Preghiere, novene e devozioni: Novena al Sacro Cuore.
 

Novene
Novena al Sacro Cuore

PRESENTAZIONE
Pubblicata la prima volta verso la fine del 1758 in Appendice alla Novena del Santo Natale, l'operetta contribuì non poco ad ottenere dalla S. Sede l'approvazione della festa e la concessione della Messa del S. Cuore. Le nove medita¬zioni sono precedute da una Notizia, come al solito stringata ma ben documentata, sull'origine, sull'oggetto e sulla progressiva diffusione della devozione. Il lettore gusterà le puntualizzazioni di natura fisiologica sull'origine delle « affezioni », se dal cuore o dal cervello: a riprova del¬l'equilibrio del santo mirante a fondare la devozione su basi teologicamente e antropologicamente corrette.
L'interesse di S. Alfonso per il S. Cuore rientrava nel nucleo stesso della sua spiritualità centrata sull'amore. Notare in proposito la frase che apre la Notizia: « La divozione di tutte le divozioni è l'amore a Gesù Cristo, con pensare spesso all'amore che ci ha portato e ci porta quest'amabile Redentore ». Notare soprattutto con quale intensità di variazioni il vocabolario dell'amore circola fin nei titoli delle meditazioni, in sintonia col messaggio di S. Maria Margherita Alacoque: Cuore amabile, Cuore amante, Cuore anelante d'esser amato, Cuore addolorato, Cuore pietoso, Cuore liberale, Cuore grato, Cuore disprezzato, Cuore fedele.
Quando si pensi che il giansenismo osteggiò lungo tutto il Settecento questa devozione, si può capire come S. Alfonso, impegnato a contestare il rigorismo nel duplice versante della morale e della vita sacramentale, abbia accolto con riconoscenza una devozione che, a modo suo, rappresentava come un barometro della pietà cattolica, oltre a costituire la controprova di quella « sovrabbondante redenzione » tipica dell'annunzio missionario della sua Congregazione.
Concludendo la Notizia, S. Alfonso scrive con garbo che egli ha intrapreso, il lavoro « per compiacere la divozione dell'anime innamorate di Gesù Cristo ». Con la stessa intenzione i missionari redentoristi ripresentano questo opuscolo al popolo cristiano, in particolare a coloro che essi incontrano nelle missioni al popolo. I Missionari Redentoristi

NOVENA DEL CUORE DI GESU'
NOTIZIE SULLA DEVOZIONE VERSO IL CUORE ADORABILE DI GESU'
La devozione di tutte le devozioni è l'amore a Gesù Cristo, con pensare spesso all'amore che ci ha portato e ci porta questo amabile Redentore. Piange, e giustamente piange, un devoto autore in vedere che molte persone attendono a praticare diverse devozioni e trascurano questa; e che molti predicatori e confessori dicono molte cose, ma poco parlano dell'amore a Gesù Cristo; ché, in verità, l'amore a Gesù Cristo dev'esser la principale, anzi l'unica devozione di un cristiano; e perciò questa dovrebbe essere ancora l'unica attenzione e scopo dei predicatori e confessori verso i loro uditori e penitenti: l'insinuare loro continuamente e l'infiammarli nell'amor di Gesù Cristo. Da questa negligenza poi nasce che le anime poco si avanzino nelle virtù e continuino a marcire negli stessi difetti e spesso ancora ricadano in colpe gravi; perché poco attendono e poco sono ammonite ad acquistare l'amore verso Gesù Cristo ch'è quel laccio d'oro che unisce e stringe le anime con Dio.
A questo solo fine è venuto il Verbo Eterno nel mondo, per farsi amare: Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! (Lc 12, 19). E l'Eterno Padre, a questo fine anche l'ha mandato nel mondo, acciocché egli ci palesasse il suo amore e così si tirasse l'amor nostro: protestandosi il Padre che in tanto ci ama in quanto noi amiamo Gesù Cristo: Il Padre stesso vi ama, poiché voi mi avete amato (Gv 16, 27). Inoltre ci dona le sue grazie in quanto noi gliele domandiamo in nome del Figlio: Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà (Gv 16, 23). Ed in tanto ci ammette all'eterna beatitudine in quanto ci trova conformi alla vita di Gesù Cristo: Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto, li ha anche predestinati ad essere conformi all'immagine del Figlio suo (Rm 8, 29). Ma questa conformità noi non mai l'acquisteremo, anzi neppur la desidere¬remo, se non attenderemo a considerare l'amore che ci ha portato Gesù Cristo.
A questo medesimo fine si narra, nella Vita della ven. suor Margherita Alacoque, religiosa della visitazione di S. Maria, che il nostro Salvatore rivelò a questa sua serva di volere che ultimamente, ai nostri tempi, s'istituisse e propagasse nella Chiesa la devozione e festa al suo SS. Cuore, acciocché le anime devote coi loro ossequi ed affetti riparassero le ingiurie che il suo Cuore riceve spesso dagl'ingrati allorché sta esposto nel Sacramento sugli altari. Si narra pertanto, nella vita della mentovata ven. religiosa, scrit¬ta dal dotto mons. Languet, vescovo di Sens, che mentre stava un giorno questa devota vergine pregando davanti al SS. Sacramento, Gesù Cristo le fece vedere il suo Cuore circondato di spine con una croce di sopra e in un trono di fiamme; e poi le disse così: Ecco quel Cuore che tanto ha amato gli uomini e che nulla per essi ha risparmiato sino a consumarsi per dar loro contrassegni del suo amore; ma che per ricompensa dalla maggior parte non riceve che ingratitudini e disonori in questo Sacramento d'amore; e quel che più mi dispiace è che questi cuori sono a me consacrati. Indi le ordinò ch'ella si adoperasse affinché, nel primo venerdì dopo l'ottava del SS. Sacramento, si celebrasse una festa particolare per onorare il suo divin Cuore. E ciò a tre fini, 1. affinché i fedeli lo ringraziassero di questo gran dono loro lasciato della venerabile Eucaristia. 2. Acciocché le anime riparassero coi loro ossequi ed affetti le irriverenze e i dispregi ch'egli ha ricevuti e riceve dai peccatori in questo sacramento. 3. Affinché compensassero anche l'onore ch'egli non riceve in tante chiese dove si trova poco adorato e riverito. E promise ch'egli avrebbe fatto abbondar le ricchezze del suo Cuore sopra coloro che gli avesser reso questo onore, così nel giorno della festa, come in tutti gli altri giorni in cui l'avessero visitato nel SS. Sacramento. Sicché questa devozione al Cuore di Gesù Cristo non è altro che un esercizio d'amore verso un sì amabile Signore.
