Su Regina Mundi :
Home page
Chi Siamo, la Comunita' di Regina Mundi
magistero della Chiesa Concili Ecumenici Magistero della Chiesa | Concili Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
Nelle Mani di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualita' e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Regina Mundi - La Rassegna stampa Cattolica per la Società, Attualità e Famiglia

Rassegna Stampa Cattolica | Società

GIOVANNI PAOLO II, VISTO DA VICINO

Conversazione di Mons. Giulio Viviani
di Mons. Giulio Viviani


Sono veramente lieto questa sera di poter offrire a tutti voi qui presenti una mia personale testimonianza sulla figura del grande Beato Giovanni Paolo II. Tra i tanti ricordi dei dodici anni passati accanto a lui, nel mio servizio di cerimoniere pontificio, ho scelto alcuni aspetti caratteristici di Karol Wojtyła, che mi piace evidenziare. Molte altre cose appartengono a quell’interiorità, a quella personale esperienza, che non è sempre immediatamente comunicabile agli altri. Ma lo faccio volentieri perché anche questo diventa un annuncio di Vangelo, una testimonianza di Chiesa.

UN UOMO CHE HA LOTTATO CON DIO

“Ha combattuto la buona battaglia, ha terminato la corsa, ha conservato la fede. Ora gli resta soltanto la corona di giustizia che il Signore, il giudice giusto, gli consegnerà in quel giorno” (cfr 2Tim 4, 7 - 8). Le parole dell’anziano apostolo Paolo al giovane Vescovo Timoteo, ben si adattano alla figura imponente e decisiva nella storia e per l’intera umanità di Giovanni Paolo II, che il 2 aprile 2005 è scomparso al nostro sguardo e che lo scorso 1° maggio 2011, domenica della Divina Misericordia, è stato proclamato Beato dal suo Successore Papa Benedetto XVI.

In questi tempi, dopo la sua Beatificazione come dopo la sua morte, se un’immagine mi torna in mente, guardando alla sua vita e alla conclusione del suo cammino terreno, vissuto per la Chiesa, che ha guidato per quasi 28 lunghi e generosi anni, la figura simbolica è quella di Giacobbe, il Patriarca che terminò la sua lunga vita in Egitto, lontano dalla sua patria (nel suo caso l’amata terra di Polonia), ma nell’abbraccio di quella sua famiglia, di quel suo popolo per il quale aveva tanto faticato. Soprattutto ricordo quella splendida e misteriosa pagina del libro della Genesi, al capitolo 32, dove si narra di una lotta tra il Patriarca e Dio stesso, che gli dichiara: “Non ti chiamerai più Giacobbe ma Israele, perché hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto!”.

Si è parlato di Karol Wojtyła come di un nuovo Abramo, venuto da un paese lontano e iniziatore di una nuova generazione di giovani; come di un novello Mosè, che ha traghettato il popolo di Dio da un millennio all’altro. Ma a me piace di più ripensare a lui con la figura di Giacobbe, l’uomo che, rimasto solo nella notte, ha lottato con Dio! Sì, “l’atleta di Dio”, come era stato chiamato dai giornalisti nei primi anni di un pontificato, a dir poco battagliero, ha lottato fino in fondo, anche nella sua lunga agonia, appunto l’ultimo agone, l’estremo combattimento. Come Giacobbe ha lottato con Dio con tutte le sue forze, per tutta la notte, fino all’aurora. Non contro Dio, ma insieme con Dio per l’uomo e insieme con l’uomo, quasi per strappare a Dio quei segni di misericordia che sembravano, agli occhi di un mondo secolarizzato, devastato da dittature disumane e dominato da ideologie atee, ormai perduti, smarriti, dimenticati. Ha lottato con Dio come Giacobbe e ne è rimasto colpito, proprio come il Patriarca, nell’articolazione del femore! Da quella fine di aprile del 1994 quando il suo cammino si era fatto più faticoso, ma non incerto, più doloroso, ma mai indomito, e se si vuole ancor più umano, perché segnato proprio lì dove appariva più vigoroso. Ha lottato con Dio con una preghiera che a volte sembrava giungere fino allo spasmo di un corpo che si contorceva nel dolore e nell’implorazione.

Quello che mi ha sempre colpito di Giovanni Paolo II era il momento intimo e privato del suo sostare in silenzio e in preghiera. Il Papa stava spesso a lungo in ginocchio. Era l’atteggiamento tipico di Karol Wojtyła. La sua stessa conformazione fisica sembrava fatta per stare in ginocchio; o forse lui stesso l’aveva plasmata per questa singolare postura. Quante volte nel corso dei viaggi si è visto più d’uno allontanarsi perché non ce la faceva più a stare in ginocchio, mentre Giovanni Paolo II, mai stanco in quella posizione, rimaneva a lungo in quell’atteggiamento, insieme fisico e spirituale davanti al tabernacolo. Un corpo che vibrava in preghiera dalle ginocchia, ben piantate per terra, alle mani, strette e rivolte verso il Cielo.

Ha annunciato senza stancarsi la verità di Dio all’umanità del nostro tempo con gli scritti (ben 14 Encicliche oltre a numerose Lettere Apostoliche, Esortazioni, Messaggi, ecc.) e con la parola in innumerevoli udienze e celebrazioni liturgiche nella Città del Vaticano e a Roma, fino a restarne muto. Ha camminato senza sosta sui sentieri del mondo nei suoi 104 viaggi internazionali (543 giorni in 129 nazioni; 1.162.615 chilometri percorsi), nei 146 viaggi in Italia, in oltre 300 parrocchie romane, fino a farsi condurre dagli altri, lui condottiero nato.

Giovanni Paolo II “hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto!”: per questo gli viene dato un nome nuovo (Ap 2, 17), non di quelli inventati dai giornalisti per fare scalpore, ma quello che Dio solo conosce, nel suo paradiso. Ora lassù Karol, ormai Beato, torna a correre, a gridare, a combattere con Dio per noi, nella sua eternità!


UN UOMO DI DIO

Può sembrare una banalità, detta oggi, ma Giovanni Paolo II è stato anzitutto un uomo di Dio; una persona sempre molto attenta a rimanere in comunione di preghiera con Dio pur non ignorando la realtà umana che gli stava attorno. Soprattutto nei periodi in cui si muoveva con fatica a causa dell'incidente e della malattia, ha mantenuto sempre la sua volontà di andare incontro alla gente e il suo desiderio profondo di intimità con il Signore: due moti continui del suo animo e nel suo comportamento e stile di vita. Ma soprattutto nei momenti prima e dopo le celebrazioni o gli incontri egli cercava il silenzio; non il vuoto ma quella distensione di animo che era per lui preghiera, riflessione su quanto andava compiendo in nome di Dio.

Al Santo Padre, prima di ogni celebrazione venivano consegnati i testi liturgici ed evidenziati i segni particolari che in esse si sarebbero compiuti. Molto per tempo al Papa venivano segnalati i testi biblici (normalmente quelli che la liturgia assegna a quella determinata celebrazione); qualche volta lui stesso li richiedeva per preparare l'omelia. Ricordo che all’incontro con i giovani a Trento nel 1995 chiese loro se si stavano preparando all’incontro europeo di Loreto; io – disse – mi sto preparando. Eravamo al 30 aprile, l’incontro a Loreto era previsto in settembre. Era vero! Proprio qualche giorno prima il suo Segretario ci aveva chiesto a nome del Papa i testi biblici previsti per quella celebrazione: il Papa si voleva preparare, voleva preparare per tempo nella riflessione e nella preghiera la sua omelia per i giovani!

Giovanni Paolo II celebrava in modo molto calmo, mai in fretta; sempre con grande raccoglimento e, direi, con gravità. Non dava mai l'impressione di aver fretta, anzi. Era sempre molto concentrato sull'azione sacra che stava compiendo, anche se attorno a lui c'è movimento o rumore. Era molto attento ai segni sacri, alle parole da pronunciare, ai testi da cantare; spesso desiderava cantare le parti più solenni della liturgia, magari anche solo nelle conclusioni delle orazioni perché l'assemblea rispondesse nel canto. Sapeva anche aiutare l'assemblea a concentrare l'attenzione sul mistero che si celebrava più che sulla sua stessa persona.

A Bologna per il Congresso Eucaristico Nazionale del 1997 provoca i giovani con la sua testimonianza personale, dicendo cosa c’è al centro della sua vita: “Vorrei farvi una confidenza: con il passare del tempo la cosa più importante e più bella per me rimane il fatto di essere da oltre 50 anni sacerdote, perché ogni giorno mi è possibile celebrare la Santa Messa. L’Eucaristia è il segreto della mia giornata: Essa dà forza e senso ad ogni mia attività al servizio della Chiesa e del mondo intero”. Una delle dimensioni essenziali del ministero del Papa è proprio quella del celebrare, proprio perché anche il Papa è sempre e prima di tutto un sacerdote, un sacerdote che celebra i divini misteri. Per la persona di Giovanni Paolo II il pregare e il celebrare erano qualcosa di tipico, di specifico, che non tralasciava mai, al quale dava sempre la precedenza. Nei viaggi in Italia e all’estero lo spazio maggiore del tempo è sempre stato dedicato alle celebrazioni liturgiche nei luoghi più diversi e nelle modalità rituali più varie. E il Papa amava celebrare, sapeva celebrare con tutta la sua persona! Aiutava l’assemblea ad entrare nel “mistero”. Non lo appiattiva, non lo sviliva, lo esaltava e lo rendeva attuale e vero per chi era presente, anche se fisicamente o spiritualmente lontano dall’altare. E così ancora a Bologna, quando gli battono le mani, durante l’omelia, quasi a precisare come stanno le cose, Giovanni Paolo II disse chiaramente: “Durante il Congresso Eucaristico è Lui, il Cristo, che merita un applauso fortissimo!”. Così Giovanni Paolo II celebrava i misteri della salvezza e la vita di tutti i giorni; portava la vita nella liturgia e la liturgia nella vita. Si immedesimava nel mistero di Cristo e si immergeva nella vita degli uomini e delle donne del nostro tempo con uno spessore ed una profondità che destavano sempre sorpresa, ammirazione e volontà di imitazione.

Per quando riguarda il suo modo di pregare basta andare a leggere le pagine che egli ha dedicato a questo aspetto della sua vita nel libro "Varcare la soglia della speranza". Quando lo vedevo pregare da solo, magari prima o dopo le celebrazioni, mi ritornava alla mente l'espressione attribuita ad un suo compagno di studi a Roma: “Wojtyła, prega da fare invidia”. Nella vita del Papa erano presenti le due dimensioni della preghiera quella personale e quella comunitaria, in particolare liturgica, che si alimentano e si arricchiscono a vicenda. In lui appariva veramente il grande sacerdote che prega ed è guida alla preghiera. In una sua testimonianza del 27 ottobre 1995 Giovanni Paolo II ci insegna anche a pregare come faceva lui: scrivere su un quaderno i nomi delle persone che incontriamo e ogni tanto rileggere questi nomi davanti al Signore, per presentarli con semplicità e amore a lui.

Certo il Santo Padre soffriva nei tempi in cui non poter svolgere il suo ministero di Pastore in modo pieno come era solito fare; ma non ha mai sprecato il suo tempo e neppure ha perso la speranza, anche se in modo più rallentato, di continuare a predicare il Vangelo ovunque con coraggio e passione. Certamente il Papa non temeva le folle, anzi andava loro incontro con grande desiderio di trovarsi tra la gente per annunciare e ricordare la presenza del Cristo Salvatore di tutta l'umanità. Neppure si esaltava; più facilmente si commuoveva e come il Signore Gesù sentiva che sono come pecore senza pastore che hanno bisogno di un punto di riferimento sicuro; e il successore di Pietro ce l'ha: è Cristo la roccia. Nel suo incontro con la gente il Santo Padre sapeva cogliere la preoccupazione o la sofferenza del singolo che gli stringeva la mano; sapeva segnalare il peccato e la grazia che ogni folla porta con se come espressione dell'umanità e della Chiesa e come realtà di ogni singolo individuo. Con il suo sguardo sapeva abbracciare un'immensa e cosmopolita assemblea e sapeva avvicinarsi al cuore di chi guardava a lui con speranza, in ricerca, con gioia, con desiderio di bene.

Lo stile del Papa si rivelava soprattutto nelle visite alle Parrocchie di Roma; in quelle visite appariva tutta la sua storia di sacerdote e di Vescovo, consapevole del valore della parrocchia, delle sue iniziative e della sua realtà fatta di gente normale: soprattutto bambini, giovani, sofferenti, anziani, famiglie, uomini e donne dediti al loro lavoro; in una parola il Papa sapeva essere attento a quella tipica dimensione parrocchiale che è fatta di persone, suddivise in fasce di età e gruppi, ma tutti formanti la comunità. Egli rivelava non tanto di aver lui bisogno della gente, ma di voler offrire con la sua presenza e con la sua persona la risposta ai tanti bisogni della gente. Come Pietro ha continuato a ricordare che il Cristo, lui solo ha parole di vita, di vita eterna.

Le visite pastorali, i viaggi in Italia e nel mondo sono stati per moltissime persone l'occasione di una presenza da accogliere, da sentire, da riconoscere. La sua presenza era la riproposta di un messaggio che già portiamo nel cuore; lui veniva accanto ad ogni persona, sulle loro strade, come il Risorto ad Emmaus, perché si riaprissero gli occhi, perché ci lasciassero riscaldare il cuore, perché sapessero, se necessario, ritornare alla Chiesa e sentirsi parte di essa. Penso soprattutto ai bambini, ai ragazzi e ai giovani che avrebbero ricordato quel momento per tutta la vita e lo racconteranno ancora come una delle cose più significative della loro memoria.

Quando per le celebrazioni precedevo il Papa mi hanno sempre colpito gli sguardi della gente in attesa del suo passaggio. Ma quando viaggiavo su qualche macchina dopo di lui (ricordo a Lecce, mio primo viaggio in Italia mi sono commosso) mi veniva da dire dentro di me: ho visto il Papa negli occhi delle gente. Negli occhi ingenui e innocenti di un bambino; negli occhi gonfi di lacrime di una mamma; negli occhi pensierosi e quasi spenti di un anziano; negli occhi ancora increduli e pieni di interrogativi di un giovane, in molti occhi raggianti di gioia: ho visto il Papa. E in quei i cuori certo è rimasto qualche cosa; forse non le parole ma certo il ricordo di un volto, il segno di una presenza: colui che veniva a confermare i fratelli nella fede e che a volte si accontentava magari solo di riaccendere, di provocare, di interrogarsi su quella fede.

