questa volta a due campane, anche se terminava solo all'altezza della cella campanaria.
Accurato fu lo studio dell'illuminazione naturale con l'apertura di ampi finestroni, in un tempo in cui non esisteva ancora l'illuminazione artificiale; risultò ottima anche l'acustica per l'organo, posto nella cantoria sopra il portale d'entrata. Toccò al parroco don Dornenico Vitelli l'onore di benedire la nuova chiesa, per delega del Card. Pozzobonelli.
Erano trascorsi pochi anni dall'ultimazione dell'opera, quando l'editto austriaco riguardante la soppressione delle confraternite religiose e l'incameramento dei beni da parte dello Stato fece temere il peggio, cioè il passaggio della chiesa Boretta al governo austriaco e la destinazione della stessa ad uso profano.
Facendo appello ai più vivi sentimenti religiosi, l'allora parroco, don Baldassare Taverna, e gli amministratori comunali, tra i quali i nobili De Conturbia, seppero dimostrare, con uno scritto ai governanti, che la chiesa era necessaria sia per la vita religiosa della parrocchia, sia per essere una sede adeguata alle adunanze del Consiglio Comunale.
Per quella volta tutto andò per il meglio, o quasi, in quanto la chiesa passò alle dipendenze del parroco, il quale, però, per pagare i debiti, fu costretto a vendere l'organo della Boretta, per 775 lire, alla chiesa parrocchiale di Gazzada, in provincia di Varese.
Purtroppo, in un'altra occasione, e precisamente nell'agosto 1848, non ci fu lieto fine; non si riuscì, cioè, ad evitare la profanazione del luogo sacro da parte delle truppe austriache, le quali, timorose di un'insurrezione in provincia, simile a quella gloriosa delle Cinque Giornate di Milano (marzo 1848), si erano stanziate anche nella nostra zona.
Il motivo di tale occupazione è forse da ricercarsi nel fatto che all'insurrezione milanese avevano partecipato, come dicevano le cronache, alcuni Cerresi.
E' documentato che il cerrese Angelo De Angeli partecipò alla Prima Guerra d'indipendenza nel 1848, prendendo parte alle battaglie di Mozambano, di Mantova, di Verona e di Peschiera. Con lui vi erano: Cerini Carlo, Donati Gian Maria, Gianazza Giuseppe, Lucchini Giacomo, Mariani Angelo e Roveda Angelo. (Documento dell"Archivio Comunale).
Passarono alcuni anni e, terminata la seconda guerra d'indipendenza (1859) con la cacciata degli Austriaci, i Lombardi si sentirono di nuovo cittadini liberi nella propria Patria. Terminato il periodo di occupazione, i Cerresi si preoccuparono di restaurare e rendere più bella "la casa della Madonna" (così infatti molti anziani chiamavano significativamente la chiesa della Boretta).
Accanto ad essa sorse l'abitazione per il cappellano, che ogni mattina celebrava la messa nella chiesa adiacente. Nel 1874 il santo parroco don Aquilino Marelli fece innalzare un solido e decoroso altare, con tanto di balaustra, ad opera dello scultore Innocente Candiani di Milano. Fece collocare, inoltre, le statue di San Carlo e di Sant'Ambrogio nelle nicchie laterali.


E ARRIVIAMO COSÌ ALLA STORIA DEL NOSTRO SECOLO;
LE OPERE DEI PARROCI

Don Giovanni Oltolina

Nel 1932, don Giovanni Oltolina volle far rivestire l'interno della chiesa di un'artistica decorazione, eseguita del legnanese Darvino Furrer. Costui, nella volta della navata, rappresentò la gloria di Maria in cielo, circondata da numerosi angeli in volo. Ai lati aggiunse quattro medaglioni, entro i quali rappresentò: Ester, Giuditta, Susanna e Debora, le coraggiose eroine dell'antico testamento, la cui fortezza, saggezza, umiltà e bellezza ricordano alcuni aspetti di Maria, corredentrice del popolo cristiano.
Il lavoro tanto piacque al parroco da fargli esclamare: "Come si prega bene in questo santuario!"; e, come si vedrà, don Giovanni Oltolina fu buon profeta. Durante la seconda guerra mondiale, la Madonna della Boretta, insieme con il Santo Crocifisso di Cerro, fu nei pensieri,dei nostri soldati e le sacre immagini "camminarono" con loro, sui vari fronti di guerra: africano, greco, albanese e russo, com'è testirnoniato dalle lettere conservate in parrocchia.