Ma parlando dell'oggetto d'una tal devozione, l'oggetto spirituale è l'amore di cui arde il Cuore di Gesù Cristo verso degli uomini, attesoché l'amore comunemente si attribuisce al cuore, come si legge in tanti luoghi: Il mio cuore e la mia carne esultano nel Dio vivente (Sal 83, 3); La roccia del mio cuore è Dio, è Dio la mia sorte per sempre (Sal 72, 26); L'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato (Rm 5, 5). L'oggetto poi materiale, ossia sensibile, è il SS. Cuore di Gesù, non già preso per sè nudamente, ma come unito alla santa umanità e per conseguenza alla divina persona del Verbo.
Questa devozione poi in progresso di poco tempo è stata talmente propagata, che oltre l'essersi introdotta in molti monasteri di sacre vergini, se ne sono erette coll'autorità dei prelati da 400 confraternite consacrate al Cuore di Gesù, in Francia, nella Savoia, nelle Fiandre, in Germania, in Italia, ed anche in più parti degl'infedeli; e queste confraternite sono state anche arricchite dalla santa Sede di molte indulgenze, con facoltà ancora di erigere cappelle e chiese col titolo del Sacro Cuore, come appare dal breve di Clemente X dell'anno 1674.
E si spera da molte persone devote che abbia un giorno ad ottenersene dalla S. Chiesa anche la concessione dell'Ufficio e della Messa propria in onore del SS. Cuore di Gesù Cristo. Sappiamo per altro che fin dall'anno 1726 fu fatta questa richiesta per mezzo del p. Galliffet che ne fu il postulatore, esponendo che il sacro Cuore di Gesù meritava questa special venerazione per esser egli il comprincipio sensibile e la sede di tutti gli affetti del Redentore e specialmente dell'amore, e per essere ancora il centro di tutti i suoi dolori interni che soffrì nella sua vita. Ma secondo il mio umile intendimento il nominato buon religioso non conseguì l'intento, perché volle per la sua supplica assumere come certo un appoggio ch'era molto dubbio. Onde giustamen¬te gli fu opposto che si stava dibattendo una grande questione: se gli affetti, o i sentimenti, si formano nel cuore o nel cervello; anzi i filosofi più moderni, con Lodovico Muratori nella sua filosofia morale (Cap. II, p. 14), seguono la seconda opinione: che il sentimento ha origine nel cer¬vello, e che perciò, non essendovi ancora su questa controversia alcun giudizio fatto sinora dalla Chiesa che prudentemente suole astenersi da tali decisioni, non dovesse aver luogo la richiesta fatta, come appoggiata alla sentenza incerta degli antichi. All'incontro dicevasi che, mancando il suddetto special motivo addotto di venerazione a rispetto del cuore, non conveniva accordare la concessione domandata dell'Ufficio e della Messa; poiché altrimenti in avvenire avrebbero potuto promuoversi simili domande anche in onore del S. costato, della lingua, degli occhi e delle altre membra di Gesù Cristo. Così ritrovo registrato nella celebre opera di Benedetto XIV di felice memoria (De canoniz. sanct., tom. 4, 1. 4, pag. 2, cap. 13).
Ma la speranza che noi abbiamo di vedere un giorno accordata la suddetta concessione in quanto al Cuore di nostro Signore, non l'appoggiamo già alla mentovata sentenza degli antichi, ma all'opinione comune dei filosofi, tanto antichi quanto moderni, che il cuore umano, sebbene non fosse la sede degli affetti e il principio della vita; non però, come scrive lo stesso dottissimo Muratori nel citato luogo, il cuore è uno dei primari fonti ed organi della vita dell'uomo. Poiché co¬munemente oggidì dicono i fisici che la fonte e il principio della circolazione del sangue è il cuore, a cui stanno attaccate tutte le arterie e vene; e perciò non si dubita che dal cuore ricevono il moto le altre parti del corpo. Se dunque il cuore è uno dei primari fonti della vita umana, non può dubitarsi che il cuore ha una primaria parte negli affetti dell'uomo. Ed in fatti si vede coll'esperienza che le affezioni interne di dolore e d'amore fanno molto maggior impressione nel cuore, che in tutte le altri parti della persona. E specialmente circa l'amore, tralasciando di no¬minare tanti altri santi, si legge di S. Filippo Neri che nei suoi fervori verso Dio usciva il calore del cuore a farsi sentire sopra il petto, e il cuore palpitavagli sì forte che respingeva la testa di chi se gli accostava; e il Signore, con prodigio so¬prannaturale, dilatò le coste del santo al di lui cuore, il quale agitato dall'ardore cercava più spazio per potersi muovere. S. Teresa scrive ella stessa nella sua Vita (Lib. 1, cap. 4) che Dio mandò più volte un angelo a ferirle il cuore, sì che ne restava poi accesa d'amore divino e sentivasi sensibilmente bruciare e venir meno: cosa da molto ponderarsi, scorgendosi da ciò che gli affetti d'amore con modo speciale s'imprimono da Dio nel cuore dei santi; e la Chiesa non ha avuta ripugnanza di concedere ai Carmelitani scalzi la Messa propria in onore del cuore ferito di S. Teresa.