Ricordo particolarmente il viaggio in Croazia nel mese di ottobre 1998. Non ho mai visto niente di simile. In questi anni ho incontrato tante folle per le celebrazioni con il Santo Padre. Ma quella volta sulle vie della Croazia la cosa è stata straordinaria. Chilometri e chilometri di gente assiepata lungo le strade a salutare il Papa, ad esprimergli la simpatia di chi si sente dello stesso ceppo, ad offrirgli il saluto di chi gli è riconoscente, a fargli sentire un affetto per tanti anni tenuto rinchiuso “oltre cortina”. Viene in mente la folla dell’Apocalisse, che nessuno poteva contare; quella gente con le palme nelle mani, come a Gerusalemme in quell’ingresso, misterioso e vivace, che riviviamo ogni anno all’inizio della settimana santa. Quasi come una memoria, quasi come un annuncio della venuta e del ritorno di Cristo. Sì, posso affermare di aver visto tante volte il Papa negli occhi della gente. È una sensazione strana, particolare, ma vera e interessante: guardare i volti della gente immediatamente dopo che il loro sguardo ha incrociato quello del Papa. C’è chi piange, chi sorride, chi rimane sorpreso o pensieroso; chi sprizza felicità e gioia e chi chiude gli occhi, quasi per non perdere quella “visione” e conservarla nel cuore. In quegli occhi resta un immagine, una figura, una presenza.


UN UOMO CHE HA CAMMINATO SUI MONTI

Ricordo sempre con intima commozione i miei 12 anni di servizio al Santo Padre Giovanni Paolo II. Le tante Messe del martedì, di buon ora alle 7 nella cappella “Redemptoris Mater”, quelle nelle parrocchie romane alla domenica mattina, le innumerevoli celebrazioni nella basilica vaticana e in Piazza San Pietro, quelle nelle diverse basiliche e chiese di Roma, i viaggi in Italia e quelli in diverse parti del mondo. Quante volte guardandomi, con quegli occhi che ti scrutano nel profondo, rispondendo al mio saluto nelle più svariate sagrestie il Papa scherzando mi chiamava: “Adamello!”.

Mi confidava allora il suo Segretario che quei due giorni (lunedì 16 e martedì 17 luglio 1984) in questa nostra regione, al rifugio delle Lobbie nel gruppo dell’Adamello, erano sempre nella memoria e nel cuore del Papa, poiché erano stati la prima vera “vacanza” dall’inizio del Pontificato. Più volte il Papa si era recato “di nascosto” sulle montagne attorno a Roma, sia in estate che in inverno, magari partendo in modo più riservato da Castelgandolfo. Ma erano sempre sortite di poche ore, al massimo di una giornata, di solito il martedì. Quante volte al mercoledì mattina si guardava sorridenti al volto del Papa, che non poteva celare una simpatica abbronzatura, frutto della gita “fuori porta” del giorno prima.

Solo nell’estate 1987, infatti, Giovanni Paolo II cominciò a trascorrere pubblicamente alcuni giorni di distensione in montagna a Lorenzago di Cadore (6 volte negli anni 1987, 1988, 1992, 1993, 1996 e 1998) e a Les Combes in Val d’Aosta (10 volte negli anni 1989, 1990, 1991, 1994, 1995, 1997, 1999, 2000, 2001 e 2004). Al Passo delle Lobbie di fronte al Pian di Neve sarebbe poi tornato nell’estate del 1988 (sabato 16 luglio), per celebrare la Santa Messa sull’altare di granito, proprio venendo da Lorenzago.

Più volte in occasione dei suoi viaggi internazionali il Santo Padre è tornato per qualche ora “su pei monti”. Io ricordo personalmente una breve escursione sui Monti Tatra, in occasione del viaggio in Slovacchia. Era il 3 luglio 1995 nei pressi di Poprad proprio ai confini con la sua terra natale, la regione di Wadowice e di Cracovia. Hanno fatto il giro del mondo le foto che lo ritraggono nelle passeggiate sulle montagne d’Europa e d’America: in Spagna nel 1989 nella zona di Santiago de Compostela, negli Stati Uniti d’America, sulle montagne rocciose del Colorado vicino a Denver nel 1993, e più volte nella sua amata patria, la Polonia (in particolare sui monti di Zakopane nel 1997). Anche quando era ormai immobilizzato si faceva portare in alto; ricordo un luogo suggestivo e isolato in val d’Aosta, quasi sull’orlo di un precipizio da cui si godeva una vista meravigliosa; lì rimaneva in silenzio per lungo tempo, solo e assorto. Solo? No certamente con Dio!

La montagna, ogni montagna, è sempre stata nel cuore di questo Pontefice che per 27 anni si è incamminato sulle vie degli uomini per portare a tutti l’annuncio di Cristo. Quanto si addicono a lui le parole del profeta: “Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza” (Is 52, 7). Ma da dove gli veniva questa “passione”, questo amore per la montagna? Certamente dalla sua esperienza personale, dalla sua famiglia, dal suo paese natale, dalla diocesi di Cracovia, che è diocesi che comprende paesi di gente di montagna. E ancora dai suoi anni giovanili di studente, di lavoratore, di seminarista e di sacerdote impegnato con i giovani universitari.

Ma c’è qualcosa di più! La montagna era per Giovanni Paolo II quello che essa era per Gesù di Nazareth. Ripensiamo un momento ai Vangeli da questo punto di vista. Quante volte gli evangelisti testimoniano la predilezione di Gesù per la montagna. I monti hanno un significato speciale in tutta la vita di Gesù. Ancor in grembo di Maria va in fretta verso le montagne di Giuda. Quante notti scappava letteralmente sui monti attorno al lago di Genesaret per rimanere solo in preghiera. Su quei monti ha chiamato a sé i Dodici, perché stessero con lui e per mandarli a predicare la buon notizia del Regno. Come dimenticare le sue parole più belle, ancor oggi ricordate col nome di “Discorso della Montagna” con la proclamazione delle Beatitudini, pronunciate sulle pendici dei colli di Galilea? E ancora la sua Trasfigurazione sul Monte Tabor, la sua morte sul Monte Calvario e infine la sua Ascensione al cielo dal Monte degli Ulivi.

Chi va oggi pellegrino in Terra Santa rimane un po’ sconcertato da quei poveri monti, solo colline, poco più o poco meno. Ma sullo sfondo in lontananza ecco i grandi monti cantati dai salmisti e contemplati nella loro altezza e nella lucentezza delle loro nevi. Così il monte Oreb, la montagna di Elia, il profeta contemplativo e strenuo difensore dell’unico Dio d’Israele, che dal deserto compie il cammino di quaranta giorni per incontrarsi con Dio (1 Re 19). Il luogo della vicinanza a Dio e dell’incontro con Dio, come lo fu per Mosè sul Sinai ed anche per i grandi patriarchi dell’Antico Testamento.

È qui, in questa tormentata regione del medio oriente, che era nata e affondava le sue radici la spiritualità del Papa polacco, quella che ha ispirato particolarmente i grandi monaci eremiti, iniziatori dell’ordine carmelitano al quale Giovanni Paolo II era tanto legato, fin dall’inizio della sua gioventù. La sua era, appunto, la spiritualità del Monte Carmelo, dalla quale ha avuto origine anche quella devozione tanto sentita anche nei nostri paesi e nelle nostre valli alla Beata Vergine del Monte Carmelo, detta popolarmente Madonna del Carmine. In particolare egli l’ha attinta dal testo di San Giovanni della Croce, il mistico carmelitano del 1500: “La salita al Monte Carmelo”.

Il Papa stesso nel suo libro autobiografico “Dono e mistero” rivelava quanto è stata importante per lui la spiritualità carmelitana fin dalla sua infanzia e per tutto il periodo della giovinezza. Sia a Wadowice che a Cracovia venne formandosi in lui la devozione per lo scapolare della Madonna del Carmine: “Anch’io lo ricevetti – scriveva Giovanni Paolo II -, credo all’età di dieci anni, e lo porto tutt’ora”. Il Papa stesso riconosceva che la sua spiritualità deve molto ad un laico credente impegnato nella preghiera e nella catechesi per i ragazzi, Jan Tyranowski, che lo introdusse nella lettura delle opere della spiritualità carmelitana di Santa Teresa d’Avila e di San Giovanni della Croce. E inoltre Karol Wojtyła confessava: “Per un certo periodo presi anche in considerazione la possibilità di entrare nel Carmelo”.

Ora che Giovanni Paolo II è Beato mi appare come un’anziana guida alpina che alza gli occhi verso i monti, a ricordare tante vie percorse, tante persone incontrate, tante esperienze vissute, pericoli e gioie, incertezze e soddisfazioni, nella certezza, come canta il salmista, che dà li viene la salvezza: “Alzo gli occhi verso i monti: da dove mi verrà l’aiuto? Il mio aiuto viene dal Signore, che ha fatto cielo e terra” (Sal 120). Lui è giunto a quel traguardo che riguarda tutti noi al termine del cammino di questa vita, come dice la bella preghiera propria della celebrazione 16 luglio, memoria della Madonna del Monte Carmelo: “fa che giungiamo felicemente al tuo santo monte che è il Cristo Gesù, nostro Signore”. Ecco la spiritualità del Papa montanaro: ogni montagna gli ricordava il Cristo, un amico da non dimenticare, una vetta da conquistare, una meta da raggiungere. Egli ora l’ha raggiunta e ci guarda dal Cielo!


UN UOMO CHE HA CANTATO LA GLORIA DI DIO

Vorrei ricordare ancora questa sera Giovanni Paolo II anche come un Papa che amava il canto, che amava cantare. Lo ricordo durante il Viaggio negli Stati Uniti d’America nel 1995. Il momento più suggestivo fu durante l’omelia a Central Park, dove gli scoiattoli anche durante la Messa potevano correre liberi e incuriositi. Ad un certo punto, parlando sul tema dell’incarnazione del Figlio di Dio, il Papa si ferma e intona un canto natalizio polacco. Tutta l’assemblea, nella quale era presente la vasta colonia di immigrati di origine polacca, è meravigliata e sembra quasi che la nebbia, che avvolgeva la spianata, si diradi in un clima di grande serenità. Al termine dell’omelia l’assemblea spontaneamente gli risponde con il canto in lingua inglese dello Stille Nacht.

Al Papa polacco piaceva cantare sia i testi delle celebrazioni liturgiche (soprattutto i prefazi in latino), sia i canti tradizionali quelli di montagna, ma soprattutto religiosi in special modo quelli natalizi, della sua amata patria. Li conosceva a memoria e non si stancava mai di cantarli lui stesso. Tante volte, anche se magari sul messale era indicato di proclamare, lui cantava: una finale di orazione, un “Per Cristo”, un “Mistero della fede”; e qualche volta nelle parrocchie romane metteva in difficoltà il coro e l’assemblea. Gli piaceva anche ascoltare. Ricordo in una parrocchia romana, quando al termine della Messa domenicale si fermò assorto ad ascoltare un canto. Ero solo vicino a lui e il suo Segretario mi fece cenno che era ora di tornare in sacrestia. In cuor mio – conoscendo bene il Papa – sapevo che dovevo attendere, ma vista l’insistenza mi avvicinai al Santo Padre gli dissi “Santità, possiamo andare”. E lui - come mi aspettavo - rispose perentorio: “Un momento!”.

Mi torna alla mente anche quanto accaduto la sera dell’ultimo giorno, al termine del viaggio in Bulgaria del 2002 nell’incontro con i giovani, prima del rientro a Roma. Gli organizzatori e i responsabili fremevano; eravamo già più di un’ora in ritardo. I giovani cominciarono a cantare un canto religioso polacco. Il Papa che li ascoltava attento si era poi unito a loro. Alla terza strofa i giovani si fermarono e lui proseguì con altre quattro strofe tra la meraviglia e il silenzio di tutti e quindi scoppiò l’applauso. Così con i giovani a Trento alla fine del mese di aprile del 1995 scherzava divertito e, riferendosi ai canti dei vari movimenti, diceva: “Io conosco già i vostri canti. Possiamo dire conosco le specialità delle varie cucine…”. E come in altre occasioni chiedeva ai giovani di cantare, di cantare tutti insieme, secondo la bella tradizione giovanile cattolica. Anche al rifugio delle Lobbie sull’Adamello i pochi testimoni di quelle due giornate d’estate sulla neve ricordano il suo incoraggiamento e la sua attenzione all’esecuzione dei nostri suggestivi canti alpini.

L’attuale Papa Benedetto XVI, grande estimatore e acuto conoscitore della musica sacra e classica, ci avverte che: “La musica, elevando l’anima alla contemplazione, ci aiuta a cogliere anche le sfumature più intime del genio umano, in cui si riflette qualcosa della bellezza senza confronti del Creatore dell’universo” (21 aprile 2006). Lo vogliamo fare ora anche noi guardando al Papa Giovanni Paolo II e immaginandolo ormai partecipe del coro e del canto degli Angeli e dei Santi nell’eternità beata. Ci uniamo quindi questa sera in qualche modo a questa armonia del Cielo, come scrisse lo stesso nuovo Beato nella sua opera poetica intitolata Trittico Romano, parlando di noi, dei cristiani che “…cantano l’inno di ringraziamento, un Magnificat dell’intimo umano ed è allora che sentono profondamente che proprio in Lui – in Dio – viviamo, ci muoviamo ed esistiamo. Proprio in Lui! È Lui che ci permette di partecipare a questa bellezza che aveva ispirato in loro”.

Anche nella voce, sua grande prerogativa, come nella forza fisica del camminare, Giovanni Paolo II è stato colpito nell’ultimo periodo della sua vita. Il Signore lo ha spogliato di tutto per far emergere, ancora una volta di più, un Totus tuus, di completo abbandono nelle mani di Dio, da cui tutto aveva ricevuto e che a lui aveva dedicato e consacrato con tutto se stesso.


UN UOMO COME NOI

Rievocare la presenza di una persona eccezionale, quale fu il Santo Padre Giovanni Paolo II, porta a ricordare parole ed eventi che vengono evocati nella memoria e nel cuore di ciascuno di noi. Per parte mia ho avuto la grazia e il dono di condividere da vicino, per oltre dodici anni, alcuni di questi momenti nei viaggi in Italia e all’estero, nelle celebrazioni nelle basiliche e nelle parrocchie romane – penso in modo speciale all’impegno del grande giubileo dell’anno santo del 2000 – fino al momento finale dei 27 anni di Pontificato, quella sera del 2 aprile 2005.

Giovanni Paolo amava anche saper sorridere quando poteva cogliere le occasioni di una parola, di un ricordo di una situazione. Lo ricordo ridere fino alle lacrime al pranzo offerto a noi Cerimonieri dopo la conclusione delle celebrazioni per l’Anno Santo del 2000, al racconto vivace e pittoresco dell’avventura di un parroco romano alle prese con dei poveri ladri costretti e minacciati dall’energico sacerdote con tanta di pistola a chiamare loro stessi al telefono i carabinieri dicendo: “Semo li ladri!”.

Non dimenticherò mai quello che accadde al momento dell’offertorio della Messa, che il Papa celebrava a Saint’Anne d’Auray (nella diocesi di Vannes, in Francia nel 1996). Ho provato un momento di imbarazzo e di panico perché il Papa per ben due volte mi guarda e a stento trattiene un sorriso: siamo al momento dell’incenso e al momento del lavabo. Cerco di capire cosa ho combinato o se ho la veste fuori posto. Ma l’esame di coscienza in quel momento non mi offre materia! Al termine della Messa Sagrestia il Papa mi fa un cenno, mi chiama e mi dice: “Lei vuole sapere perché il Papa rideva”. Io mi schermisco. E lui mi dice allora di aver visto alle mie spalle uno dei Prelati del Seguito che in quel momento della celebrazione dormiva beatamente. Non era una novità; e il Papa dice: “Ho visto che per la prima volta…”. Sì il Papa sapeva anche sorridere di tante piccole realtà umane fragili e ridicole.

