Home page
Chi Siamo, la Comunità  di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualità  e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





Santo Rosario | I Mistero Luminoso

Il Battesimo di Gesù (cfr Gv.1, Mt.3)

Condividi su facebookCondividi su Facebook

I misteri gaudiosi

I misteri Luminosi

I misteri Dolorosi

I misteri Gloriosi


da Maria

uel giorno lo seguii. Confusa tra la gente, sulle rive del fiume Giordano. Stavo lì.
Ogni suo passo mi faceva sobbalzare il cuore. Lo vidi di fronte a Giovanni. Lo vidi nell’acqua. Sentii anch’io quella voce misteriosa che veniva dal cielo. Era per me, per i presenti, ma anche per te.
Dio dichiarava pubblicamente Gesù suo figlio. Il Padre l’aveva mandato per fargli prendere su di sé i peccati del mondo. Era il suo Figlio diletto che Giovanni, poco prima, aveva chiamato Agnello di Dio.
Mi tornarono alla mente le parole dell’Angelo: “Dio, l'Onnipotente, lo chiamerà suo Figlio…. Il bambino che avrai sarà santo, Figlio di Dio”.
Cominciai a capire qualcosa. Agnello e peccati mi fecero tremare. Gesù innocente, santo, si fa peccato per noi. Sentii nel cuore come un’eco: Sacrificio, immolazione.
Lo Spirito Santo lo stava investendo della missione che lo attendeva. Mio Figlio non sarebbe più stato mio, ma di tutti, perciò anche tuo.
Ero stata liberata dal peccato anch’io, grazie a Lui. Te e l’umanità stavano per essere coinvolti dalla stessa grazia che diventava perdono.
Gesù accettò quel segno di penitenza per noi. In seguito lo trasformerà in sacramento di santificazione, oltre che di perdono, quel sacramento che tu hai ricevuto.
Cerca di rivivere il tuo battesimo con gratitudine. Non chiudere gli occhi alla luce che Dio ti ha donato quel giorno e che continua a brillare dinanzi a te nella persona di Gesù. Fissa il tuo sguardo su di Lui, ma non solamente quando stai in chiesa. Gesù con la nostra umanità da lui assunta si è fatto compagno della tua vita, della nostra vita. Ti ha preceduto come uomo in tutte le tue, le nostre, vicende umane, illuminandole. Tutto ciò che ti accade o ti può accadere, eccetto il peccato, l’ha già vissuto Lui. E questo ti deve confortare, come confortò me nei momenti anche più dolorosi della mia esistenza.
Gesù è il Figlio diletto del Padre. Nello Spirito Santo che anche tu, noi, abbiamo ricevuto, siamo diventati con lui figli amati dal Signore, diletti, prediletti.
Oggi il Padre si compiace di te se vivi con suo Figlio. Ti aiuterò io a non dimenticarlo. Contemplalo attraverso di me, attraverso i miei occhi, attraverso il mio cuore nel quale ho conservato i misteri della sua vita. Te li rivelerò pian piano tutte le volte che mi invocherai. Ne trarrai un grande vantaggio specialmente nei tuoi momenti più turbolenti. Non ti stancare di chiamarmi in aiuto: è questa la mia missione ricevuta dallo stesso Gesù.


Meditazioni di p. Raffaele Amendolagine OCD

 

invia ad un amico

_____________________________