Di più aggiungo che la Chiesa ha stimato ben degni di speciale venerazione gli strumenti della Passione di Gesù Cristo, come la lancia, i chiodi e la corona di spine, concedendo l'Ufficio e la Messa in loro culto speciale. Se dunque la Chiesa ha stimato bene di venerare con culto speciale la lancia, i chiodi, le spine, perché hanno avuto il contatto di quelle parti del corpo di Gesù Cristo che ebbero un tormento particolare nella sua Passione, quanto maggiormente può da noi sperarsi che si conceda un culto speciale in onore del SS. Cuore di Gesù Cristo, ch'ebbe una tanta gran parte nei suoi santi affetti e negl'immensi dolori interni che patì nel vedere i tormenti che gli si apparecchiavano e l'ingratitudine che dopo tanto amore gli uomini dovevano rendergli. Da ciò fu cagionato il sudore di sangue che poi ebbe il Signore nell'orto, mentre un tal sudore non può spiegarsi senza ricorrere ad un forte stringimento del cuore, per il quale il sangue, essendo¬gli impedito il suo corso, fu costretto a diffondersi per le parti esterne: e tale stringimento del Cuore di Gesù Cristo certamente non derivò da altra causa, che dalle pene interne di timore, di tedio e di mestizia, secondo quel che scrivono i Vangelisti: Cominciò a sentire paura, tristezza e angoscia (Mt 26, 37; Mc 14, 33).
Ma - checché sarà di ciò - veniamo per ora a compiacere la devozione delle anime innamorate di Gesù Cristo, che desiderano nella novena del suo amantissimo Cuore trattenersi ad onorarlo nel SS. Sacramento con sante considerazioni ed affetti.

PRIMO GIORNO - MEDITAZIONE I. Cuore amabile di Gesù
Chi si fa conoscere in tutto amabile, si fa necessariamente amare. Oh se noi ci applicassimo a conoscere tutte le belle motivazioni che ha Gesù Cristo d'essere amato, tutti saremmo nella felice necessità di amarlo. E qual cuore fra tutti i cuori può ritrovarsi più amabile del Cuore di Gesù? Cuore tutto puro, tutto santo, tutto pieno d'amore verso di Dio e verso di noi; mentre tutti i suoi desideri non sono che della divina gloria e del nostro bene. Questo è quel Cuore in cui trova Iddio tutte le sue delizie, tutte le sue compiacenze. Regnano in questo Cuore tutte le perfezioni, tutte le virtù: un amore ardentissimo a Dio suo Padre, unito alla maggiore umiltà e rispetto che possa esservi: una somma confusione per i nostri peccati, dei quali egli si è caricato, unita ad una som¬mo abborrimento delle nostre colpe, unito ad una viva compassione delle nostre miserie: una somma pena unita ad una perfetta uniformità alla volontà divina. Sicché in Gesù ritrovasi tutto ciò che può esservi di amabile. Taluni son tirati ad amare gli altri per la bellezza, altri per l'innocenza, altri per la consuetudine, altri per la devozione. Ma se vi fosse una persona in cui fossero raccolte tutte queste ed altre virtù, chi potrebbe non amarla? Se anche da lontano noi sentiamo esservi un principe straniero bello, umile, corte¬se, devoto, pieno di carità, mansueto con tutti, che rende bene a chi gli fa male, anche senza conoscerlo e bench'egli non ci conosca nè noi conosciamo lui nè abbiamo a che fare con lui, pure c'innamora e ci vediamo costretti ad amarlo. E Gesù Cristo poi, il quale tiene con sè tutte queste virtù e tutte in grado perfetto, e ci ama così teneramente, com'è possibile che sia poco amato dagli uomini e non sia tutto l'oggetto del nostro amore? Oh Dio, che Gesù ch'è solo amabile e che ci ha dati tanti contrassegni dell'amore che ci porta, egli solo - diciam così - par che sia il mal fortunato con noi, che non può giungere a vedersi da noi amato, come se non fosse abbastanza degno del nostro amore! Questo è quel che faceva piangere la Rosa di Lima, la Caterina da Genova, la Teresa, la Maria Maddalena de' Pazzi, le quali considerando questa ingratitudine degli uomini, esclamavano piangendo: L'amore non è amato, l'amore non è amato.
Affetti e preghiere
Mio amabile Redentore, quale oggetto più de¬gno d'amore poteva il tuo Eterno Padre comandarmi d'amare fuori ti te? Tu sei la bellezza del paradiso tu l'amore di tuo Padre, nel tuo Cuore hanno la sede tutte le virtù. O Cuore amabile del mio Gesù, tu ben meriti l'amore di tutti i cuori; povero ed infelice quel cuore che non t'ama! Tale infelice, oh Dio, è stato il cuor mio, in tutto quel tempo che non ti ha amato. Ma io non voglio continuare ad essere così infelice; io ti amo e voglio sempre amarti, o Gesù mio.
O Signore, per il passato io mi son dimenticato di te; ed ora che aspetto? aspetto forse di obbligarti colla mia ingratitudine a scordarti di me e ad abbandonarmi? No, mio caro Salvatore, non lo permettere. Tu sei l'amore d'un Dio, e non avrai da essere poi l'amore d'un misero peccatore quale son io, così beneficato e amato da te? O belle fiamme, voi che ardete nel Cuore innamorato del mio Gesù, deh! accendete voi nel mio povero cuore quel santo e beato fuoco che venne Gesù dal cielo ad accendere in terra. Voi incenerite e distruggete tutti gli affetti impuri che vivono nel mio cuore e gl'impediscono d'essere tutto suo.
Fa', mio Dio, ch'egli non viva che per amare solo te, caro mio Salvatore. Se un tempo ti ho disprezzato, ora sappi che tu sei l'unico mio amo¬re. lo ti amo, io ti amo, io ti amo nè voglio ama¬re altro che te. Amato mio Signore, deh non disdegnare di accettare ad amarti un cuore che un tempo ti ha amareggiato. Sia gloria tua il far vedere agli angeli ardere per te d'amore un cuore che un tempo ti ha fuggito e vilipeso.
Vergine SS. Maria Madre e speranza mia, aiutami tu; prega Gesù che mi renda, colla sua grazia, quale egli mi desidera.