Ricordo ancora durante la Veglia Pasquale in San Pietro quando un giovane catecumeno coreano fece un inchino così profondo da finire con la testa nell’acqua della vasca battesimale: quasi un “auto-Battesimo”! Il Papa non seppe trattenersi, ma neppure il diacono che, piuttosto voluminoso cominciò a far traballare la vasca con l’acqua che sembrava un mare in tempesta… Ricordo un’altra volta il Papa che sorrideva divertito: in un’improvvisata sacrestia allestita in una città di un paese dell’Est ad una parete era appeso un quadro, un’antica stampa raffigurante una storica battaglia in cui i polacchi avevano perso. Il Papa osserva e sorride: lo avranno fatto apposta o per caso?

Per rivelare lo stile "familiare" del Santo Padre posso ricordare quanto mi è accaduto dopo la Messa di Mezzanotte del Natale del 1994; accostandomi a fargli gli auguri ho rivolto a lui l'augurio in lingua polacca ed egli sorridendo ha cominciato a rispondermi in polacco divertito della mia espressione imbarazzata, tipica di chi non capisce, per continuare poi in italiano ringraziando e contraccambiando l'augurio. Non posso poi dimenticare “l’incidente” della Notte di Natale di qualche anno dopo, quando al canto del Gloria della Messa della Notte al Papa cadde l’apparecchio acustico; in diretta mondo visione dovetti infilarglielo nell’orecchio su sua esplicita richiesta, temendo di finire su … “Striscia la notizia” con un dito nell’orecchio del Papa!


UN UOMO CHE CI HA INDICATO CRISTO, IL REDENTORE

Un grande testimone del credere in Cristo e del donarsi totalmente (Totus tuus) è stato certamente il Papa Giovanni Paolo II, che ricordiamo in quest’anno della sua Beatificazione. Come diceva l’attuale Pontefice Benedetto XVI nella Messa del 29 marzo 2010: “Tutta la vita del Venerabile Giovanni Paolo II si è svolta nel segno di questa carità, della capacità di donarsi in modo generoso, senza riserve, senza misura, senza calcolo. Ciò che lo muoveva era l’amore verso Cristo, a cui aveva consacrato la vita, un amore sovrabbondante e incondizionato. E proprio perché si è avvicinato sempre più a Dio nell’amore, egli ha potuto farsi compagno di viaggio per l’uomo di oggi, spargendo nel mondo il profumo dell’Amore di Dio. Chi ha avuto la gioia di conoscerlo e frequentarlo, ha potuto toccare con mano quanto viva fosse in lui la certezza “di contemplare la bontà del Signore nella terra dei viventi”; certezza che lo ha accompagnato nel corso della sua esistenza e che, in modo particolare, si è manifestata durante l’ultimo periodo del suo pellegrinaggio su questa terra: la progressiva debolezza fisica, infatti, non ha mai intaccato la sua fede rocciosa, la sua luminosa speranza, la sua fervente carità. Si è lasciato consumare per Cristo, per la Chiesa, per il mondo intero: la sua è stata una sofferenza vissuta fino all’ultimo per amore e con amore”.

A lui, a Giovanni Paolo II, era cara la parola Redentore per designare Gesù Cristo. Nel Palazzo Apostolico in Vaticano, oltre la cappella privata nell’appartamento alla terza loggia, ci sono due cappelle famose alla I loggia: la Sistina (rinomata e che si visita nel giro dei Musei Vaticani) e la Paolina (recentemente restaurata); ma ce n’è una terza che era molto amata da Giovanni Paolo II alla II loggia, dove ogni martedì celebrava la Santa Messa per qualche gruppo numeroso. In essa ogni venerdì di Avvento e di Quaresima il Papa e i suoi collaboratori ascoltano il Predicatore della Casa Pontificia, il noto P. Raniero Cantalamessa, e lì si fanno gli esercizi spirituali la I settimana di Quaresima. Al Papa Giovanni Paolo II però non piaceva il nome di quella Cappella (chiamata allora Cappella Matilde, a ricordare la contessa di Canossa dei tempi di papa Gregorio VII e dell’imperatore Enrico IV) e nell’anno mariano 1987 la volle chiamare cappella Redemptoris Mater, la cappella di Maria, Madre del Redentore. Questo Papa, tanto devoto alla Madonna, ci ricorda che la grandezza della Beata Vergine sta nel aver accolto il Figlio di Dio fatto uomo; nell’Incarnazione egli è diventato pienamente il Redentore dell’uomo. Ed è interessante notare come ritorna spesso anche in molti titoli dei suoi scritti, questa parola, questo termine Redentore che piaceva a Giovanni Paolo II. La sua prima e grande enciclica Redemptor Hominis (1979), che presenta la figura di Cristo, unico Redentore dell’uomo, centro del cosmo e della storia, fattosi uomo come noi per rivelare la vera immagine dell’uomo. Ma anche quella sulla Madonna Redemptoris Mater (1987), eco dell’antica antifona Alma Redemptoris Mater. E ancora l’esortazione apostolica su San Giuseppe, definito Redemptoris Custos (1989), il Custode del Redentore, alla cui premurosa custodia furono affidati “gli inizi della nostra redenzione” (MR Colletta). E l’enciclica sulla permanente validità del mandato missionario della Chiesa che continua l’opera di Cristo, Redemptoris Missio (1990), la Missione del Redentore.

Al centro c’è sempre lui il Cristo Redentore, come il Papa stesso ci ricordava fin dall’inizio del suo Pontificato, quando disse le memorabili e indimenticabili parole: “Non abbiate paura di accogliere Cristo e di accettare la sua potestà! Aiutate il Papa e tutti quanti vogliono servire Cristo e, con la potestà di Cristo, servire l’uomo e l’umanità intera! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura! Cristo sa “cosa è dentro l’uomo”. Solo lui lo sa! Oggi così spesso l’uomo non sa cosa si porta dentro, nel profondo del suo animo, del suo cuore. Così spesso è incerto del senso della sua vita su questa terra. È invaso dal dubbio che si tramuta in disperazione. Permettete, quindi – vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo. Solo lui ha parole di vita, sì! di vita eterna”. Ecco chi è il Redentore, il Redentore dell’uomo! … per Giovanni Paolo II e per noi.

Anche noi siamo chiamati nella nostra vita ad aprire, a spalancare le porte al Redentore – secondo l’invito del Giubileo dell’anno 2000 – e questo si attua quando ci prendiamo un po’ di tempo per pregare, per ascoltare la Parola di Dio. Ma noi dobbiamo riconoscere e ad accogliere il Redentore anche nella persona di chi si fa accanto a noi chiedendoci un gesto di gratuità, di misericordia, di apertura per un futuro di speranza e di libertà vera e piena per tutti come ha fatto il Beato Giovanni Paolo. Ogni giorno egli ha accolto persone di tutto il mondo alla sua tavola a pranzo, a cena: non ha mai mangiato da solo. Durante i Sinodi dei Vescovi in quattro settimane accoglieva i trecento e più partecipanti. La sua ospitalità era proverbiale e soprattutto evangelica. Durante i pasti parlava poco, provocava e faceva parlare. Interrogava e ascoltava molto per avere un’ampia panoramica sulla Chiesa e il mondo con le loro prospettive, i problemi e le potenzialità. Il Papa di solito non parlava molto; amava ascoltare. Ma spesso interveniva orientando la conversazione, rilanciando l’attenzione sugli argomenti che gli interessavano e dando modo così ai commensali di esprimersi, di approfondire una determinata questione.

Quante volte Giovanni Paolo II si è recato tra le croci che segnano ancora l’umanità del nostro tempo, con la sua presenza, con la sua carità, con la sua preghiera. Lui stesso appariva negli ultimi anni quasi piegato sotto la croce. Quante mani ha stretto Giovanni Paolo II? Quanti sguardi ha incrociato? Quanta gente ha incontrato? Quanti hanno ascoltato la sua parola nelle più svariate lingue ed espressioni umane? Quanti hanno celebrato con lui i Sacramenti? Quanti hanno avuto il conforto della sua carità concreta e quanti hanno beneficiato della sua incessabile preghiera? Nessuna indagine, nessuna ricerca, nessuna statistica riesce e può registrare tutto questo: lo sa Dio! Nei suoi viaggi nelle sue visite pastorali il Papa era di passaggio e spesso mi ha colpito questa sensazione che mi pare quasi biblica e mi richiama quella dimensione propria del camminare di Maria “che si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda” (Lc 1, 39). Non la fretta del fuggire via, dello sfuggire le persone e le situazioni, ma la premura del rendersi presente anche se si è consapevoli di esserlo solo di passaggio perché non ci si può fermare.

Ora anche Giovanni Paolo II si è fermato e da lassù – secondo un’idea cara a Papa Benedetto – è ancora più vicino alla sua Chiesa, ad ogni uomo e ad ogni donna di buona volontà che lo ricordano, che guardano a lui con affetto, ammirazione e dal primo maggio 20011 anche con la venerazione e la preghiera perché è in Dio, è un Beato tra i Santi nel Regno dei Cieli. Egli è stato tra noi come Vescovo di Roma e Sommo Pontefice della Chiesa. Mi piace questo nome di Pontefice, anche se la sua origine sa un po’ di imperatori romani. Mi piace perché esprime una verità nella vita e nel ministero petrino di Karol Wojtyła: essere Pontefice, “Pontifex”, cioè costruttore di ponti: ponti con i fratelli cristiani, con gli appartenenti alle varie religioni, con gli uomini e le donne di ogni parte della terra.

Questo uomo grande, questo Papa itinerante che ha camminato sulle vie del mondo e della storia, quasi un nuovo “Karl der Grosse” (per dirla con una lingua a lui familiare dopo il polacco e prima dell’italiano), un “Carlo Magno” dei nostri tempi, la cui grandezza, santità, beatitudine sta nell’aver sempre dato il primo posto a Dio. Per questo la Chiesa lo ha riconosciuto Beato e per mezzo di lui, per sua intercessione, ora prega il Padre dei Cieli, clemente e benigno, dicendo:

“Dio, ricco di misericordia, che hai chiamato il beato Giovanni Paolo II, papa, a guidare l’intera tua Chiesa, concedi a noi, forti del suo insegnamento, di aprire con fiducia i nostri cuori alla grazia salvifica di Cristo, unico Redentore dell’uomo. Egli vive e regna per tutti i secoli dei secoli. Amen”.

Rassegna Stampa Cattolica | Cattolicesimo tratto da...


  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Stampa Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...

Ricerca articoli

Ricerca fra tutti gli articoli il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Gli auguri del Custode di Terra Santa padre Pierbattista Pizzaballa, ofm per il Natale 2015
p. Pierbattista Pizzaballa Custode di Terra Santa
del 24/12/2015

Dio ha scelto i poveri e noi …?
Antonio Riboldi - Vescovo
del 06/09/2015

«In Medio Oriente è la fine del cristianesimo?».
Maria Teresa Pontara Pederiva
del 28/07/2015

Lasciate che i bambini vengano a me !
M. Caterina Muggianu
del 12/05/2015

Il sangue della pace
Stefania Falasca
del 22/04/2015

Ridare onore a matrimonio uomo-donna
Udienza generale Papa Francesco
del 22/04/2015

Chi deve aprire o chiudere il tabernacolo?
[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]
del 16/01/2015

Dal Sinodo dei Vescovi sulla Famiglia
traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti
del 10/10/2014

“Coraggio, sono Io, non abbiate paura”
Antonio Riboldi – Vescovo
del 09/08/2014

Giovanni Paolo II nei nostri ricordi
Maria Caterina Muggianu
del 02/04/2014

E se in questa Quaresima facessimo un po' di “elemosina spirituale"
Juan Ávila Estrada - traduzione di Roberta Sciamplicotti
del 08/03/2014

La Reginella Santa
Di Federico Cenci
del 25/01/2014

Ecumenismo - Aspettative della Settimana di preghiera per l’unità
Kurt Koch Cardinale presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristian
del 17/01/2014

La vera notizia di quel battesimo
Andrea Tornielli
del 15/01/2014

L'Unità dei Cristiani
M. Caterina Muggianu
del 13/01/2014

Il sentiero dell’attesa
HENRI J.M. NOUWEN
del 10/12/2013

«Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra»
di Giovanni Ricciardi
del 01/10/2013

Benedetto XVI mi ha guarito da un tumore”
marco tosatti
del 03/09/2013

"DIECI PIAZZE PER DIECI COMANDAMENTI"
Papa Francesco
del 08/06/2013

"I cristiani rispondano al male con il bene"
Stefano Filippi
del 08/04/2013

Papa Francesco e madonna povertà
Tony Puglisi
del 05/04/2013

Papa Francesco e i francescani della Custodia a Buenos Aires
fra Rafael Sube Jiménez
del 28/03/2013

Misericordia, la prima enciclica
Andrea Tornielli
del 18/03/2013

La prima volta di un patriarca alla messa d’insediamento
Maria Teresa Pontara Pederiva
del 15/03/2013

TU SEI PIETRO
P. Severino
del 15/03/2013

Il vero elettore nel Conclave
Umberto Folena
del 11/03/2013

Le tante croci della nostra vita
Gianfranco Ravasi
del 27/01/2013

ECUMENISMO E NUOVA EVANGELIZZAZIONE
Cardinale Angelo Scola
del 20/01/2013

«La clausura? È la vera libertà»
Domenico Agasso Jr.
del 18/01/2013

“Così il Papa interviene sui suoi tweet”.
F. Marchese Ragona
del 01/01/2013

LE PIETRE D'INCIAMPO DEL VANGELO
Gianfranco Ravasi
del 23/12/2012

La navigazione della fede
Gianfranco Ravasi
del 28/12/2012

Il verme che non muore
Gianfranco Ravasi
del 05/11/2012

Cristo porta tutta la novità
Robert Imbelli
del 26/10/2012

Il Vangelo nel mondo

del 28/10/2012

Nel segno del concilio
c.d.c.
del 28/10/2012

Giovanni d’Ávila predicatore e maestro spirituale
Benedetto XVI - Lettera Apostolica 7 ottobre 2012
del 09/10/2012

Ildegarda di Bingen
Benedetto XVI - Lettera Apostolica 7 ottobre 2012
del 09/10/2012

Tempo di missione
Nikola Eterović, Segretario generale del Sinodo dei vescovi
del 09/10/2012

Ildegarda di Bingen La profetessa teutonica
Karl Lehmann, Cardinale vescovo di Magonza
del 09/10/2012

Per trasmettere la fede
L
del 09/10/2012

Indulgenza Plenaria nell'Anno della Fede
Annum Fidei
del 05/10/2012

A Torino si apre il Sinodo dei giovani
Domenico Agasso Jr.
del 05/10/2012

La famiglia, un dono, oggi, a volte incompreso
Antonio Riboldi – Vescovo
del 05/10/2012

La nuova missione oltre le strutture
Giulio Albanese
del 05/10/2012

LA GRANDE SORPRESA DI GIOVANNI
Vittorio Messori
del 04/10/2012

Un'ingiustizia sociale di Gesù?
Gianfranco Ravasi
del 16/07/2012

I due grandi amori di papa Wojtyła
fra Marco Malagola ofm
del 03/07/2012

I muri uccidono la pace
Fra Marco Malagola, ofm
del 06/06/2012

I due grandi amori di papa Wojtyła
fra Marco Malagola ofm
del 06/06/2012

IL PAPA IN FESTA CON LE FAMIGLIE DEL MONDO
VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE
del 05/06/2012