Don Vittorio Branca
Giunse poi a Cerro Maggiore don Vittorio Branca, un parroco geniale e di tenace volontà. Egli, nel 1954, in occasione del centenario della proclamazione del dogma dell'Immacolata Concezione, si assunse il compito di rinnovare e di terminare, il campanile rimasto incompiuto dal 1774.
L'impresa cerrese Stevenazzi, dopo aver rafforzato le fondamenta, costruì la cuspide a piramide quadrangolare, terminante con una croce di ferro appoggiata su una sfera di rame. La cella campanaria fu dotata di un concerto di cinque campane, ognuna delle quali fu dedicata ad un aspetto della personalità di Maria: a Maria Regina, all'Immacolata, al nome di Maria (dono dei cerresi chiamati Mario o Maria), a Maria lavoratrice (dono degli operai e operaie cerresi) e Maria Regina del Clero (dono del parroco per la sua messa d'argento). Esse cominciarono a squillare festosamente per salutare Maria dalla terra cerrese.

Don Vittorio Branca, buon musicista e bravo compositore, pensò, inoltre, di comprare dal parroco di Albusciago (Va) un organo dotato di ben 651 canne e di collocarlo dietro l'altare. Invitò, quindi, i giovani a celebrare le loro nozze in un ambiente raccolto presso l'altare di Maria, colei che "lieta e generosa intervenne alle nozze di Cana perché la gioia dei giovani non fosse turbata.
Alcuni anni dopo (1966), su richiesta dello stesso parroco, il Card. Giovanni Colombo assegnò alla chiesa della Boretta il titolo di "Santuario dell'Immacolata, privilegio accordato per "ragioni storiche, di culto e di arte" e concesse anche l'indulgenza di cinquecento giorni a chiunque, visitando il santuario, recitasse cinque Ave Maria.

Don Giuseppe Angiari
La costruzione del Santuario mostrava evidenti le ingiurie del tempo e degli uomini, e nella mente del nostro parroco, don Giuseppe Angiari, nacque nel 1990 l'audace idea di mettere mano ad un ampio ed organico piano di restauro che abbracciasse l'intero edificio. I lavori ebbero inizio nel 1991.
All'interno, nel presbiterio, venne attuata un'importante modifica, comprendente l'arretramento dell'altare, in modo da farlo coincidere con il centro della cupola absidale, e quello delle balaustre, allo scopo di creare un luogo devozionale accogliente e ben circoscritto.
Allo scultore Maffeo Ferrari di Brescia è stato commissionato un nuovo bellissimo altare, in marmo rosa del Portogallo, raffigurante il momento dello spezzare del pane. Alla bravura dello stesso artista sono state inoltre affidati il restauro del simulacro dell'Immacolata ed il rifacimento degli angeli dorati, rubati nel 1987.

Si è provveduto a recuperare gli affreschi posti nelle cappelle laterali, riportando alla luce alcune figure di santi. Sono state ritoccate, inoltre, anche le grandiose tele del XVII. secolo, quali "La pesca miracolosa", "La conversione di San Paolo" e "La Sacra Famiglia e l'Eterno".

Sopra il portale d'ingresso è stata ripulita e rimessa a nuovo l'antica balconata della cantoria, dove si intende sistemare l'organo, recentemente restaurato dalla ditta Mascioni della Valcuvia, grazie al contributo della sensibile Amministrazione Comunale di Cerro Maggiore.
L'organo del Santuario, costruito nella prima metà dell'ottocento (1848) da Eugenio Maroni Biroldi (Scuola Varesina) è racchiuso in una cassa lignea con frontale a tre cuspidi intagliato da artigiani di Camnago Lentate e decorato ad olio dal pittore fiorentino Vilasco.

Ora l'organo si presenta nel suo splendore estetico, tecnico e fonico originale e, in particolare, l'accordatura e l'intonazione permetteranno di sprigionare armonicamente la sonorità e il timbro delle sue voci, grazie anche all'acustica favorita dalla forma ottagonale dei Santuario e dalla cupola.
A lavori ultimati, possiamo affermare che il restauro della Boretta è stato veramente impegnativo ed oneroso, portato avanti in un cantiere aperto per quasi tre anni, sotto la direzione accurata dell'architetto Maurizio Bertocchi e del geornetra Antonio Agrati.