SECONDO GIORNO - MEDITAZIONE II. Cuore amante di Gesù
Oh se intendessimo l'amore che arde nel Cuore di Gesù verso di noi! Egli ci ha tanto amati che se si unissero tutti gli uomini, tutti gli angeli e tutti i santi con tutte le loro forze non giungerebbero alla millesima parte dell'amore che ci porta Gesù. Egli ci ama immensamente più che noi stessi. Egli ci ha amati sino all'eccesso. E qual maggior eccesso che un Dio muoia per le sue creature? Egli ci ha amati sino all'estremo: Dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine (Gv 13, 1). Poiché, dopo averci amato questo Dio da un'eternità, sicchè non vi è stato momento nell'eternità che Iddio non ha pensato a noi e non ha amato ciascuno di noi - Ti ho amato di amore eterno (Ger 31, 3) - egli per nostro amore si è fatto uomo ed ha eletta una vita penosa e una morte di croce per noi. Ond'è ch'egli ci ha amati più del suo onore, più del suo riposo e più della sua vita, avendo sacrificato tutto per dimostarci l'amor che ci porta. E questo non è eccesso di carità che farà stupire gli angeli e il paradiso per tutta l'eternità? Quest'amore l'ha indotto ancora a restarsene con noi nel SS. Sacramento come in trono di amore: poiché ivi se ne sta sotto le apparenze di poco pane, chiuso in un ciborio, dove par che rimanga in un pieno annientamento della sua maestà, senza moto e senza uso dei sensi; sicché ivi par che non faccia altro ufficio che di amare gli uomini.
L'amore fa desiderare la continua presenza della persona amata: quest'amore e questo desiderio fece restar Gesù Cristo con noi nel SS. Sacramento. Parve troppo breve a questo innamorato Signore l'essere stato per soli trentatré anni cogli uomini in questa terra; onde per dimostrare il suo desiderio di stare sempre con noi, stimò necessario di fare il più grande di tutti i miracoli, quale fu l'istituzione della santa Eucaristia. Ma l'opera della Redenzione era già compita, gli uomini già erano stati riconciliati con Dio, a che serviva il restarsi Gesù in terra in questo sacramento? Ah ch'egli vi resta, perché non sa separarsi da noi, dicendo che con noi trova le sue delizie! Quest'amore ancora l'ha indotto sino a farsi cibo delle anime nostre, alfin di unirsi con noi e fare dei cuori nostri e del suo una stessa cosa. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me, e io in lui (Gv 6, 56). O stupore! o eccesso dell'amor divino! Diceva un servo di Dio: « Se qualche cosa potesse smuovere la mia fede circa il mistero dell'Eucaristia non sarebbe già il dubbio come il pane diventi carne e come Gesù stia in più luoghi e tutto ristretto in sì poco spazio, perché risponderei che Dio può tutto; ma se mi si chiede com'egli ami tanto l'uomo, che sia giunto a farsi suo cibo, altro non ho che rispondere, che questa è verità di fede superiore alla mia intelligenza e che l'amore di Gesù non può comprendersi ».
Oh amore di Gesù, fatevi conoscere dagli uomini e fatevi amare!
Affetti e preghiere
O Cuore adorabile del mio Gesù, Cuore inna¬morato degli uomini, Cuore creato apposta per amare gli uomini, deh come puoi esser dagli uomini così mal corrisposto e vilipeso? Ah me miserabile, ché anch'io sono stato uno di questi ingrati che non ti ha saputo amare! Perdonami, Gesù mio, questo gran peccato, di non aver amato te che sei così amabile e tanto hai amato me, che non hai più che fare per obbligarmi ad amarti. Vedo ch'io per aver un tempo rinunziato al tuo amore meriterei d'esser condannato a non poterti più amare. Ma no, mio caro Salvatore, dammi ogni castigo, ma non questo. Concedimi la grazia d'amarti e poi dammi qualunque pena tu voglia. Ma come posso temere di tal castigo, mentre sento che tu continui ad intimarmi il dolce, il caro precetto di amare te mio Signore e Dio? Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore (Mt 22, 37).
Sì, mio Dio, tu vuoi esser amato da me ed io voglio amarti; anzi non voglio amare altri che te che tanto mi hai amato. O amore del mio Gesù, tu sei l'amor mio. O Cuore infiammato di Gesù, infiamma ancora il cuore mio. Non permettere ch'io per l'avvenire abbia neppure per un momento da vivere privo del tuo amore, uccidimi prima, distruggimi, non far vedere al mondo que¬st'orrenda ingratitudine, ch'io così amato da te, dopo tante grazie e lumi da te ricevuti abbia di nuovo a disprezzare il tuo amore. No, Gesù mio, non lo permettete. Spero nel sangue che hai sparso per me, ch'io sempre t'amerò e tu sempre mi amerai, e quest'amore fra me e te non si scioglierà mai più in eterno.
O madre del bell'amore, Maria, tu che tanto desideri di vedere amato Gesù, legami, stringimi col tuo Figlio; ma stringimi tanto ch'io non abbia a vedermene più separato.