Incontro del Papa con i Cresimandi
Benedetto XVI - Discorso 2 giugno 2012
del 05/06/2012

La famiglia, una casa ben costruita
di Stefano Stimamiglio
del 05/06/2012

QUANDO L'IMPOSSIBILE DIVENTA POSSIBILE
Mario Scudu SDB
del 22/05/2012

«È un fantasma!»
Gianfranco Ravasi
del 12/05/2012

LA FORZA DEI FRATELLI: GETTARE LE NUOVE RETI
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

PLASMARE LA STRUTTURA NEL MONDO E NEL TEMPO
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

COSTRUIRE UN’ASSEMBLEA UNIVERSALE
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

PORTARE ALLA RIBALTA L’ESSENZIALE
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

Lo spirito impuro
Gianfranco Ravasi
del 27/04/2012

Bestemmiare lo Spirito
Gianfranco Ravasi
del 23/04/2012

Il "sì" di Dio nella mia vita
Benedetto XVI - Omelia 16 aprile 2012
del 17/04/2012

Non desiderare!
Gianfranco Ravasi
del 26/02/2012

Il santo della gioia cristiana
GIOVANNI ZAVATTA
del 26/02/2012

11 FEBBRAIO, E' TUTTO VERO
Vittorio Messori
del 11/02/2012

L’eroico quotidiano
Anna Maria Canopi
del 04/01/2012

Il Nazareno
Gianfranco Ravasi
del 28/01/2012

Ciò che più ci manca
Marina Corradi
del 25/01/2012

IDENTIKIT DEL MESSIA
Cardinale Giacomo Biffi
del 20/01/2012

LUCE DI SPERANZA NELL’ORIZZONTE OSCURO
Carlo Cardia
del 10/01/2012

LE PIETRE D'INCIAMPO DEL VANGELO
Gianfranco Ravasi
del 08/01/2012

EDUCARE I GIOVANI ALLA GIUSTIZIA E ALLA PACE
Benedetto XVI
del 01/01/2012

Il cammello ritrovato
PIER GIORDANO CABRA
del 27/12/2011

Il Papa visita Gesù dietro le sbarre
Andrea Tornielli
del 18/12/2011

È MORTA LA VEGGENTE DI BANNEUX
Giorgio Bernardelli
del 06/12/2011

Il Papa e i segni nel cielo
Marco Tosatti
del 25/11/2011

LA FOLLIA DI MEDJUGORJE

del 18/11/2011

DISCORSO AI FIDANZATI DI BENEDETTO XVI
Benedetto XVI
del 15/11/2011

L'amico di Giovanni Paolo II
Chiara Santomiero
del 18/10/2011

Diario di una missione
Padre James CMOP
del 11/10/2011

GIOVANNI PAOLO II, VISTO DA VICINO
Mons. Giulio Viviani
del 09/08/2011

La cosiddetta Pace Sociale
Maria Caterina Muggianu
del 12/08/2011

Milano vieta le Chiese e s'inchina alle moschee
di Magdi Cristiano Allam
del 04/07/2011

la mia testimonianza sulla medaglia miracolosa.
Ida Giovannelli
del 28/06/2011

la mia testimonianza sulla medaglia miracolosa.
Ida Giovannelli
del 28/06/2011

Quaresima, tempo speciale
Madre Elvira
del 08/03/2011

Il testamento spirituale di Shahbaz Bhatti,
Shahbaz Bhatti
del 07/03/2011

La chiesa cattolica in Libia
Padre Piero Gheddo
del 25/02/2011

INDIA MERCEDARIA
Padre Giovannino Tolu
del 15/01/2011

La confessione degli ultimi catari
Franco Cardini
del 12/01/2011

I martiri nascosti dell'America Latina
Alessandro Armato
del 11/01/2011

Il cammino dei magi
Benedetto XVI
del 07/01/2011

Il sangue dei fedeli
g. m. v.
del 04/01/2011

Come Pio XII salvò gli ebrei di Romania
di Raffaele Alessandrini
del 04/11/2010

Baghdad, assalto alle chiese
Fulvio Scaglione Alberto Bobbio
del 31/10/2010

La loro vocazione risveglia la nostra
Luigi Geninazzi
del 24/10/2010

Il modello Giordania

del 16/10/2010

Una mappa per il bene comune
Matteo Liut
del 14/10/2010

Il gesuita che aprì la Cina al mondo
Lorenzo Rosoli
del 14/10/2010

Il Papa: 4 falsi dei e l'unico Dio
Salvatore Mazza
del 13/10/2010

I GESTI DELLA FEDE
Giacomo Gambassi
del 13/10/2010

E l'uomo fu rivelato all'uomo
Leonardo Lugaresi
del 14/10/2010

Mosul, la terra del martirio
LUIGI GENINAZZI
del 30/09/2010

Un evento storico
Benedetto XVI
del 23/09/2010

I futuri santi del ventunesimo secolo
Benedetto XVI
del 17/08/2010

Perché tutti possano sentire
Salvatore Mazza
del 16/09/2010

Tu sei l'albero della vita
Manuel Nin
del 14/09/2010

Newman, quell'italiano
Lorenzo Fazzini
del 11/09/2010

Alla ricerca di criminali da perdonare
Paolo Pegoraro
del 08/09/2010

Santuari, i polmoni della fede
Gianfranco Ravasi
del 05/09/2010

Le campane di Papa Pecci
Gualtiero Bassetti
del 05/09/2010

I monasteri del Kosovo Timori per la sicurezza
Laura Silvia Battaglia
del 31/08/2010

Fede e ragione nel pontificato di Mastai Ferretti
Francesco M. Valiante
del 03/09/2010

La storia tra gli appunti
Tarcisio Bertone
del 28/08/2010

Chiesa in ostaggio del regime di Pyongyang
Stefano Vecchia
del 30/08/2010

Cristiani nel mirino il mondo in silenzio
Lucia Capuzzi
del 30/08/2010

L'allenamento per chi vuole salire
Gianfranco Ravasi
del 30/08/2010

La forza di un sorriso
Paul Cheruthottupuram
del 26/08/2010

E Madre Teresa "perdonò" la sua Albania
Giovanni Ruggiero
del 25/08/2010

Siberia 1945, un gesuita nel gulag
Lorenzo Fazzini
del 24/08/2010

Nel monastero di Patmos dove si respira l'unità
Elisabetta Galeffi
del 24/08/2010

Lo splendore del vero
Adriano Dell'Asta
del 22/08/2010

Quel mondo in cammino che troppi non vedono
Giorgio Paolucci
del 17/08/2010

Un padre assente del concilio vaticano II
Francesco Cossiga
del 17/08/2010

Il "piccolo Re" chiama l'Europa ad Arenzano
Adriano Torti
del 13/08/2010

Maria e il dialogo ecumenico
Riccardo Burigana
del 13/08/2010

Conchiglia. Il sacro ventaglio.
Giacomo Gambassi
del 08/08/2010

Karen: «Tanti rischi ma ne vale la pena»
Eleonora Molinari
del 08/08/2010

La rivoluzione eucaristica di Pio X
Gianpaolo Romanato
del 08/08/2010

La Francia cattolica è viva nonostante la crisi
Giandomenico Mucci
del 05/08/2010

Giovanni Battista il patriota
Eliana Versace
del 05/08/2010

Czestochowa la fortezza, la fede
Marina Corradi
del 29/07/2010

Abramo e i filosofi
Inos Biffi
del 02/08/2010

Nulla dura per sempre
Benedetto XVI
del 02/08/2010

La Chiesa vista da Oriente
Laura Badaracchi
del 02/08/2010

Come rinnovare la teologia
Inos Biffi
del 26/07/2010

Il Cattolicesimo è la Verità assoluta
Paolo Risso
del 21/07/2010

È il mondo che ci chiede di dialogare
Giovanni Cubeddu
del 01/07/2010

L'influsso orientale nella Chiesa ambrosiana
Dionigi Tettamanzi
del 23/07/2010

Un'alleanza contro il secolarismo
Grégor Puppinck
del 21/07/2010

Tra terra e cielo con le braccia alzate
Timothy Verdon
del 21/07/2010

Ecco cosa non va giù ai supermoralisti
Bruno Mastroianni
del 13/07/2010

Emirati. La Chiesa «precaria»
Chiara Zappa
del 18/07/2010

Il "cortile dei gentili" secondo Ravasi
Giulio Meazzini
del 14/07/2010

Arrestate l'uomo bianco
Rodolfo Casadei
del 06/07/2010

Il sovietico francescano
Giancarlo Giojelli
del 16/04/2008

Da Wojtyla a Ratzinger Via Crucis continua
Sandro Magister
del 08/07/2010

Madre Teresa continua a stupire il mondo
Bridget Gabrielle Hylak
del 25/06/2010

La libertà religiosa nello Stato laico
Dominique Mamberti
del 18/06/2010

Una medicina nello zaffiro
Mary Melone
del 14/06/2010

Il rapporto tra liturgia e vita
Manuel Nin
del 12/06/2010

Il prete secondo Giovanni Crisostomo
Manuel Nin
del 11/06/2010

Nei sacerdoti l'audacia di un Dio vicino
Benedetto XVI
del 11/06/2010

Un destino preparato dall'eternità
Inos Biffi
del 02/06/2010

Davanti alla Madre si torna a domandare
Marina Corradi
del 30/05/2010

Santiago Via senza tempo
Franco Cardini
del 30/05/2010

Perché dico il rosario
Pier Giordano Cabra
del 31/05/2010

«Nigra sum», devozione europea
Lorenzo Rosoli
del 28/05/2010

Nere perché amate
Lucetta Scaraffia
del 24/05/2010

Dove poggia la ragnatela del diritto
Ottavio De Bertolis
del 16/05/2010

Salì al cielo come primizia
Manuel Nin
del 16/05/2010

La missione profetica di Fatima non è finita
Salvatore Mazza
del 14/05/2010

Il perdono cristiano non cancella la pena
Francesco d'Agostino
del 14/05/2010

Figli di Dio non si nasce. Si diventa
Ignace de la Potterie
del 10/12/2009

Il rinnovarsi della gioia in Cristo
patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill
del 10/02/2010

La santità di Pio XII
Monsignor Andrea Gemma

Dal peccato la più grande persecuzione
Salvatore Mazza
del 15/05/2010

Per imparare di nuovo a custodire il nome di Dio
Pierangelo Sequeri
del 12/05/2010

L’io e il sacro dentro il ricordo
Gianfranco Ravasi
del 11/05/2010

Il corpo soffre ma il male non vince
Davide Rondoni
del 11/05/2010

Il mandarino di sant'Ignazio
Manlio Sodi
del 11/05/2010

Ma i cristiani sono gente «felice»?
Enzo Bianchi
del 07/05/2010

La colpevole indifferenza dei cristiani
Renato Farina
del 17/10/2009

I mille nomi del fuoco
Gianfranco Ravasi
del 06/05/2010

Umanità e cultura di Erik Peterson
Paolo Siniscalco
del 04/05/2010

Una scelta per sempre
Lucetta Scaraffia
del 04/05/2010

Un domenicano a Camaldoli
Giulio Alfano
del 30/04/2009

La prima donna dottore della Chiesa
Ludovico Cartotti Oddasso
del 29/04/2010

Tutte le verità su Francesco
Jacques Dalarun
del 29/04/2010

Contrordine, laici: la Chiesa è più avanti
Lorenzo Fazzini
del 27/04/2010

Quando arriva il giorno dell'incontro
Gianfranco Ravasi
del 12/04/2010

Padre dei poveri e dei sofferenti
Giuseppe Midili
del 25/04/2010

La parte delle donne
Maria Trigila
del 25/04/2010

Dalla quantità alla qualità
Vito Magno
del 25/04/2010

Noi, una vita in preghiera per il Pontefice
Marina Corradi
del 20/04/2010

Dolore e speranza come di "Naufragio"
Marina Corradi
del 20/04/2010

Sindone, specchio del Vangelo
Aldo Maria Valli
del 04/04/2010

La restaurazione dell'intelligenza
Alain Besançon
del 19/04/2010

Un pontificato spirituale
Robert Zollitsch
del 15/04/2010

Offrire la sofferenza
Ugo Sartorio
del 04/04/2010

Sarajevo, la diaspora dei cristiani
Laura Badaracchi
del 13/04/2010

Uniti a Benedetto XVI con la nostra preghiera
Salvatore Mazza
del 13/04/2010

Quando arriva il giorno dell'incontro
Gianfranco Ravasi
del 12/04/2010

La Sindone sotto il microscopio
Emanuela Marinelli
del 04/04/2010

Sindone, sfida alla scienza
Bruno Barberis
del 09/04/2010

Icona del Figlio devozione antica
Gianmaria Zaccone
del 09/04/2010

La Sindone, messaggio d’Amore
Giuseppe Ghiberti
del 09/04/2010

Una trappola mortale su tutta la terra
John Henry Newman
del 08/04/2010

Pedofilia: il Papa agisce, gli Stati no
Beppe Del Colle
del 04/04/2010

Duka, il prete scomodo di Charta 77
Angelo Bonagurio
del 07/04/2010

Chi ha ucciso Gesù?
Raniero Cantalamessa

Ognuno ha un ruolo nel dramma eterno
Giandomenico Mucci
del 02/04/2010

Concilio mondiale contro la catastrofe
Sergio Zavoli
del 02/04/2010

Pakistan, violenze e conversioni forzate
Camille Eid
del 02/04/2010

Il Venerdì Santo dei cristiani nel Mondo
Bernardo Cervellera
del 02/04/2010

Non mi vergogno di essere prete
Piergiordano Cabra
del 31/03/2010

Padre Scalfi, 50 anni di samizdat
Antonio Giuliano
del 31/03/2010

Digiuno, virtù dimenticata?
Andrea Bernardini
del 31/03/2010

Londra, no al crocifisso in corsia
Elisabetta del Soldato
del 31/03/2010

Segno identitario che unisce un popolo
Carlo Cardia
del 31/03/2010

Un Papa controcorrente
Bernard Lecomte
del 29/03/2010

I giudici fermarono l’inchiesta. La Chiesa no
Riccardo Cascioli
del 26/03/2010

"Meglio non darsi troppo da fare per salvarmi"
Alojzije cardinale Stepinac
del 24/03/2010

Abbassò i cieli e discese
Manuel Nin
del 24/03/2010

Nel mondo tra la gente per missione
Giulio Albanese
del 24/03/2010

Un combattente sugli spalti della storia
Mino Martinazzoli
del 24/03/2010

Copti, cittadini di serie B
Enrico Casale
del 03/04/2010

Confessori in prima linea
Mario Ponzi
del 17/03/2010

Contro chi sputa sui preti
Padre Aldo Trento, missionario in Paraguay
del 20/03/2010

Medjugorie, istituita commissione d’inchiesta
Gianni Cardinale
del 18/03/2010

Romero, martire della Guerra fredda
Daniele Zappalà
del 14/03/2010

Il rigore di Benedetto XVI contro la sporcizia nella Chiesa
Giuseppe Versaldi Vescovo di Alessandria
del 14/03/2010

Chiara Lubich e il fuoco della sapienza
Carla Cotignoli
del 14/03/2010

La Madonna sconvolge gli intellettuali
Antonio Socci
del 19/02/2010

Il diario segreto di mons. Grillo
Giuseppe De Carli
del 09/03/2010

Se Giove e Marte valgon più di Mosè
Pietro Gibellini
del 09/03/2010

Nostra barbarie quotidiana
Enzo Bianchi
del 01/03/2009

Cresce l'odio contro i cristiani anche in Occidente
Maria Antonietta Calabrò
del 09/03/2003

I nuovi cattolici
Lorenzo Fazzini
del 16/04/2009

Un sogno di Papa Benedetto
Frédéric Manns
del 06/05/2009

Un papa, un rabbino e un imam
Enzo Bianchi
del 18/05/2009

Da Wall Street a monaco di periferia
Luca Miele
del 25/09/2009

Il Papa sa dove andare
Giampaolo Crepaldi
del 13/07/2009

Gad Lerner in tv fa il processo ai cattolici
Alessandro Sallusti
del 10/02/2010


In tutto sono Stati trovati 427 articoli.