L'opera ha finalmente restituito al nostro Santuario un volto dignitoso che gli conferisce una maggiore spiritualità. Il restauro ha saputo creare nel Santuario un'atmosfera luminosa, serena, come quella che si respira. in casa della propria madre, e non a caso la Madonna è la madre celeste di tutti noi.
Il nostro parroco, don Giuseppe, seguendo i sentimenti del suo cuore e ben sapendo quanto il Santuario sia caro a tutti i Cerresi, ha pensato di onorare Maria in modo particolare, offrendole un serto d'oro per incoronarla con dono prezioso Regina degli angeli, Regina dei veri cristiani, Regina del clero e Regina della pace.


Opere d'Arte
All'inizio del Settecento, la statua della Madonna col Bambino, che appariva ai visitatori con abiti di seta, secondo un'usanza che risaliva al secolo precedente, si mostrava alquanto deteriorata. Così nel 1725, dopo lunghe discussioni, l'attivo Capitolo della confraternita decise di affidare ad un bravo intagliatore di Como, un certo Giovanni Battista Giarmaneli, l'incarico di realizzare una nuova statua dell'Immacolata.
L'opera riuscì perfetta. Per la statua, il bravo scultore si era certamente ispirato alla donna dell'Apocalisse "vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo una corona di dodici stelle"(Ap. 12), cioè alla donna, insidiata dal drago, in cui da sempre la Tradizione identifica la Vergine. L'artista però seppe rendere la figura di Maria più materna aggiungendo la statua di Gesù Bambino, tenuto per mano dalla madre. Il piccolo Gesù appare pronto a trafiggere il drago, simbolo di Satana, con una freccia a forma di croce. La scultura così ottenuta venne rifinita con una doratura che ebbe luogo a Milano presso l'orefice Millefanti. Ne risultò una vera opera d'arte che soddisfece tutti.
Tutto quello che vi era di artistico, che nel tempo si era deteriorato, sotto le mani degli esperti è stato rimesso a nuovo: ogni quadro, ogni affresco, ogni statua ha una sua luce e un suo delicato colore.
Intorno alla nicchia di San Carlo è stata riportata alla luce una struttura architettonica in finto marmo con ai lati sant'Alessandro e Santa Caterina da Siena.
Purtroppo sul lato opposto si vede che la nicchia di Sant'Ambrogio è stata ricavata nel 1874, distruggendo il centro di una decorazione che rappresenta in alto una beIla Trinità con Maria e ai lati San Filippo Neri e San Luigi.
La sorpresa maggiore è l'affresco a calce ai piedi della statua di Sant'Ambrogio;un'affresco che rappresenta un'Addolorata databile intorno al 1500, che dovrebbe essere la più antica effige di Maria venerata a Cerro, se non fosse per la sua presenza alquanto misteriosa.
Secondo il parere degli esperti, l'affresco risale al XVI secolo per i seguenti motivi: la veste rossa a pieghe dell'Addolorata, l'accurata anatomia dei corpo di Cristo, lo sfondo che rappresenta una città fortificata di tipo medioevale. A parte questi aspetti, altri vanno tenuti presenti, quali la bellezza del volto di Maria nonostante sia rigato di lacrime e la serenità del volto di Cristo composto nella morte. Il corpo di Gesù porta una decorazione a sangue e giace sopra un sudario che è il medesimo manto blu di Maria.
Cerro, anche nell'arte, unisce la sua piccola storia a quella grande dell'arte medioevale, a quella del Rinascimento con il Crocefisso del Lanino, a quella barocca delle sue chiese maggiori.
"Maria riempie di gioia e di luce gli occhi ed il cuore dei fedeli che entrano nella sua casa e ricolma di grazie tutti coloro che hanno contribuito al grandioso restauro del Santuario che onora il nostro paese".

Come arrivare
All'uscita dell'autostrada di Legnano, tenersi a sinistra e girare sempre a sinistra alla prima rotonda, proseguire ancora dritto, vi troverete una seconda rotonda, proseguite ancora dritto in modo da avere il "Medusa multisala" alla vostra sinistra, a questo punto siete in Via Turati.
Proseguire sempre dritti su questa via, che diventerà poi Via Cristoforo Colombo, in questo tratto di strada (circa 1 km) supererete 3 rotonde, alla terza rotonda che incontrate (non vi potete sbagliare, lo rotonda è intitolata "Il cavallo e l'uomo"), proseguite dritto e svoltate alla prima via sulla destra, Via Torino.
Una volta arrivati in via Torino, proseguirete dritti, superare un incrocio con "dare precedenza" e svoltate alla prima a destra, Via IV Novembre.
In questa via potete parcheggiare, perchè siete praticamente arrivati in Piazza Immacolata, dove troverete il Santuario. Non trovando posto potrete dirigervi a destra in via Boccaccio, c'è il parcheggio delle scuole medie.