TERZO GIORNO - MEDITAZIONE III. Cuore di Gesù anelante d'esser amato
Gesù non ha bisogno di noi; egli, col nostro amore o senza di esso, è ugualmente felice, ugualmente ricco e potente; e pure, dice S. Tommaso, Gesù Cristo, perché ci ama, tanto desidera il nostro amore, come se l'uomo fosse suo Dio, e la sua felicità dipendesse da quella dell'uomo. Ciò faceva stupire il Santo Giobbe che diceva: Che è quest'uomo che ne fai tanto conto e a lui rivol¬gi la tua attenzione? (Gb 7, 17). Come? Un Dio desiderare e chiedere con tante premure l'amore d'un verme! Gran favore sarebbe stato solamente che Dio ci avesse permesso d'amarlo. Se un vas¬sallo dicesse al suo re: Signore, io vi amo; pas¬serebbe per un temerario. Ma che si direbbe se il re dicesse al vassallo: Io voglio che m'ami? A ciò non si abbassano i principi della terra, ma Gesù ch'é il re del cielo, è quello che can tanto impegno ci domanda il nostro amore: Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore (Mt 22, 37). E se mai si vede discacciato da un'anima, egli non si parte, ma si mette fuori della porta del cuore e chiama e bussa per entrare: Sto alla porta e busso (Ap 3, 20); e la prega ad aprirgli, chiamandola sorella e sposa: Aprimi, sorella mia (Ct 5, 2). Egli insomma trova le sue delizie in vedersi amato da noi, e tutto si consola quando un'anima gli dice e spesso glielo replica: Mio Dio, io t'amo. Tutto ciò è effetto del grande amore che ci porta. Chi ama, necessariamente desidera d'esser amato. Il cuore domanda il cuore: l'amore cerca amore: Perché Dio ci ama se non per essere riamato?, disse S. Bernardo; e prima lo disse Dio stesso: Che cosa ti chiede il Signore tuo Dio se non che tu tema il Signore tuo Dio, che tu lo ami? (Dt 10, 12). Perciò ci fa sapere ch'egli è quel pastore che, trovando la pecorella smarrita, chiama tutti a consolarsene con lui: Rallegratevi con me perché ho trovato la mia pecora che era perduta (Lc 15, 6). Ci fa sapere ch'egli è quel padre che quando torna un figlio perduto ai suoi piedi, non solo gli perdona, ma tenera¬mente l'abbraccia. Ci fa sapere che chi non l'ama resta condannato a morte: Chi non ama rimane nella morte (1 Gv 3, 14). Ed all'incontro che chi l'ama lo tiene con se e lo possiede: Chi sta nel¬l'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui (1 Gv 4, 16). Or tante domande, tante premure, tante minacce e promesse non ci spingeranno ad amare un Dio che tanto desidera d'esser amato da noi? Affetti e preghiere
Caro mio Redentore, ti dirò con S. Agostino, tu mi comandi ch'io ti ami, e se non ti amo mi minacci l'inferno; ma qual inferno più orribi¬le, qual disgrazia più grande può succedermi che l'esser privo del tuo amore? Se dunque vuoi atterrirmi, minacciami solamente che io vivrò senza amarti, che questa sola minaccia mi spaven¬terà più che mille inferni. Se in mezzo alle fiam¬me dell'inferno potessero i dannati, o mio Dio, ardere del tuo amore l'inferno diventerebbe un paradiso; e se all'incontro i beati nel cielo non potessero amarti, il paradiso diventerebbe un inferno. Così sant'Agostino.
Vedo già, amato mio Signore, che io per i miei peccati meriterei d'esser abbandonato dalla tua grazia e con ciò condannato a non poterti più amare; ma intendo che tu continui a comandarmi, che io ti ami e sento in me un gran desiderio d'amarti. Questo mio desiderio ò dono della gra¬zia tua, tu me la dai; dammi dunque ancora la forza d'eseguirlo; e fa che davvero e con tutto il cuore da oggi avanti io ti dica e ti replichi sempre: Mio Dio, io ti amo, io ti amo, io ti amo, tu desideri il mio amore, io desidero il tuo. Scordati dunque, o Gesù mio, dei disgusti che per il passato ti ho dato; amiamoci sempre; io non ti lascerò, tu non mi lascerai. Tu sempre mi amerai, io sempre ti amerò. Caro mio Salvatore, i meriti tuoi sono la speranza mia. Deh!fatti amare sem¬pre e fatti amare assai da un peccatore che assai ti ha offeso.
Vergine immacolata Maria, aiutami tu, prega Gesù per me.

QUARTO GIORNO - MEDITAZIONE IV. Cuore addolorato di Gesù
Non è possibile considerare quanto fu in questa terra addolorato il Cuore di Gesù per nostro amore, e non compatirlo. Egli stesso ci fece in¬tendere che il suo Cuore giunse ad essere afflitto da tanta mestizia, che quella sola sarebbe bastata a farlo morire di puro dolore, se la virtù della sua divinità non avesse per miracolo impedito la morte: La mia anima è triste fino alla morte (Mc 14, 34). Il maggior dolore che tanto afflisse il Cuore di Gesù non fu già la vista dei tormenti e dei vituperi che gli uomini gli preparavano ma il vedere la loro ingratitudine all'immenso suo amore. Distintamente egli previde tutti i peccati che noi avevamo a commettere dopo tante sue pene e dopo una morte così amara ed ingnominiosa. Previde specialmente le ingiurie orrende che avevano a fare gli uomini al suo adorabile Cuore ch'egli ci lasciava per testimonio del suo affetto nel SS. Sacramento.
Oh Dio, e quali oltraggi non ha ricevuto Gesù Cristo in questo Sacramento d'amore dagli uomi¬ni! Chi l'ha calpestato, chi l'ha gettato nelle cloache, chi se n'è avvalso per fare ossequio al demonio! E pure la vista di tutti questi dispregi non gli impedì di lasciarci questo gran pegno del suo amore. Egli odia sommamente il peccato, ma l'amore verso di noi sembra che in esso avesse superato l'odio ch'egli porta al peccato; mentre si contentò più presto di permettere tanti sacrilegi, che di privare di questo cibo divino le anime che l'amano. Tutto ciò non ci basterà a renderci ad amare un Cuore che tanto ci ha amati? Forse Gesù Cristo non ha fatto quanto bastava per meritarsi il nostro amore? Ingrati lasceremo noi ancora abbandonato Gesù sull'altare, come f a la maggior parte degli uomini? E non ci uniremo più presto con quelle poche anime devote che lo san riconoscere, a struggerci d'amo¬re più che non si struggono le fiammelle che ardono d'intorno ai sacri cibori? Il Cuore di Gesù lì sta ardendo d'amore per noi; e noi alla sua presenza non arderemo d'amore per Gesù?
Affetti e preghiere
O adorato e caro mio Gesù, ecco ai piedi tuoi chi ha tanto addolorato il tuo amabilissimo Cuo¬re, che mi ha tanto amato e che non ha risparmiato niente per farsi amare da me! Ma consolati, dirò così, mio Salvatore, sappi che il mio cuore ferito per grazia tua, del tuo santo amore al presente prova tanto rincrescimento dei disgusti che ti ha dati, che vorrebbe morirne di dolore. Oh chi mi darà, Gesù mio, quel dolore de' miei peccati che tu ne avesti nella tua vita!
Eterno Padre, io ti offro la pena e 1'abborrimento ch'ebbe il tuo Figlio delle mie colpe e per questo ti prego a darmi un dolore così grande dell'offese che ti ho fatte, che mi faccia vivere sempre afflitto e addolorato, pensando d'aver disprezzato un tempo la tua amicizia.