NATALE È L'IDENTITÀ CRISTIANA
Giuseppe Mani Vescovo
del 24/12/2015

NATALE È L'IDENTITÀ CRISTIANA
Giuseppe Mani Vescovo
del 24/12/2015

Il sentiero dell’attesa
HENRI J.M. NOUWEN
del 10/12/2013

Il mese di Maggio
Laura Borello
del 24/05/2013

I due grandi amori di papa Wojtyła
fra Marco Malagola ofm
del 03/07/2012

Cronache di viaggio
Filippo
del 10/01/2012

LE PIETRE D'INCIAMPO DEL VANGELO
Gianfranco Ravasi
del 08/01/2012

Dagli scritti di mons. Antonio Bello vescovo.
Mons Tonino Bello
del 05/01/2012

L'amico di Giovanni Paolo II
Chiara Santomiero
del 18/10/2011

Libri, "Poesia come un albero"
(Luca Manes)
del 10/10/2011

Madre Elena Aiello - Beata
Beniamino Donnici – Medico Psichiatra
del 16/09/2011

La cattedra lignea di san Pietro
Dario Rezza
del 22/02/2011

Quando la Madonna indossò il Tricolore…
Antonio Socci
del 13/02/2011

La confessione degli ultimi catari
Franco Cardini
del 12/01/2011

I compagni dell'ultimo viaggio
Fabrizio Bisconti
del 11/11/2010

Quegli ebrei salvi grazie a Pio XII
Giorgio Vecchiato
del 04/11/2010

Tombe umili e sepolcri privilegiati
Fabrizio Bisconti
del 01/11/2010

Il dottor Gesù Miracoli & medicine
Roberto Beretta
del 21/10/2010

Le «cimici» di Wojtyla
Luigi Geninazzi
del 22/10/2010

Quando il vaso è l'unità di misura
Maurizio Sannibale
del 21/10/2010

Il mito del Medioevo capitalista
Jacques Le Goff
del 15/10/2010

Bronzino e la squisita contraddizione
Antonio Paolucci
del 16/10/2010

E l'uomo fu rivelato all'uomo
Leonardo Lugaresi
del 14/10/2010

Quattro ponti verso la Cina
di Antonio Zanardi Landi
del 12/10/2010

Gaugin: l'esotico devoto
Sandro Barbagallo
del 26/09/2010

Il Pci e la pulizia etnica mancata
Giampaolo Pansa
del 01/10/2010

E il Duce costruì il Vallo antinazi
Paolo Simoncelli
del 29/09/2010

Gaza: basta vendetta!
Giorgio Bernardelli
del 25/09/2010

L'anima «bianca» del Risorgimento
Dario Antiseri
del 28/09/2010

Santità non vorrei morire così
fra Giacomo da Poirino
del 29/09/2010

Shoah: memoria sì, non sensi di colpa
Vito Punzi
del 22/09/2010

Vita medievale di una brocca
Umberto Broccoli
del 23/09/2010

Sms: non barbarie, ma epigrafia postmoderna
Giuseppe O. Longo
del 16/09/2010

La trasvolata delle Alpi
Paolo Ferrario
del 17/09/2010

Nel Kashmir indiano il dialogo dopo la violenza
Roberto Sgaramella
del 14/09/2010

Né idolo né demonio
Enrico Reggiani
del 14/09/2010

Buonsenso spicciolo
Giulia Galeotti
del 14/09/2010

E la croce attraversò la Manica
Fabrizio Bisconti
del 14/09/2010

Un domenicano a Babylondon
Paolo Gulisano
del 11/09/2010

Il Raffaello delle occasioni speciali
Mark Evans
del 08/09/2010

Stili preconfezionati per un’età multilingue
NICOLETTA MARASCHIO
del 05/09/2010

L'unità della conoscenza
Cristiana Dobner
del 05/09/2010

Un occhio cattolico per le sfumature del verde
Giancarlo Rocca
del 05/09/2010

I fioretti del Duce
Roberto Festorazzi
del 01/09/2010

Minerbi, l'ebreo scolpito dalla grazia
Antonio Airò
del 29/08/2010

Anthony Flew, l'ateo pentito
Lorenzo Fazzini
del 27/08/2010

Il gesuita che convertì Shakespeare
Enrico Reggiani
del 25/08/2010

La cappella Sistina del deserto
Rossella Fabiani
del 24/08/2010

Inginocchiatoi di pietra
Marco Agostini
del 19/08/2010

Athos, estetica sacra
Jean-Francois Colosimo
del 15/08/2010

Il fisico noncurante
Maria Maggi
del 17/08/2010

Diritti umani sotto scacco
Elena Molinari
del 13/08/2010

Benvenuto ebook ma lunga vita al libro
Giulia Galeotti
del 08/08/2010

La Serenissima tagliò e il Papa lasciò correre
Gianpaolo Romanato
del 06/08/2010

Il quadro più bello del mondo
Marco Agostini
del 05/08/2010

Due civiltà e un mare di risonanze
Irene Iarocci
del 04/08/2010

E il nunzio smentì il "Corriere della Sera"
Vicente Cárcel Ortí
del 02/08/2010

E Solov'ëv smascherò l'Anticristo
Filippo Rizzi
del 30/07/2010

Meraviglie e segreti di una pianta viva
Giovanni Farris
del 30/07/2010

Meglio single
Marcello Filotei
del 23/07/2010

L'inquilino che rompeva i soffitti
Pietro Caiazza
del 17/07/2010

Voglia di libertà (usando la ragione)
Mario Pangallo
del 15/07/2010

Che brutte le chiese originali per forza
Enrico Maria Radaelli
del 12/07/2010

Quando l'arte parla alla gente
Lucetta Scaraffia
del 09/07/2010

Per caso nella storia
Gaetano Vallini
del 10/07/2010

Orrori inascoltati
Anna Foa
del 10/07/2010

Come si rimargina la ferita dell'origine
Giovanni Di Giannatale
del 10/07/2010

La rosa che volle essere fanciulla
Alberto Batisti
del 21/06/2010

Piccole canzoni per grandi dolori
Francesco M. Petrone
del 21/06/2010

Asce di rame nella fortezza dei Cananei
Lorenzo Nigro
del 16/06/2010

Quando l'apparire è apertura all'essere
Marco Maurizi
del 08/06/2010

L'isola di Barnaba
Fabrizio Bisconti
del 02/06/2010

Obiettivo sull'incanto
Gaetano Vallini
del 31/05/2010

La guerra vista con gli occhi della gente
Antonio Zanardi Landi
del 29/05/2010

Tolkien e la tessitura degli eventi
Tom Shippey
del 26/05/2010

Da Asclepio a Cristo
Enrico dal Covolo
del 26/05/2010

Vilipendere gli ebrei è una bestemmia
Valerio De Cesaris
del 19/05/2010

L'albero glorioso che spiega il mistero
Michael John Zielinski
del 16/05/2010

Salì al cielo come primizia
Manuel Nin
del 16/05/2010

L’antica rete di quel dolce riso
Paolo Mattei
del 10/01/2010

Maria, l’eletta di Dio, nel Corano
Ali Akbar Naseri
del 15/02/2010

Quando l'obbedienza diventa luce
Inos Biffi
del 11/05/2010

Francesco e i Trovatori
Franco Cardini
del 07/05/2010

L'Imperatore e il Bambino
Paolo Risso
del 18/10/2009

L'implacabile distruttore che porta la vita
Simona Verrazzo
del 06/05/2010

La bellezza e il sacro
Roger Scruton
del 01/01/2010

In sereno abbandono tra braccia sicure
Claudio Scarpati
del 04/05/2010

Lavoro quotidiano con gli angioletti in bottega
Stefania Colafranceschi
del 30/04/2009

Macché Gog e Magog! Sono solo gli Unni
Luigi F. Pizzolato
del 30/04/2009

Le pietre e le idee
Inos Biffi
del 30/04/2009

L'arazzo multicolore di un umanista raffinato
Gianfranco Ravasi
del 27/04/2010

L'etnografo che diventò Papa
Antonio Zanardi Landi
del 27/04/2010

Il vincitore ha il volto del Padre
Timothy Verdon
del 27/04/2010

Perpetua e il rifiuto di morire "in maschera"
Paolo Siniscalco
del 23/04/2010

Comunisti «contro» cattolici?
Giorgio Vecchio
del 25/04/2010

Dura Europos, la prima chiesa
Giuseppe Caffulli
del 25/04/2010

Donatello e la Madonna della febbre
Carlo La Bella
del 01/04/2010

Volti dell'invisibile
Antonio Paolucci
del 25/04/2010

Bagliori nel cuore del buio
Andrea Monda
del 25/04/2010

Il negativo più famoso del mondo
Michele Bacci
del 25/04/2010

Comunicazione e missione
CEI
del 18/06/2004

Come Lepanto spianò la strada al barocco
Vincent Borg
del 18/04/2010

Quando Paolo naufragò a Malta
Fabrizio Bisconti
del 15/04/2010

La tela del ragno
Salvo
del 14/04/2010

Un fantasma nei geni
Carlo Bellieni
del 13/04/2010

La riva bruna la riva nera
Gaetano Vallini
del 12/04/2010

Darwin non aveva ragione. Lo dicono anche gli atei
Roberto de Mattei
del 03/04/2010

I sensi del cristiano
Timothy Verdon
del 08/04/2010

In tv don Matteo piace perché vero
Mimmo Muolo
del 07/04/2010

Il robot deve potersi vergognare
Giulia Galeotti
del 07/04/2010

Un volto per la Parola
Emilio Ranzato
del 04/04/2010

Il tesoro nascosto della Pompei d'Oriente
Fabrizio Bisconti
del 04/04/2010

Pane e uva per non morire mai
Giovanni Carrù
del 31/03/2010

Un Governo da riconoscere (per forza)
Vicente Cárcel Ortí
del 24/03/2010

Il Papa: arte e fede dialogo di verità
Fabrizio Mastrofini
del 20/03/2010

Romero, martire della Guerra fredda
Daniele Zappalà
del 14/03/2010

Da guru buddista ad asceta cristiano
Paolo Viana
del 14/03/2010

I credenti che fecero l’impresa
Giovanni Grasso
del 03/03/2010

Il cuore dell'uomo non ha razza
di Rose Busingye
del 15/10/2009

E il Poverello inventò il mercato solidale
Stefano Zamagni
del 10/09/2009


In tutto sono Stati trovati 170 articoli.

Dal Sinodo dei Vescovi sulla Famiglia
traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti
del 10/10/2014

EDUCARE I GIOVANI ALLA GIUSTIZIA E ALLA PACE
Benedetto XVI
del 01/01/2012

la suora "antidroga"
Roberto Beretta
del 24/11/2011

DISCORSO AI FIDANZATI DI BENEDETTO XVI
Benedetto XVI
del 15/11/2011

Il pallone...quell'idolo
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

Responsabilità e cura per i malati cronici
Carla Collicelli
del 01/12/2010

Pane, amore e armonia
Alberto Chiara
del 30/10/2010

A sorpresa l'Europa scopre mamma e persino papà
Francesco Riccardi
del 23/10/2010

Giovani della pace
Alberto Chiara
del 18/10/2010

Vincere lo stress
Emilia Patruno
del 01/10/2010

Dove il dolore diventa colore
Elisa Chiari
del 16/10/2010

Società più solida se amica delle donne
Stefano Stimamiglio
del 14/07/2010

Il Padre rimosso
Claudio Risé
del 16/10/2010

Ogni volto è volto sacro
Alessandro D’Avenia
del 14/10/2010

«Vi racconto la nuova scuola»
Carlo Napoli
del 01/09/2010

Gratis, per cambiare il mondo
padre Ugo Sartorio
del 01/09/2010

La rivoluzione dell’acqua
Giulia Cananzi
del 01/09/2010

Pubblicità, come difendersi 1 parte
Vanni Codeluppi
del 01/09/2010

Pubblicità, come difendersi 2 parte
Vanni Codeluppi
del 01/09/2010

Sos nuove schiave. Ora l'inferno è in casa
Viviana Daloiso
del 03/10/2010

Sms: non barbarie, ma epigrafia postmoderna
Giuseppe O. Longo
del 16/09/2010

Non solo quoziente anche svolta culturale
Eugenia Roccella
del 17/09/2010

I futuri santi del ventunesimo secolo
Benedetto XVI
del 17/08/2010

Buonsenso spicciolo
Giulia Galeotti
del 14/09/2010

Il corpo e la bellezza
Armand Puig i Tàrrech
del 01/09/2010

I bambini invisibili
Carlo Bellieni
del 01/09/2010

Quoziente familiare? «Si può fare subito»
Angelo Picariello
del 29/08/2010

Italia maglia nera nella spesa per la famiglia
Francesco Riccardi
del 30/08/2010

Giovani, storia e arte Ricetta anti-camorra
Valeria Chianese
del 29/08/2010

Un plebiscito di tutti i giorni
Francesco Paolo Casavola
del 25/08/2010

Burkina Faso: La scuola dei sassi bianchi
Marta Francesconi
del 13/08/2010

Avvelenatori a piede libero
Antonio Lubrano
del 02/08/2010

Il consumo che premia le aziende sostenibili
Andrea Di Turi
del 19/08/2010

Non accoglie la vita chi non si sente accolta
Assuntina Morresi
del 10/08/2010

Mezzo milione di giovani tenta la sorte
Luigi Ballerini
del 08/08/2010

Czestochowa la fortezza, la fede
Marina Corradi
del 29/07/2010

Una lobby per il cinema bello e buono
Gaetano Vallini
del 02/08/2010

Il Grande Fratello e l'identità perduta
Luca M. Possati
del 02/08/2010

Il monito papale e la pornografia 1 parte
don Marcello Stanzione
del 09/07/2010

La famiglia in scacco
Paolo Senesi
del 03/02/2010

Il ruolo della donna islamica in Occidente
Marco Patruno
del 02/06/2010

Musei a portata di famiglia
Laura Pisanello, Cristina Uguccioni
del 19/07/2010

Io! Gli altri... non esistono proprio
Sabino Frigato
del 10/07/2010

Come buoni giardinieri
Bruno Ferrero
del 12/07/2010

Il mattatoio televisivo
Gionata Di Cicco
del 10/07/2010

Santificarsi col lavoro 2 parte
Javier Echevarría
del 10/07/2010

Ecco il mio piccolo Gesù deforme
P. Aldo Trento
del 23/09/2008

Luca era gay
Emanuele Boffi
del 20/01/2009

L'educazione come paideia
Angelo Scola
del 21/06/2010

Giovani, famiglia e bene comune
Claudio Gentili
del 16/06/2010

Quando i vizi tornano di moda
Lucetta Scaraffia
del 12/06/2010

Cinema, l’allarme dei genitori
Gigio Rancilio
del 31/05/2010

Per indicare la strada verso la felicità
Marina Corradi
del 28/05/2010

Figli: non costo ma investimento
Antonella Mariani
del 28/05/2010

Quelle mamme giovani e dolci
Carlo Bellieni
del 19/05/2010

Nonni digitali, ricominciare dal pc
Alberto Friso
del 01/05/2010

Mamme di cuore
Chiara Saletti
del 01/05/2010

Il grembo dell’anima
Jessica Cugini
del 01/05/2010

Preservativi in classe? Si stravolge la scuola
Antonella Mariani
del 13/05/2010

Quando il perdono è più forte del bullismo
Giorgio Paolucci
del 13/05/2010

Evoluzione o involuzione?
Don Giuseppe Tagliareni

Baby-soldati, una piaga anche a Mogadiscio
Matteo Fraschini Koffi
del 15/05/2010

Buenos Aires vuole «abolire» mogli e mariti
Michela Coricelli
del 06/05/2010

«Viaggia su Internet l’allarme pedofilia»
Viviana D'Aloisio
del 06/05/2010

«Meglio il matrimonio, coppie e Paese riflettano»
Elisabetta Del Soldato
del 19/10/2010