Mappa per raggiungere il santuario Visualizza la mappa del santuario

 

Orario d'Apertura
Al mattino - verificare comunque sul sito: http://www.parrocchiacerromaggiore.com/Index.htm

Celebrazioni
Chiedere informazioni al 0331/518283

Contatti
Tel. e Fax. 0331. 518283
http://www.parrocchiacerromaggiore.com/SANTUARIO1.HTM
email: maggionidonfrancesco@gmail.com (mail del parroco)
email: ars9.cerro@live.it (coro responsabile della liturgia nel santuario)
http://tinyurl.com/arsnova-cerro

Feste patronali
(ogni anno) 8 Dicembre:
S. Messa solenne ore 9.00
S. Rosario con meditazione corale ore 15.00

XIV edizione della rassegna organistica e corale “MUSICA SACRA IN SANTUARIO”. L’Associazione “Schola Cantorum ARS NOVA” in collaborazione con la Parrocchia dei SS. Cornelio e Cipriano, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cerro Maggiore e con il Patrocinio della Regione Lombardia, offre 3 serate dedicate alla Musica Sacra. Le serate, ad ingresso libero, si terranno dal 15 al 17 ottobre 2009 alle ore 21.00. Per ulteriori informazioni 0331/535341

Da vedere nei dintorni
Frati Minori Cappuccini- Convento della visitazione
Nella seconda meta del XVI secolo Pompeo Legnano, un anziano mercante di Cerro Maggiore, fece costruire fuori del villaggio una piccola chiesa dedicata al Mistero della Visitazione e accanto ad essa una piccola casa per il cappellano.
In questi anni i cappuccini, da poco stabilitisi a Milano, desideravano avere nella zona un luogo, che servisse oltre che per il ministero anche come alloggio nei lunghi viaggi del tempo.
Il notaio milanese Antonio Rinaldi, da lungo tempo benefattore dei cappuccini, venuto a conoscenza del desiderio dei frati e delle intenzioni di Pompeo Legnano convinse quest'ultimo ad affidare al nuovo ordine religioso la cappella con la piccola casa.
Nel 1582 i frati visitarono il luogo e accettando l'invito di stabilirsi a Cerro Maggiore con la benedizione di s. Carlo Borromeo. L'anno seguente, p. Giambattista da Milano iniziò la costruzione del convento, che in pochi mesi venne realizzato. Al termine dei lavori contava 19 cellette, e gli ambienti indispensabili. Poiché la presenza dei frati attirò molte persone già nel 1586 fu necessario l'ampliamento della piccola chiesa, reso possibile dai benefattori del luogo tra i quali lo stesso Pompeo Legnano e sua moglie Maddalena Besozza.

Il convento, costruito di fretta e con aggiunte negli anni successivi, ebbe bisogno di rifacimenti e restauri già all'inizio del XVII secolo. I lavori, con perizia e calma, furono seguiti da p. Cirillo da Maggiora. Già nel 1665 il convento divenne per la sua importanza il secondo noviziato della provincia monastica di Milano. La presenza di giovani novizi richiese così ulteriori ampliamenti e fra i quali quello dell'orto.
L'insediamento claustrale, a causa della povertà dei materiali usati nella prima costruzione, fu rifatto completamente attorno al 1750. La chiesa, in questa ricostruzione, assunse l'aspetto e le dimensioni attuali, e fu anche affrescata dal pittore Donato Mazzoleni(?), artista locale. Tutti gli affreschi sono andati perduti eccetto quello dell'Addolorata, che si può ammirare in uno dei coretti.
A causa della soppressione napoleonica del 1812, il convento, comprato da un laico, fu adibito ad uso civile. I frati vi torneranno solo nel 1897.
In diversi momenti del XX secolo il convento sarà adibito alla formazione dei frati.
L'Arcivescovo cappuccino missionario, Celestino Cattaneo, vi trascorrerà l'ultimo decennio della sua vita, nel febbraio 1946 fu sepolto in chiesa, nella cappella di San Francesco.
Nell'immediato secondo dopo guerra, su richiesta delle autorità italiane e del Arcivescovo di Milano Card. Schuster, i resti mortali di Benito Mussolini rimasero nascosti nella cappella dell'infermeria del convento dal 25 agosto 1946 al 29 agosto del 1957, quando furono riconsegnati al Governo italiano.
Infine, negli anni sessanta, il vecchio convento fu demolito per lasciare posto a quello attuale progettato da p. Angel Maria Nulli. Della costruzione del 1750 rimane soltanto la chiesa.
Vogliamo ricordare con tutti coloro che li hanno conosciuti fra Feliciano da Artogne (1904-1946) e fra Stefano da Brambilla (1912-2002) preclare figure di semplicità e servizio francescano.