E tu, Gesù mio, da ogg'innanzi donami un tale orrore al peccato, che mi faccia aborrire anche le colpe più leggere, pensando che dispiacciono a te che non meriti d'essere disgustato nè poco nè assai, ma meriti un infinito amore. Amato mio Signore, ora io detesto tutto ciò che a te dispiace, e per l'avvenire non voglio amare se non te e quello che ami tu. Aiutami, dammi forza; dammi la grazia d'invocarti sempre, o Gesù mio, e di sempre replicarti questa domanda: Gesù mio, dammi il tuo amore, dammi il tuo amore, dammi il tuo amore.
E tu Maria santissima, impetrami la grazia di pregarti sempre e dirti: Madre mia, fammi amare Gesù Cristo.

QUINTO GIORNO - MEDITAZIONE V. Cuore pietoso di Gesù
E dove mai possiamo trovare un cuore più pietoso e più tenero del Cuore di Gesù, che abbia avuta maggior compassione delle nostre miserie? Questa pietà lo fece scendere dal cielo in terra. Questa gli fece dire ch'egli era quel buon pastore venuto a dar la vita per salvare le sue pecorelle. Egli per ottenere il perdono a noi peccatori, non perdonò a se stesso, e volle sacrificarsi sulla croce, per soddisfare con la sua pena il castigo a noi dovuto. Questa pietà e questa compassione gli fa dire anche al presente: Io non godo della morte dell'empio, ma che l'empio desista dalla sua condotta e viva (Ez 33, 11).
Uomini, dice, poveri figli miei, perché vi vo¬lete dannare, fuggendo da me? non vedete che separandovi da me, voi correte alla morte eterna? lo non voglio vedervi perduti; abbiate fiducia; e quando volete tornare a me, ritornate e ricupererete la vita.
Questa pietà gli fa anche dire ch'egli è quel padre amoroso che benché si veda disprezzato dal figlio, se quello ritorna pentito egli non sa discacciarlo, ma teneramente l'abbraccia e si scorda di tutte le ingiurie ricevute: Nessuna delle colpe commesse sarà ricordata (Ez 18, 22).
Non fanno così gli uomini; questi, ancorchè perdonino, sempre ritengono la memoria dell'offesa ricevuta e si sentono mossi a vendicarsi; e se non si vendicano perché temono Dio, almeno provano sempre una gran ripugnanza a conversare e trattenersi con quelle persone che li hanno vilipesi.
Ah Gesù mio, tu perdoni ai peccatori pentiti e non ricusi in questa terra di darti loro nella santa comunione in questa vita, e tutto nell'altra in cielo per mezzo della gloria, senza ritenere alcuna minima ripugnanza e tenerti abbracciata quell'anima, che ti ha offeso, per tutta l'eternità. E dove può trovarsi un cuore più amabile e più pietoso del tuo, o mio caro Salvatore?
Affetti e preghiere
Cuore pietoso del mio Gesù, abbi pietà di me: Gesù dolcissimo, abbi pietà di me. Te lo dico ora, e tu dammi la grazia di dirtelo sempre: Gesù dolcissimo, abbi pietà di me. Prima che io ti offendessi, o mio Redentore, io certamente non meritavo nessuna delle tante grazie che mi hai fatto. Tu mi hai creato, tu mi hai donato tanti lumi: tutto senza merito mio. Ma dopo che ti ho offeso, non solo io non meritavo favori, ma ho meritato il tuo abbandono e l'inferno. La tua pietà ha fatto che tu mi aspettassi e mi conservassi in vita quando io già stavo in tua disgrazia. La tua pietà mi ha illuminato ed invitato al perdono: essa mi ha dato dolore dei miei peccati, essa il desiderio di amarti; ed ora spero già per la tua pietà di stare in grazia tua.
Deh! non lasciare, o Gesù mio, di continuare ad usarmi pietà. La misericordia che ti domando è che mi dia luce e forza di non esserti più ingrato. No, amor mio, non pretendo che mi abbia a perdonarmi se io ritorno a voltarti le spalle; questa sarebbe presunzione che t'impedirebbe d'usarmi più misericordia. E qual pietà io dovrei più aspettare da te, se ingrato di nuovo disprezzassi la tua amicizia e mi separassi da te? No, Gesù mio, io ti amo e ti voglio sempre amare. E questa è la misericordia che spero e cerco da te: Non permettere che io mi separi da te.
Ne prego anche te, o madre mia Maria, non permettere che io mi abbia a separare più dal mio Dio.

SESTO GIORNO - MEDITAZIONE VI. Cuore liberale di Gesù Cristo
E' proprio delle persone di buon cuore il desiderare di far contenti tutti, e specialmente i più bisognosi ed afflitti. Ma dove potrà mai trovarsi una persona di più buon cuore di Gesù Cristo? Egli, perché è bontà infinita, ha il sommo desiderio di comunicare a noi le sue ricchezze: Presso di me c'è ricchezza e onore, sicura benessere ed equità per dotare di beni quanti mi amano (Prv 8, 18. 21). Egli a questo fine si è fatto povero, dice l'Apostolo, per fare noi ricchi: Da ricco che era, si è fatto povero, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà (2 Cor 8, 3). A questo fine ancora ha voluto restarsene con noi nel SS. Sacramento, dove in ogni tempo sta con le mani piene di grazie, come fu veduto dal padre Baldassare Alvarez, per dispensarle a chi viene a visitarlo. A questo fine inoltre egli si dona tutto a noi nella santa comunione, facendo con ciò intendere che non saprà negarci i suoi beni, mentre giunge a darci tutto se stesso: Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui? (Rm 8, 32). Sicché nel Cuore di Gesù noi troviamo ogni bene, ogni grazia che desideriamo (cfr 1 Cor 1, 5). Ed intendiamo che al Cuore di Gesù noi siam debitori di tutte le grazie ricevute: della Redenzione, della vocazione, dei lumi, del perdono, dell'aiuto a resistere nelle tentazioni, della sofferenza nelle cose contrarie; sì, perché senza il suo soccorso non potevamo far niente di bene: Senza di me non potete far nulla (Gv 15, 5).