La nuova opportunità Un giorno per le casalinghe
Antonella Mariani
del 30/04/2009

Vivere e non vivacchiare
Benedetto XVI
del 02/05/2010

Abortito da 24 ore: sgambettava ancora
Antonio Capano
del 27/04/2010

A 14 anni nel baratro. Non cedete alle sirene
Pino Ciocciola
del 27/04/2010

Giovani in pericolo
Pino Ciocciola
del 27/04/2010

Per la dignità del bimbo e della donna
Carlo Bellieni
del 27/04/2010

Matrimonio-unioni gay Nessuna equiparazione
Pier Luigi Fornari
del 16/04/2010

Social network, la seduzione dei giovani
Vincenzo Grienti
del 15/04/2010

La Consulta: no alle nozze omosessuali
Pier Luigi Fornari
del 15/04/2010

Il papa ha ragione!
Fabrizio Cannone
del 28/02/2010

Bambini in discoteca
Simonetta Pagnotti
del 04/04/2010

Apriamo gli occhi fino in fondo
Maurizio Patricello
del 07/04/2010

Occhio alle piccole pesti
Orsola Vetri
del 28/03/2010

L'impegno della paternità
Marianna Pacucci
del 05/03/2010

Gli uomini devono chiedere perdono alle donne
Raniero Cantalamessa
del 02/04/2010

Digiuno, virtù dimenticata?
Andrea Bernardini
del 31/03/2010

Gesù Cristo è la via giusta per l’uomo
Benedetto XVI
del 30/03/2010

Consumi, la stretta comincia a tavola
Giuseppe Matarazzo
del 26/03/2010

«La famiglia al centro di una società sana»
Fabrizio Mastrofini
del 26/03/2010

L’Italia impasticcata e (in)felice
Tommaso Gomez
del 25/03/2010

La vera ricchezza di un giorno speciale
Francesco Riccardi
del 25/03/2010

L'uomo è fatto per amare
Benedetto XVI
del 20/03/2010

Crisi, ecco le vittime
Andrea Dituri
del 24/03/2010

«Eppure ce la facciamo»
Alessandra Turrisi
del 24/03/2010

Welfare amico dei figli Tre strade per ripartire
Antonella Mariani
del 24/03/2010

Sos in bottiglia
Alberto Friso
del 03/03/2010

Quanto costa crescere un figlio
Pierpaolo Donati
del 24/03/2010

Ecco la bussola
Mimmo Muolo
del 23/03/2010

Una favola sulle donne
don Mimì Fazioli Diocesi di Trivento
del 04/03/2010

Un angelo come papà
Bruno Ferrero
del 18/03/2010

Come rovinarsi l'esistenza: l'invidia
Sabino Frigato
del 01/03/2010

Cattiva educazione
Marco Rossi Doria
del 10/03/2010

L'Avventura educativa
Angelo Card. Bagnasco
del 18/03/2010

A che punto è la notte dei giovani
Enzo Bianchi
del 13/03/2010

Il doppio inganno del «Grande fratello»
Mirella Poggialini
del 10/03/2010

Attente mamme, vi stanno rubando i figli!
P.Salvatore Tumino
del 09/03/2010

Basaglia santo subito? Sarebbe una pazzia
Marcello Veneziani
del 08/02/2010

La scuola torna severa. E noi?
Michele Brambilla
del 02/03/2009

Adolescenza, salto nel vuoto
Paola Springhetti
del 25/02/2009


In tutto sono Stati trovati 174 articoli.

L'enorme importanza della Preghiera per le vocazioni
Vito Magno Giornalista vaticanista
del 12/06/2013

PERSONE IN STATO VEGETATIVO LONTANI DAL MONDO, MA COSÌ PRESENTI
Da Bologna, Francesca Lozito
del 16/11/2011

IN COMA DA TRENT’ANNI ORA È CITTADINA ONORARIA
Da Bologna, Francesca Golfarelli.
del 16/11/2011

Scienziati e Dio, attrazione o repulsione?
Giuseppe Tanzella-Nitti
del 03/10/2010

Energia nucleare e sviluppo economico
Francesco Ricupero
del 04/10/2010

La radio del futuro: digitale e da vedere
Giampiero Bernardini
del 29/09/2010

Cattedrali di sale
Leonardo Servadio
del 26/09/2010

Scienza al verde
Daniele Zappalà
del 28/09/2010

Dupuy: Vangelo & tecnica? Uniti dall’utopia
Daniele Zappalà
del 16/09/2010

Staminali
VIVIANA DALOISO
del 07/09/2010

Un occhio cattolico per le sfumature del verde
Giancarlo Rocca
del 05/09/2010

Apple rilancia: tv e social network
Claudia La Via
del 02/09/2010

Meridiane, l'ombra che spacca il secondo
Roberto Beretta
del 30/08/2010

Il fisico che mise all'«angolo» i quark
Franco Gabici
del 19/08/2010

Il fisico noncurante
Maria Maggi
del 17/08/2010

Trapiantati, la fede che allunga la vita
Luca Liverani
del 13/08/2010

INCHIESTA
Marco Mozzoni
del 08/08/2010

Scienza disinvolta
Giulia Galeotti
del 21/07/2010

La vita sintetica
Maria e Enrico Marotta
del 01/06/2010

L'orchestra dei neuroni
Massimo Piccirilli
del 12/07/2010

Bioelettricità «verde» prodotta dall’alga
Massimo Spampani
del 15/06/2010

La sonda Rosetta sfiora l’asteroide
Giovanni Caprara
del 10/07/2010

CURA GENICA PER LA PELLE, PAZIENTI DA TUTTA ITALIA
Alessandro Malpelo
del 21/11/2006

Il futuro è Nano
Silvia Camisasca
del 13/06/2010

Il pianeta divorato dalla stella
Giovanni Caprara
del 25/05/2010

Marte, russi sul pianeta rosso
Nicoletta Martinelli
del 30/05/2010

Fermata la marea nera, «ma non è certo»
Elena Molinari
del 28/05/2010

E padre Lais catturò la cometa
Alessandro Omizzolo
del 29/05/2010

Mappa di città Maya a tempo di record
Emanuela di Pasqua
del 12/05/2010

Il Mediterraneo non è immune da rischi
Daniele Zappalà
del 11/05/2010

L’anti-donazione irrompe in sala parto
Francesco Ognibene
del 07/05/2010

Non è una partita di calcio
Franco Prodi
del 07/05/2010

Viaggio all'inizio del cosmo
Rodolfo Casadei
del 28/03/2010

Ricerca Scientifica
Mario Di Martino
del 05/05/2010

Una minaccia più che mai reale
Gareth Evans
del 05/05/2010

E Prometeo vada a scuola di filosofia
Luigi Dell'Aglio
del 04/05/2010

La navicella spaziale a energia solare
Francesco Tortora
del 01/05/2010

Embrioni: la lista degli scarti
Elisabetta Del Soldato
del 28/01/2010

«Nuove staminali», siamo alla svolta decisiva?
Alessandra Turchetti
del 04/02/2010

Le grasse sorelle della Terra
Mario Di Martino
del 10/02/2010

Laser
Franco Gabici
del 14/03/2010

Gli stati vegetativi ora possono risponderci
Viviana Daloiso
del 11/02/2010

La grande fornace al centro della Terra
Barbara Gallavotti
del 03/03/2010

Il rischio di corrompere la nobiltà di un dono
Francesco d'Agostino
del 27/04/2010

«Testimoni», la verità che fa notizia
Umberto Folena
del 25/04/2010

Com'è goffo il creato
Francisco J. Ayala
del 18/04/2010

La leggenda dell'anello mancante
Fiorenzo Facchini
del 13/04/2010

L'Africa e la sfida del clima
Simona Verrazzo
del 13/04/2010

Un fantasma nei geni
Carlo Bellieni
del 13/04/2010

Darwin non aveva ragione. Lo dicono anche gli atei
Roberto de Mattei
del 03/04/2010

I cieli narrano la gloria di Dio
Aldo Maria Valli
del 03/03/2009

Siamo arrivati vicini al Big Bang
Franco Gabici
del 31/03/2010

Le malattie rare interessano 2 milioni in Italia
Eugenio Arcidiacono
del 28/02/2010

Dio non può essere solo una spiegazione
George V. Coyne
del 16/03/2010

Reincarnarsi? Un bluff intellettuale
Fabrice Hadjadj
del 10/03/2010

La medicina e le mani di Dio. Il giudizio della persona è centrale
Cardinale, arcivescovo emerito di Milano
del 06/09/2009


In tutto sono Stati trovati 86 articoli.

Gli auguri del Custode di Terra Santa padre Pierbattista Pizzaballa, ofm per il Natale 2015
p. Pierbattista Pizzaballa Custode di Terra Santa
del 24/12/2015

«In Medio Oriente è la fine del cristianesimo?».
Maria Teresa Pontara Pederiva
del 28/07/2015

Lasciate che i bambini vengano a me !
M. Caterina Muggianu
del 12/05/2015

Il sangue della pace
Stefania Falasca
del 22/04/2015

Ridare onore a matrimonio uomo-donna
Udienza generale Papa Francesco
del 22/04/2015

La famiglia è grembo per ciascuno di noi.
Mons. Artuiro Bellini
del 25/02/2015

Mons. Toso: su pace e diritti, leader mondiali ascoltino Francesco
intervista di Alessandro Gisotti
del 03/01/2015

O R O S C O P O Le previsioni della Bibbia per il 2015
padre Antonio Feghali
del 31/12/2014

Lasciate che i bambini giochino con il fuoco
Cari Donaldson
del 09/09/2014

Addio Mossul
Majed Aziza - traduzione di Don Pierre Laurent Cabantous
del 08/08/2014

Giovanni Paolo II nei nostri ricordi
Maria Caterina Muggianu
del 02/04/2014

Ecumenismo - Aspettative della Settimana di preghiera per l’unità
Kurt Koch Cardinale presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristian
del 17/01/2014

La vera notizia di quel battesimo
Andrea Tornielli
del 15/01/2014

La forza della grazia
Gerhard Ludwig Müller
del 17/12/2013

Ho imparato che una vita ....
Mons. Vincenzo Bertolone
del 10/11/2013

Benedetto XVI mi ha guarito da un tumore”
marco tosatti
del 03/09/2013

La "tempesta" e la "Veglia"
Alessandro D’Avenia
del 29/06/2013

"DIECI PIAZZE PER DIECI COMANDAMENTI"
Papa Francesco
del 08/06/2013

EMERGENZA EDUCATIVA
di Pietro Puggioni - Parroco
del 17/06/2013

Francesco e il santuario di Bonaria
Marina Corradi
del 27/05/2013

IL CUORE DEL MIO PARROCO
Devis Bamhakl
del 13/04/2013

«Noi sappiamo da dove veniamo»
Alessandra Guerra
del 14/01/2013

Come la Chiesa ha alfabetizzato l’Europa
Francesco Agnoli
del 06/12/2012

Tempo di missione
Nikola Eterović, Segretario generale del Sinodo dei vescovi
del 09/10/2012

Per trasmettere la fede
L
del 09/10/2012

Indulgenza Plenaria nell'Anno della Fede
Annum Fidei
del 05/10/2012

A Torino si apre il Sinodo dei giovani
Domenico Agasso Jr.
del 05/10/2012

La famiglia, un dono, oggi, a volte incompreso
Antonio Riboldi – Vescovo
del 05/10/2012

La nuova missione oltre le strutture
Giulio Albanese
del 05/10/2012

La donna e l'umanizzazione del mondo
San Josemaría Escrivà
del 07/08/2012

LA VERA PARTICELLA DI DIO
Antonio Socci
del 05/07/2012

I muri uccidono la pace
Fra Marco Malagola, ofm
del 06/06/2012

I due grandi amori di papa Wojtyła
fra Marco Malagola ofm
del 06/06/2012

IL PAPA IN FESTA CON LE FAMIGLIE DEL MONDO
VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE
del 05/06/2012

Incontro del Papa con i Cresimandi
Benedetto XVI - Discorso 2 giugno 2012
del 05/06/2012

La famiglia, una casa ben costruita
di Stefano Stimamiglio
del 05/06/2012

LA FORZA DEI FRATELLI: GETTARE LE NUOVE RETI
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

PLASMARE LA STRUTTURA NEL MONDO E NEL TEMPO
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

COSTRUIRE UN’ASSEMBLEA UNIVERSALE
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

PORTARE ALLA RIBALTA L’ESSENZIALE
Giacomo D’Alessandro
del 27/04/2012

Il "sì" di Dio nella mia vita
Benedetto XVI - Omelia 16 aprile 2012
del 17/04/2012

La Storia Siamo Noi
P. Pier Luca
del 12/03/2012

Il santo della gioia cristiana
GIOVANNI ZAVATTA
del 26/02/2012

Seiano
Rino Cammilleri
del 26/02/2012

11 FEBBRAIO, E' TUTTO VERO
Vittorio Messori
del 11/02/2012

Tutti giù dal letto per la Santuzza
Sandro Barbagallo
del 05/02/2012

L’eroico quotidiano
Anna Maria Canopi
del 04/01/2012

Antidoti al torpore in forma di poesie
SILVIA GUIDI
del 04/01/2012

Ciò che più ci manca
Marina Corradi
del 25/01/2012

UNA PAROLA DA NON DIRE
Adriano Pessina
del 21/01/2012

LUCE DI SPERANZA NELL’ORIZZONTE OSCURO
Carlo Cardia
del 10/01/2012

Cronache di viaggio
Filippo
del 10/01/2012

Lettera di un padre al figlio
(fonte non specificata)
del 05/01/2012

Dagli scritti di mons. Antonio Bello vescovo.
Mons Tonino Bello
del 05/01/2012

Nel mondo globale l'«altro» non c'è più
Alessandro Zaccuri
del 01/12/2011

Il Papa e i segni nel cielo
Marco Tosatti
del 25/11/2011

la suora "antidroga"
Roberto Beretta
del 24/11/2011

PERSONE IN STATO VEGETATIVO LONTANI DAL MONDO, MA COSÌ PRESENTI
Da Bologna, Francesca Lozito
del 16/11/2011