Curiosità
La Schola Cantorum ARS NOVA è responsabile dell’attività liturgica e musicale del Santuario
Ecco un po’ di storia del coro….
La Schola Cantorum “ARS NOVA” di Cerro Maggiore, si costituisce nel 1979, è composta da circa 40 cantori e diretta sin dalla fondazione dal maestro Franco Pasquali. Dal 1992 è costituita come Associazione Artistico Culturale.
Il repertorio è formato principalmente da composizioni polifoniche sacre e profane, dal ‘500 ai giorni nostri; l’attività del coro si articola tra il servizio liturgico presso la Chiesa dei S.S. Cornelio e Cipriano di Cerro Maggiore ed un‘intensa attività concertistica. Dal 2002 è responsabile delle Liturgie solenni e delle attività culturali e musicali del Santuario dell’Immacolata “Boretta”.
Partecipa a diversi Convegni e Rassegne regionali, nazionali e internazionali, ad esempio Milano, Roma, Loreto, Lourdes e Vienna, in quest’ultima su invito dell’Assessorato alla cultura, tiene concerti in prestigiose sale della città come la Sala della Musica e il Palazzo dell’Onu.
Tale impegno è ripagato da numerosi riconoscimenti di pubblico e critica, citiamo ad esempio: Primo Premio assoluto alla Rassegna Corale della Provincia di Milano, Diploma d’Onore alla 32° Rassegna Internazionale di Loreto, Diploma d’Onore del Comune di Vienna.
Inoltre il Coro nel corso del suo cammino artistico è stato chiamato a collaborare con formazioni orchestrali di notevole prestigio: La Reyussance, Orchestra Sinfonica Europea, orchestra da Camera Mikrocosmos. Dal 2001 partecipa all’attività concertosinfonica dell’Accademia Concertante d’archi di Milano, eseguendo presso la più importanti Basiliche italiane repertori quali: G. Verdi “Messa da Requiem”, W. A. Mozart “Requiem”, A. Bruckner “Te Deum”, J. Haydn “NelsonMesse”.

La Schola Cantorum “ARS NOVA”, crede che l’arte della musica sia il fondamento di ogni azione e progetto del coro, per questo motivo è convinta che debba essere promossa anche attraverso la conoscenza e lo scambio con altre realtà: è quindi promotrice con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cerro Maggiore e la Parrocchia dei S.S. Cornelio e Cipriano, della Rassegna Corale Musica Sacra in Santuario, che si tiene ogni anno nel mese d’ottobre.

Alla Schola Cantorum “ARS NOVA”, piace pensare di essere un’associazione in cui il canto è il modo migliore per avvicinarsi, il più possibile, a “toccare il cielo con un dito”!!
Per fare questo ci si muove, grazie a SOGNI, VISIONI, e MISSIONI comuni, condivise da tutti gli appartenenti al coro, secondo VALORI IRRINUNCIABILI e fondamentali, che hanno permesso, negli anni, all’ARS NOVA, di viversi e sentirsi concretamente, Associazione Musicale.

La Schola Cantorum esiste solo grazie alla LEALTA’ delle persone che ne fanno parte, alla COSTANZA d partecipare ad ogni proposta, ALLO SPIRITO di SACRIFICIO e la voglia di FARE SEMPRE di PIU’. La sua Linfa Vitale è la MUSICA, nasce, vive cresce per essa, e chi ne fa parte deve sentirsi arricchito da questa esperienza.
L’ARS NOVA crede nella finezza e nell’eleganza di essere Associazione Musicale, crede che le persone siano il motore che muove il mondo e senza l’amicizia ed il rispetto reciproco un coro NON è un CORO. Crede nella costante ricerca della bellezza artistica, dell’armonia, della novità e idee creative, convinta che ogni individuo possa essere valore aggiunto positivo e importante.



...


invia ad un amico
_____________________________