E se per il passato dice il Signore, voi non avete ricevuto più grazie, non vi lagnate di me, lagnatevi di voi che avete trascurato di cercarmele. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete (Gv 16, 24). Oh com'è ricco e liberale il Cuore di Gesù per ognuno che a lui ricorre: Ricco verso tutti quelli che l'invocano (Rm 10, 12). Oh! le grandi misericordie che ricevono le anime che sono attente a chiedere aiuto a Gesù Cristo! Dice Davide: Tu sei buono, Signore, e perdoni, sei pieno di misericordia con chi ti invoca (Sal 85, 5). Andiamo dunque sem¬pre a questo Cuore, domandiamo con confidenza, ed otterremo tutto.
Affetti e preghiere
Ah Gesù mio, non ti è ripugnato di dare per me il sangue e la vita, ed io ripugnerò di darti il misero mio cuore? No, mio caro Redentore, io te l'offro tutto, tutta ti dono la mia volontà; accettala tu e disponila al tuo piacere. Io non ho nè posso niente, ma ho questo cuore donatomi da te, del quale nessuno può privarmi: posso esser privato delle robe, del sangue, della vita, ma non già del cuore.. Con questo cuore io posso amarti, con questo io voglio amarti.
Deh! insegnami tu, o mio Dio, la perfetta dimenticanza di me stesso; insegnami ciò che debbo fare per giungere al tuo puro amore, del quale tu per tua bontà me ne hai ispirato il desiderio. Io sento in me una volontà risoluta di piacerti; ma per eseguirla, da te aspetto e domando l'aiuto. A te tocca, o amante Cuore di Gesù, di render tutto tuo il mio povero cuore, che per il passato è stato a te così ingrato, e per sua colpa privo del tuo amore. Deh! questo mio cuore sia tutto acceso per te, come il tuo è acceso per me. Fa' che la mia volontà sia tutta unita alla tua, sicché io non voglia senon quello che vuoi tu e da ogg'innanzi la tua santa volontà sia la regola di tutte le mie azioni, di tutti i pensieri, e di tutti i desideri miei. Io spero, Signore, che non mi negherai la grazia per eseguire questa mia risoluzione che io faccio oggi ai tuoi piedi, di abbracciare con pace quanto di me e delle mie cose tu disporrai, così nella mia vita, come nella mia morte.
Beata te, o Maria immacolata, che avesti il cuo¬re sempre e tutto uniforme al Cuore di Gesù! Deh impetrami tu, madre mia, che per l'avvenire altro io non voglia nè desideri se non quel che vuole Gesù e vuoi tu.

SETTIMO GIORNO - MEDITAZIONE VII. Cuore grato di Gesù
E' così grato il Cuore di Gesù, ch'egli non sa vedere alcuna minima nostra opera fatta per suo amore, alcuna minima parola detta per sua gloria, alcun buon pensiero deliberato di suo compiacimento, senza darne a ciascuno la sua mercede. Egli inoltre è così grato, che rende sempre il centuplo per uno. Gli uomini che son grati, se ricompensano alcun beneficio loro fatto lo ricom¬pensano una volta; si tolgon, come suol dirsi, l'obbligazione e poi non ci pensano più. Gesù Cristo non fa così con noi: ogni nostro buon atto, compiuto per dargli gusto, non solo centuplicatamente lo ricompensa in questa vita, ma nell'altra lo ricompensa infinite volte, in ogni momento, per tutta l'eternità.
E chi sarà così trascurato che non faccia quanto può per contentare questo Cuore così grato? Ma, oh Dio, come attendono gli uomini a compiacere Gesù Cristo? Dirò meglio, come possiamo noi essere così ingrati con questo nostro Salvatore? Se egli non avesse sparsa che una sola goccia di sangue, una lacrima sola per la nostra salute, pure noi gli saremmo infinitamente obbli¬gati; poiché questa goccia e questa lacrima sarebbe stata d'infinito valore appresso Dio per ottenerci ogni grazia. Ma Gesù ha voluto impiegare per noi tutti i momenti della sua vita, ha donato a noi tutti i suoi meriti, tutte le sue pene, le ignominie, tutto il sangue e la vita; sicché non una, ma infinite obbligazioni abbiamo noi d'amarlo. Ma, ohimè, noi siamo grati anche colle bestie: se un cagnolino ci dimostra qualche segno d'affetto, par che ci costringa ad amarlo; e poi come possiamo esser così ingrati con Dio? 1 benefici di questo Dio sembra che con gli uomini mutino natura e diventino maltrattamenti, mentre invece di gratitudine e d'amore non ri¬portano che offese ed ingiurie.
Illumina, o Signore, questi ingrati a conoscere l'amore che tu loro porti
Affetti e preghiere
O amato mio Gesù, ecco ai tuoi piedi l'ingrato. Io sono stato ben grato colle creature, solamente con te sono stato un ingrato. Con te dico, che sei morto per me e non hai avuto più che fare per mettermi in obbligo d'amarti. Mi consola e mi dà animo l'avere che fare con un Cuore di bontà e di misericordia infinita, che si protesta di scordarsi di tutte le offese di quel peccatore che si pente e lo ama.
Caro mio Gesù, per il passato io ti ho offeso, ti ho disprezzato: ma ora ti amo più d'ogni cosa, più di me stesso. Dimmi quel che vuoi da me, che tutto son pronto a farlo con la tua grazia. lo credo che tu mi hai creato, tu hai dato il sangue e la vita per amor mio: credo ancora che per me sei restato nel SS. Sacramento; te ne ringrazio, amor mio; deh non permettere che io di tanti benefici e testimoni del tuo amore, te ne sia più ingrato per l'avvenire. Legami, stringimi al tuo Cuore, e non permettere che io nella vita che mi resta abbia da darti più disgusto ed ama¬rezze. Basta, Gesù mio, quanto ti ho offeso, ora ti voglio amare.
Oh ritornassero gli anni miei perduti! Ma no, che quelli non tornano più e poca sarà la vita che mi resta; ma, o sia poca o sia molta, mio Dio, il tempo che mi rimane a vivere tutto lo voglio spendere in amar te, sommo bene, che meriti un amore eterno ed infinito.