IN COMA DA TRENT’ANNI ORA È CITTADINA ONORARIA
Da Bologna, Francesca Golfarelli.
del 16/11/2011

Diario di una missione
Padre James CMOP
del 11/10/2011

Madre Elena Aiello - Beata
Beniamino Donnici – Medico Psichiatra
del 16/09/2011

Il pallone...quell'idolo
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

GIOVANNI PAOLO II, VISTO DA VICINO
Mons. Giulio Viviani
del 09/08/2011

La cosiddetta Pace Sociale
Maria Caterina Muggianu
del 12/08/2011

Nata Femmina
Merid Elvira Dones
del 18/06/2011

DELUDENTE, GROTTESCO ED OFFENSIVO IL FILM DI MORETTI.
Daniele Venturi - Presidente Associazione Nazionale Papaboys
del 18/04/2011

Il nodo da sciogliere della storia italiana
Massimo Viglione
del 06/04/2011

Quaresima, tempo speciale
Madre Elvira
del 08/03/2011

Il testamento spirituale di Shahbaz Bhatti,
Shahbaz Bhatti
del 07/03/2011

La chiesa cattolica in Libia
Padre Piero Gheddo
del 25/02/2011

Quando la Madonna indossò il Tricolore…
Antonio Socci
del 13/02/2011

LA SATIRA TV CHE FERISCE
don Maurizio Patriciello
del 23/01/2011

Se potessi avere mille euro al mese
Stefano Salomoni
del 07/01/2011

IL DRAMMA INFINITO
Paolo Lambruschi
del 01/01/2011

Il sangue dei fedeli
g. m. v.
del 04/01/2011

Responsabilità e cura per i malati cronici
Carla Collicelli
del 01/12/2010

Come Pio XII salvò gli ebrei di Romania
di Raffaele Alessandrini
del 04/11/2010

Baghdad, assalto alle chiese
Fulvio Scaglione Alberto Bobbio
del 31/10/2010

Pane, amore e armonia
Alberto Chiara
del 30/10/2010

Dilma, l'America latina delle donne
Giulia Cerqueti
del 02/11/2010

Quegli ebrei salvi grazie a Pio XII
Giorgio Vecchiato
del 04/11/2010

A sorpresa l'Europa scopre mamma e persino papà
Francesco Riccardi
del 23/10/2010

Col sorriso e con la Croce
Salvatore Mazza
del 23/10/2010

La loro vocazione risveglia la nostra
Luigi Geninazzi
del 24/10/2010

Il dottor Gesù Miracoli & medicine
Roberto Beretta
del 21/10/2010

Le «cimici» di Wojtyla
Luigi Geninazzi
del 22/10/2010

Giovani della pace
Alberto Chiara
del 18/10/2010

Vincere lo stress
Emilia Patruno
del 01/10/2010

"Noi, la Chiesa e i migranti"
Mons Marco Roncalli
del 18/10/2010

Il modello Giordania

del 16/10/2010

Il Padre rimosso
Claudio Risé
del 16/10/2010

Ogni volto è volto sacro
Alessandro D’Avenia
del 14/10/2010

Una mappa per il bene comune
Matteo Liut
del 14/10/2010

Il Papa: 4 falsi dei e l'unico Dio
Salvatore Mazza
del 13/10/2010

Dove osano i manager

del 14/10/2010

Via dal patibolo passo dopo passo
Franco Frattini, ministro degli Affari Esteri
del 10/10/2010

Il percorso a ostacoli degli studenti Down
Enrico Negrotti
del 10/10/2010

Obiezione di coscienza? Indiscutibile. A parole
Lorenzo Schoepflin
del 10/10/2010

«Vi racconto la nuova scuola»
Carlo Napoli
del 01/09/2010

Gratis, per cambiare il mondo
padre Ugo Sartorio
del 01/09/2010

La rivoluzione dell’acqua
Giulia Cananzi
del 01/09/2010

Pubblicità, come difendersi 1 parte
Vanni Codeluppi
del 01/09/2010

Pubblicità, come difendersi 2 parte
Vanni Codeluppi
del 01/09/2010

Il Vangelo della Vita

del 01/09/2010

Medio Oriente: la pace ha bisogno dei cristiani
Giorgio Bernardelli
del 03/10/2010

Sos nuove schiave. Ora l'inferno è in casa
Viviana Daloiso
del 03/10/2010

Siamo uomini liberi non «massa digitale»
DAVIDE RONDONI
del 30/09/2010

Quando si animalizza il «nemico» prescelto
Ferdinando Camon
del 30/09/2010

Usa: quale dignità davanti al boia?
Laura Badaracchi
del 28/09/2010

Per un mondo senza armi atomiche
Ettore Ballestrero
del 23/09/2010

Un evento storico
Benedetto XVI
del 23/09/2010

Snack&caffè, l’invasione delle macchinette
Giuseppe Matarazzo
del 16/09/2010

Una laicità positiva per "smontare" il burqa
Giorgio Paolucci
del 16/09/2010

Perché tutti possano sentire
Salvatore Mazza
del 16/09/2010

Gli spettatori pitturati
Angelo Marchi
del 08/09/2010

I cattolici e l'urgenza di mediazioni alte
Francesco D'Agostino
del 07/09/2010

Altra condanna per Sakineh: frustata 99 volte
LAURA SILVIA BATTAGLIA
del 05/09/2010

Stili preconfezionati per un’età multilingue
NICOLETTA MARASCHIO
del 05/09/2010

Infliggere sofferenze per sentirsi «forti»
FERDINANDO CAMON
del 05/09/2010

Santuari, i polmoni della fede
Gianfranco Ravasi
del 05/09/2010

Il denaro non si mangia
Pierluigi Natalia
del 01/09/2010

Quoziente familiare? «Si può fare subito»
Angelo Picariello
del 29/08/2010

Italia maglia nera nella spesa per la famiglia
Francesco Riccardi
del 30/08/2010

Giovani, storia e arte Ricetta anti-camorra
Valeria Chianese
del 29/08/2010

Carceri, emergenza europea
Ilaria Sesana
del 30/08/2010

Megalopoli a quota 500. E poi?
Joan Nogué
del 29/08/2010

Un plebiscito di tutti i giorni
Francesco Paolo Casavola
del 25/08/2010

Lo splendore del vero
Adriano Dell'Asta
del 22/08/2010

Pietro e Maddalena
Lucetta Scaraffia
del 22/08/2010

Dietro l'etichetta
Elena Guerra
del 01/08/2010

Avvelenatori a piede libero
Antonio Lubrano
del 02/08/2010

1980, l'eroica estate del popolo di Danzica
Luigi Geninazzi
del 19/08/2010

Il consumo che premia le aziende sostenibili
Andrea Di Turi
del 19/08/2010

In Tv il medico non sbaglia mai
Carlo Bellieni
del 19/08/2010

La chimera della mano invisibile
Marco Tibaldi
del 19/08/2010

Lo Stato non paga Le imprese rischiano il crac
Giuseppe Matarazzo
del 17/08/2010

Quel mondo in cammino che troppi non vedono
Giorgio Paolucci
del 17/08/2010

Onore e orrore
Stefano Vecchia
del 13/08/2010

La presenza del male, la radice del bene
Carlo Cardia
del 13/08/2010

Due mondi a confronto sulla parola «Io»
Kagefumi Ueno
del 13/08/2010

Alla «battaglia del grano» nessun vincitore
Fulvio Scaglione
del 07/08/2010

Grano alle stelle, un nuovo incubo fame
Alessandro Bonini
del 07/08/2010

Dove eri Dio? Ma nella tempesta Tu ci parli
Alessandro D'Avenia
del 07/08/2010

Benvenuto ebook ma lunga vita al libro
Giulia Galeotti
del 08/08/2010

Le tre partite di Obama
Luca M. Possati
del 05/08/2010

Banca del Meridione Ma era una truffa
Valeria Chianese
del 04/08/2010

Una lobby per il cinema bello e buono
Gaetano Vallini
del 02/08/2010

Il Grande Fratello e l'identità perduta
Luca M. Possati
del 02/08/2010

Nulla dura per sempre
Benedetto XVI
del 02/08/2010

Il monastero della tortura
Marta Dall’Asta
del 29/07/2010

Kuwait ’90, primavera mai diventata estate
Riccardo Redaelli
del 01/08/2010

Intercettazioni, non siamo soli
Paola Rinaldi
del 29/07/2010

Il monito papale e la pornografia 1 parte
don Marcello Stanzione
del 09/07/2010

Il ruolo della donna islamica in Occidente
Marco Patruno
del 02/06/2010

Pacchetto sicurezza, un anno dopo
Stefano Femminis
del 02/08/2010

Rimozione forzata
Stefano Femminis
del 02/08/2010

Imprenditori di se stessi
Alberto Friso
del 19/07/2010

Il Cattolicesimo è la Verità assoluta
Paolo Risso
del 21/07/2010

Io! Gli altri... non esistono proprio
Sabino Frigato
del 10/07/2010

Il mattatoio televisivo
Gionata Di Cicco
del 10/07/2010

Fiducia tradita
Vicente Cárcel Ortí
del 23/07/2010

Un'alleanza contro il secolarismo
Grégor Puppinck
del 21/07/2010

Scienza disinvolta
Giulia Galeotti
del 21/07/2010

Emirati. La Chiesa «precaria»
Chiara Zappa
del 18/07/2010

Delitto mediatico
Francesco Ognibene
del 18/07/2010

Santificarsi col lavoro 2 parte
Javier Echevarría
del 10/07/2010

Se la dignità è anoressica
Paolo Becchi
del 17/07/2010

Arrestate l'uomo bianco
Rodolfo Casadei
del 06/07/2010

Il nostro enorme bisogno del bello
Marina Corradi
del 23/02/2019

Luca era gay
Emanuele Boffi
del 20/01/2009

L'orchestra dei neuroni
Massimo Piccirilli
del 12/07/2010

Rifiuti al Sud, un’altra estate a rischio
Alessandra Turrisi
del 11/07/2010

Quali regole per la finanza
Giuseppe Fiorentino
del 09/07/2010

Madre Teresa continua a stupire il mondo
Bridget Gabrielle Hylak
del 25/06/2010

A Toronto le diverse facce del g20
Luca M. Possati
del 25/06/2010

La libertà religiosa nello Stato laico
Dominique Mamberti
del 18/06/2010

La Fifa ha fifa di chi crede in Dio
Umberto Folena
del 14/06/2010

Quando in Spagna c'erano troppi conventi
Vicente Cárcel Ortí
del 14/06/2010

Il lato oscuro del desiderio di giustizia
Oddone Camerana
del 02/06/2010

Obiettivo sull'incanto
Gaetano Vallini
del 31/05/2010

«Nigra sum», devozione europea
Lorenzo Rosoli
del 28/05/2010

Cristiani a Sarajevo
Fabrizio Contessa
del 29/05/2010

Impegno senza rivoluzioni
Elisabetta Galeffi
del 29/05/2010

Dottor Jack e mister Morte
Cristian Martini
del 29/05/2010

Preti di celluloide
Emilio Ranzato
del 25/02/2010

Intercettazioni: il cuore del problema
Francesco d'Agostino
del 24/05/2010

In cerca del target che dura per sempre
Luca Bernabei
del 19/05/2010

Quelle mamme giovani e dolci
Carlo Bellieni
del 19/05/2010

Mamme di cuore
Chiara Saletti
del 01/05/2010

Il grembo dell’anima
Jessica Cugini
del 01/05/2010

La missione profetica di Fatima non è finita
Salvatore Mazza
del 14/05/2010

Il perdono cristiano non cancella la pena
Francesco d'Agostino
del 14/05/2010

Cordoni ombelicali, donazione a ostacoli
Graziella Melina
del 13/05/2010

Quando il perdono è più forte del bullismo
Giorgio Paolucci
del 13/05/2010

Evoluzione o involuzione?
Don Giuseppe Tagliareni

Dal peccato la più grande persecuzione
Salvatore Mazza
del 15/05/2010

Ciochi spericolati da stroncare
Luigi Campiglio
del 07/05/2010

La crisi e il dramma Banca a fuoco, 3 morti
Giorgio Ferrari
del 06/05/2010

Due ruote in accordo con madre natura
Giulia Galeotti
del 06/05/2010

Una minaccia più che mai reale
Gareth Evans
del 05/05/2010

E Prometeo vada a scuola di filosofia
Luigi Dell'Aglio
del 04/05/2010

La nuova opportunità Un giorno per le casalinghe
Antonella Mariani
del 30/04/2009

Il Papa ai malati: non sentitevi estranei
Benedetto XVI
del 02/05/2010

La disoccupazione balza all’8,8%
Bruno Mastroagostino
del 01/05/2010

Le campagne, bombe pronte a scoppiare
Domenico Marino
del 27/04/2010

L'uomo al centro della rete
Gianluca Comin
del 27/04/2010

Il rischio di corrompere la nobiltà di un dono
Francesco d'Agostino
del 27/04/2010

«Testimoni», la verità che fa notizia
Umberto Folena
del 25/04/2010

Prendiamo il largo nel mare digitale
Benedetto XVI
del 24/02/2010

Comunicazione e missione
CEI
del 18/06/2004

Dolore e speranza come di "Naufragio"
Marina Corradi
del 20/04/2010

Tra polenta e kebab
Rosanna Biffi
del 04/04/2010

Matrimonio-unioni gay Nessuna equiparazione
Pier Luigi Fornari
del 16/04/2010

Social network, la seduzione dei giovani
Vincenzo Grienti
del 15/04/2010

La Consulta: no alle nozze omosessuali
Pier Luigi Fornari
del 15/04/2010

Passione di Cristo, passione dei Carcerati
Bruno Oliviero
del 04/04/2010

La tela del ragno
Salvo
del 14/04/2010

Offrire la sofferenza
Ugo Sartorio
del 04/04/2010

Sarajevo, la diaspora dei cristiani
Laura Badaracchi
del 13/04/2010

Mafiosi, la grazia del Sepolcro è anche per voi
Andrea Gualtieri
del 13/04/2010

Uniti a Benedetto XVI con la nostra preghiera
Salvatore Mazza
del 13/04/2010

Caro Zapatero, le spiego le favole
Ferdinando Camon
del 13/04/2010

Gettarsi nella rete per rimanere vivi
Claudia Di Giovanni
del 12/04/2010

Non avrò altro corpo all'infuori del mio
Alessandra Mastrodonato
del 04/04/2010

Seppellitemi sopra Marilyn
Lucetta Scaraffia
del 10/04/2010

Cosa c’è di “bio”?
Christine Fouarge
del 01/04/2010

Icona del Figlio devozione antica
Gianmaria Zaccone
del 09/04/2010

Identità di genere, l’Europa sbanda
Pier Luigi Fornari
del 09/04/2010

E intanto il broker della coca evade dalla clinica
Vincenzo R, Spagnolo
del 09/04/2010

Obama e Medvedev firmano il disarmo
Lena Molinari
del 09/04/2010

Ognuno di noi è a casa solo se tutti sono a casa
Fabrizio Mastrofini
del 08/04/2010

Pedofilia: il Papa agisce, gli Stati no
Beppe Del Colle
del 04/04/2010

Apriamo gli occhi fino in fondo
Maurizio Patricello
del 07/04/2010

Fuori le sbarre. Vicino ai detenuti
Riccardo Ghinelli
del 02/04/2010

Quando la vita cambia dietro le sbarre
Lucia Bellaspiga
del 04/04/2010

I Grandi manovrano su energia e sicurezza
Fulvio Scaglione
del 04/04/2010

Torture made in Italy

del 18/03/2010

Gli uomini devono chiedere perdono alle donne
Raniero Cantalamessa
del 02/04/2010

Ognuno ha un ruolo nel dramma eterno
Giandomenico Mucci
del 02/04/2010

Concilio mondiale contro la catastrofe
Sergio Zavoli
del 02/04/2010

Gli orrori della Wehrmacht
Gaetano Vallini
del 31/03/2010

Padre Scalfi, 50 anni di samizdat
Antonio Giuliano
del 31/03/2010

La lezione dell’Aquila
Bruno Tarantino
del 31/03/2010

Londra, no al crocifisso in corsia
Elisabetta del Soldato
del 31/03/2010

Gesù Cristo è la via giusta per l’uomo
Benedetto XVI
del 30/03/2010

Alcune considerazioni in margine al caso Busi
On.le Alessandro Pagano
del 27/03/2010

Consumi, la stretta comincia a tavola
Giuseppe Matarazzo
del 26/03/2010

L'uomo è fatto per amare
Benedetto XVI
del 20/03/2010

Crisi, ecco le vittime
Andrea Dituri
del 24/03/2010

Nel mondo tra la gente per missione
Giulio Albanese
del 24/03/2010

Sos in bottiglia
Alberto Friso
del 03/03/2010

Sos acqua, ogni giorno muoiono 5.000 bambini
Viviana D'Aloiso
del 23/03/2010

Ecco la bussola
Mimmo Muolo
del 23/03/2010

Cambia la sanità Cambia l’America?
Andrea Lavazza
del 23/03/2010

Copti, cittadini di serie B
Enrico Casale
del 03/04/2010

Una favola sulle donne
don Mimì Fazioli Diocesi di Trivento
del 04/03/2010

Cattiva educazione
Marco Rossi Doria
del 10/03/2010

La finestra nel Muro
Alicia Vacas
del 02/03/2010

Contro chi sputa sui preti
Padre Aldo Trento, missionario in Paraguay
del 20/03/2010

Aiutò i genitori a morire: prosciolto
Elisabetta del Soldato
del 20/03/2010

Lotta alla mafia, una giornata per sperare
Paolo Lambruschi
del 20/03/2010

Aziende Ue esportano strumenti di tortura
Gianluca Cazzaniga
del 18/03/2010

Il sommerso, una piaga da 250 miliardi
Gianni Santamaria
del 18/03/2010

Più ossigeno per i polmoni del mondo
Daniele Zappalà
del 18/03/2010

Il doppio inganno del «Grande fratello»
Mirella Poggialini
del 10/03/2010

Se 500 cristiani macellati non fanno notizia
Antonio Socci
del 09/03/2010

Attente mamme, vi stanno rubando i figli!
P.Salvatore Tumino
del 09/03/2010

Basaglia santo subito? Sarebbe una pazzia
Marcello Veneziani
del 08/02/2010

Se Giove e Marte valgon più di Mosè
Pietro Gibellini
del 09/03/2010

Riaprono i pozzi interiori
Marina Corradi
del 08/04/2009

Quando si sgomita per arruolare il Vaticano
Francesco M. Valiante
del 01/05/2009

Quel convertitore magico che è il coraggio del bene
don Giancarlo Conte
del 06/05/2009

Quelle vite devastate che i ricchi non vedono
Ulrich Beck (Traduzione di Carlo Sandrelli)
del 08/09/2009

Il dolore e il farmaco di Dio
Angelo Scola
del 19/07/2009

Autogrill pieni di libri anti-cattolici. Perchè?
sandrodiremigio.com
del 23/08/2009

Le vite dei «niuri» uniche come le nostre
Marina Corradi
del 08/10/2009

Quale libertà di informazione?
Avv. Stefano Spinelli

La Consulta e il lodo Alfano
Avv. Stefano Spinelli

La tela del ragno
Salvo, webmaster di Regina Mundi
del 02/11/2009

E il Poverello inventò il mercato solidale
Stefano Zamagni
del 10/09/2009

Il biodiesel dei missionari
Paola Scarsi
del 13/09/2009

Gad Lerner in tv fa il processo ai cattolici
Alessandro Sallusti
del 10/02/2010


In tutto sono Stati trovati 576 articoli.

NATALE È L'IDENTITÀ CRISTIANA
Giuseppe Mani Vescovo
del 24/12/2015

NATALE È L'IDENTITÀ CRISTIANA
Giuseppe Mani Vescovo
del 24/12/2015

E se in questa Quaresima facessimo un po' di “elemosina spirituale"
Juan Ávila Estrada - traduzione di Roberta Sciamplicotti
del 08/03/2014

«Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra»
di Giovanni Ricciardi
del 01/10/2013

ANCHE TU SEI “DISPENSATORE DI BENEDIZIONI”
Don Alfonso Maria Weigl
del 26/09/2013

I guai di san Paolo

del 17/05/2013

Annunciare il Vangelo della Pace.
Paola Olmetto - Secolare CMOP
del 13/04/2013

Dove sei?
Don Ricciotti Saurino
del 30/04/2013

La ‘onnimpotenza’ della Croce
+ Francesco Lambiasi - Vescovo
del 28/03/2013

Io sono la vostra Pace
Angelo Masciello
del 30/12/2012

LA GRANDE SORPRESA DI GIOVANNI
Vittorio Messori
del 04/10/2012

Una macina da mulino
Gianfranco Ravasi
del 17/06/2012

Bestemmiare lo Spirito
Gianfranco Ravasi
del 23/04/2012

Il paralitico, il perdono, gli uomini
Gianfranco Ravasi
del 13/03/2012

Non desiderare!
Gianfranco Ravasi
del 26/02/2012

LA FOLLIA DI MEDJUGORJE

del 18/11/2011

SIGNORE, DA CHI ANDREMO?
Testo a cura della Conferenza Episcopale Italiana Musica a cura di Pasquale Impagliatelli
del 04/09/2011

MARIA MADRE CHE ASCOLTA
Padre Livio Fanzaga
del 07/03/2011

Siamo uomini liberi non «massa digitale»
DAVIDE RONDONI
del 30/09/2010

Santità non vorrei morire così
fra Giacomo da Poirino
del 29/09/2010

Il mondo salvato dagli eremiti
Callistos Ware, metropolita ortodosso, Diokleia
del 08/09/2010

Anthony Flew, l'ateo pentito
Lorenzo Fazzini
del 27/08/2010

Nel monastero di Patmos dove si respira l'unità
Elisabetta Galeffi
del 24/08/2010

Quelli che vogliono aggiornare Cristo
Inos Biffi
del 24/08/2010

Pietro e Maddalena
Lucetta Scaraffia
del 22/08/2010

Il divertimento di creare
Gianfranco Ravasi
del 19/08/2010

Maria e il dialogo ecumenico
Riccardo Burigana
del 13/08/2010

Cento giorni di preghiera per la pace nel Sudan
Alessandro Trentin
del 13/08/2010

La vita che non tramonta
Salvatore M. Perrella
del 13/08/2010

I tesori della Chiesa
cardinale Angelo Bagnasco
del 10/08/2010

L'uso dei beni nella logica dell'amore
Benedetto XVI
del 09/08/2010

Conchiglia. Il sacro ventaglio.
Giacomo Gambassi
del 08/08/2010

«Sono spie». Crivellati di colpi dieci volontari
Laura Silvia Battaglia
del 08/08/2010

INCHIESTA
Marco Mozzoni
del 08/08/2010

Ars, il miracolo non fa rumore
Marina Corradi
del 07/08/2010

Il crocifisso e l'unità dei cristiani
Fabrizio Contessa
del 10/07/2010

L'albero glorioso che spiega il mistero
Michael John Zielinski
del 16/05/2010

Ma i cristiani sono gente «felice»?
Enzo Bianchi
del 07/05/2010

I mille nomi del fuoco
Gianfranco Ravasi
del 06/05/2010

La luce e il suo contrario
Inos Biffi
del 06/05/2010

Chi ha ucciso Gesù?
Raniero Cantalamessa
del 01/01/1900

Creati per la Risurrezione
Inos Biffi
del 04/04/2010

Getsemani, nell'orto dell'Agonia
padre Rosario Pierri ofm
del 05/03/2010

Se l'uomo diventa lupo
Enzo Bianchi
del 19/02/2010

In cammino verso la "preghiera"
Carlo Carretto
del 01/01/1900

La Madonna sconvolge gli intellettuali
Antonio Socci
del 19/02/2010

Reincarnarsi? Un bluff intellettuale
Fabrice Hadjadj
del 10/03/2010

Teniamo ferma la differenza tra bene e male
Pierangelo Sequeri
del 12/03/2010

Meditando S.Paolo
M.Caterina Muggianu
del 01/06/2009

Pregate! Pregate! Pregate!
M.Caterina Muggianu
del 01/05/2009

Mi chiedi: perché pregare? Ti rispondo: per vivere.
Mons. Bruno Forte Arcivescovo Metropolita di Chieti-Vasto
del 01/01/1900

La tutta Bella perché tutta Pura
Mons. Carlo Chenis Vescovo di Civitavecchia-Tarquinia
del 01/01/1900

La sciarpa di lana.
Salvo
del 08/04/2009

La Madre silenziosa
Salvo
del 04/05/2009

Sistemazione provvisoria
don Tonino Bello.
del 01/01/1900

La vita nuova inizia dal respiro della libertà
Roberto Mancini
del 26/05/2009

Anche le stelle pregano.
Ermes Ronchi
del 01/06/2009

Liberaci dal male?
Gianfranco Ravasi
del 24/05/2009

La differenza tra un santo e un eroe del cinema
Marco Statzu Sac.
del 25/02/2010


In tutto sono Stati trovati 88 articoli.

MARIA MADRE CHE ASCOLTA
Padre Livio Fanzaga
del 07/03/2011

Il Vangelo della Vita

del 01/09/2010

Casini: «Ora una battaglia culturale»
Enrico Negrotti
del 10/08/2010

Non accoglie la vita chi non si sente accolta
Assuntina Morresi
del 10/08/2010

Aborti in calo ma la piaga resta aperta
Pier Luigi Fornari
del 10/08/2010

Tante tecniche ma poche ragioni
Carlo Bellieni
del 09/07/2010

La posta in gioco
Ferdinando Cancelli
del 10/07/2010

Tra l'embrione e il fine vita
Fabio Colagrande
del 26/05/2010

Cordoni ombelicali, donazione a ostacoli
Graziella Melina
del 13/05/2010

L’anti-donazione irrompe in sala parto
Francesco Ognibene
del 07/05/2010

Non è una partita di calcio
Franco Prodi
del 07/05/2010

Pillole contro il rischio di nascere
Tommaso Gomez
del 06/05/2010

Ventidue settimane, e già può vivere
Carlo Bellieni
del 06/05/2010

La pillola abortiva non convince i ginecologi
Viviana Daloiso
del 15/04/2010

Pillola a domicilio? Rileggete (bene) la 194
Gianfranco Amato
del 01/04/2010

Perché non basta definirsi «anti-abortisti»
Francesco d'Agostino
del 31/03/2010

L’Italia impasticcata e (in)felice
Tommaso Gomez
del 25/03/2010

Aiutò i genitori a morire: prosciolto
Elisabetta del Soldato
del 20/03/2010

Senza limiti c’è la lotteria dell’ovocita
Assuntina Morresi
del 18/03/2010

Adesso il mio incubo si chiama Ru486
Benedetta Frigerio
del 10/09/2009

L'aggressione a Benedetto XVI
Giuliano Ferrara
del 19/03/2009

Ma i Massoni hanno perso
Nicoletta Tiliacos
del 20/02/2009

Il valore di una vita senza valore
Michele Brambilla
del 03/03/2009

Natale 2009
Ugo Sauro e Famiglia
del 25/12/2009


In tutto sono Stati trovati 50 articoli.

La Reginella Santa
Di Federico Cenci
del 25/01/2014

MORIRE PER GESU' CRISTO E PER L'AFRICA
RIVISTA MARIA AUSILIATRICE
del 10/10/2012

QUANDO L'IMPOSSIBILE DIVENTA POSSIBILE
Mario Scudu SDB
del 22/05/2012

Tutti giù dal letto per la Santuzza
Sandro Barbagallo
del 05/02/2012

Col sorriso e con la Croce
Salvatore Mazza
del 23/10/2010

Anna Maria Adorni l’angelo degli ultimi
Giacomo Gambassi
del 02/10/2010

San Francesco che contestatore
Ezio Franceschini
del 30/09/2010

San Francesco che contestatore
Ezio Franceschini
del 30/09/2010

L'uomo sinfonico di Ildegarda di Bingen
Marcello Filotei
del 09/09/2010

Fede e ragione nel pontificato di Mastai Ferretti
Francesco M. Valiante
del 03/09/2010

L'ex nemico di Ambrogio
Inos Biffi
del 28/08/2010

La forza di un sorriso
Paul Cheruthottupuram
del 26/08/2010

E Madre Teresa "perdonò" la sua Albania
Giovanni Ruggiero
del 25/08/2010

Siberia 1945, un gesuita nel gulag
Lorenzo Fazzini
del 24/08/2010

I giorni della Beata Vergine
Sergio Gaspari
del 01/08/2010

La collina di Taizé

del 19/08/2010

Agata casta diva
Silvia Guidi
del 17/08/2010

Il "piccolo Re" chiama l'Europa ad Arenzano
Adriano Torti
del 13/08/2010

I tesori della Chiesa
cardinale Angelo Bagnasco
del 10/08/2010

Arcidiacono con libro e graticola
Fabrizio Bisconti
del 09/08/2010

Ars, il miracolo non fa rumore
Marina Corradi
del 07/08/2010

La "Madonna Nera" di Czestochowa
Raimondo Giuliani
del 26/08/2010

Quelle sante impegnate in politica
Rossella Fabiani
del 12/07/2010

La santità di Pio XII
Monsignor Andrea Gemma

Missionario, profeta e Mandarino
Antonio Tarzia
del 01/03/2010

Il padre nascosto
Fabrizio Bisconti
del 19/03/2010

La differenza tra un santo e un eroe del cinema
Marco Statzu Sac.
del 25/02/2010


In tutto sono Stati trovati 38 articoli.
_____________________________