Maria madre mia, non permettere che io abbia da essere più ingrato al tuo Figlio; prega Gesù per me.

OTTAVO GIORNO - MEDITAZIONE VIII. Cuore di Gesù disprezzato
Non v'è pena maggiore, ad un cuore che ama, di vedere disprezzato il suo amore; e tanto più quando i contrassegni dimostrati di questo amore sono stati grandi, ed all'incontro è grande l'in¬gratitudine. Se ogni uomo rinunziasse a tutti i suoi beni e se ne andasse a vivere in un deserto, a cibarsi d'erbe, a dormir sulla terra, a macerarsi con le penitenze, ed in fine si facesse trucidare per Gesù Cristo; qual compenso renderebbe alle pene, al sangue, alla vita che il Figlio di Dio ha dato per suo amore? Se noi ci sacrificassimo ogni momento alla morte, certamente neppure ricom¬penseremmo in minima parte l'amore che Gesù Cristo ci ha dimostrato nel darsi a noi nel SS. Sacramento.
Un Dio, mettersi sotto le specie di poco pane e farsi cibo d'una sua creatura! Ma, oh Dio, qual è la ricompensa e gratitudine che rendono gli uo¬mini a Gesù Cristo? Qual'è? Maltrattamenti, disprezzo delle sue leggi e delle sue massime, ingiurie tali che non le farebbero a un loro nemi¬co o loro schiavo o peggior villano della terra. E possiamo noi pensare a tutti questi maltrattamenti che ha ricevuto e riceve tuttora Gesù Cri¬sto e non sentirne pena? E non cercare col no¬stro amore di compensare l'amore immenso del suo Cuore divino che sta nel SS. Sacramento, acceso del medesimo amore verso di noi, e desi¬deroso di comunicarci i suoi beni e di donarci tutto se stesso, pronto a riceverci nel suo Cuore sempre che andiamo a lui? Colui che viene a me non lo respingerò (Gv 6, 37).
Abbiam fatto l'abitudine a sentir nominare Creazione, Incarnazione, Redenzione: Gesù nato in una stalla, Gesù morto in croce. Oh Dio, se sapessimo che un altro uomo ci avesse fatto alcuno di questi benefici, non potremmo far di meno di amarlo! Solo Iddio par che abbia, diciam così, questa mala sorte cogli uomini, che non avendo più che fare per farsi da loro amare, non può giungere a questo intento; e invece d'essere ama¬to si vede vilipeso e posposto. Tutto nasce dalla dimenticanza che hanno gli uomini dell'amor di questo Dio.
Affetti e preghiere
O Cuore del mio Gesù, abisso di misericordia e d'amore, come a vista della bontà che mi hai usata e della mia ingratitudine, io non muoio e non mi struggo di dolore? Tu, Salvator mio, dopo avermi dato l'essere, mi hai dato tutto il tuo sangue e la vita, abbandonandoti alle ignominie ed alla morte per amor mio; e di ciò non contento, hai inventato il modo di sacrificarti ogni giorno per me nella santa Eucaristia, non ricusando
di esporti alle ingiurie che dovevi ricevere - e che già tu prevedevi - in questo Sacramento d'amore.
O Dio, come posso vedermi poi così ingrato a te senza morir di confusione? Ah Signore, metti fine alle mie ingratitudini con ferirmi il cuore del tuo amore e farmi tutto tuo. Ricordati del sangue e delle lacrime che hai sparse per me e perdonami. Deh! non siano perdute per me tante tue pene.
Ma tu, benché m'abbia veduto così ingrato ed indegno del tuo amore, non hai lasciato d'amarmi ancor quando io non ti amavo e neppure desideravo che tu mi amassi; quanto più, dunque, io debbo sperare il tuo amore ora che non voglio nè sospiro altro che amarti ed esser amato da te? Deh! contenta appieno questo mio desiderio; dirò meglio: questo desiderio tuo, perché sei tu che me lo dai.
Fà che questo giorno sia il giorno della mia totale conversione, sicché io cominci ad amarti per non cessare mai più d'amare te, sommo bene. Fà che io muoia, in tutto, a me stesso, per non vivere che per te e per ardere sempre del tuo amore.
O Maria, il tuo cuore fu quell'altare beato, sempre acceso dal divino amore; madre mia cara, rendimi simile a te, prega il tuo Figlio, che gode di onorarti col non negarti niente di quanto gli domandi.

NONO GIORNO - MEDITAZIONE IX. Cuore fedele di Gesù
Oh quanto è fedele il bel Cuore di Gesù Cristo con coloro che chiama al suo santo amore! Colui che vi chiama è fedele (1 Ts 5, 24).
La fedeltà di Dio porge a noi la confidenza di sperar tutto, ancorché non meritiamo niente. Se abbiam scacciato Dio dal nostro cuore, apriamogli la porta ed egli subito entrerà secondo la promessa fatta: Se qualcuno mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me (Ap 3,20).
Se vogliamo grazie, domandiamole a Dio in nome di Gesù Cristo, ed egli ci ha promesso che le otterremo: Se chiedete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà (Gv 16, 23). Se siamo tentati confidiamo nei suoi meriti, ed egli non permetterà che i nemici ci combattano oltre le nostre forze (Cfr 1 Cor 10, 13). Oh quanto è meglio trattar con Dio, che cogli uomini! Quante volte gli uomini promettono e poi mancano, o perché mentiscono nel promettere, o dopo la promessa mutano volontà? Dio non è un uomo da potersi smentire, dice lo Spirito Santo; non è un figlio d'uomo da potersi pentire (Num 23, 19). Iddio non può essere infedele nelle sue promesse, perché egli non può mentire essendo la stessa verità; nè può mutar volontà, perché tutto ciò che vuole è giusto e retto. Ha promesso dunque di ricevere ognuno che a lui viene, di dare aiuto a chi glielo domanda, di amare chi l'ama, e poi non lo farà? Forse egli dice e poi non fa? (Num 23, 19).
Oh fossimo fedeli con Dio com'egli è fedele con noi! Noi per il passato quante volte gli abbiam promesso d'esser suoi, di servirlo e d'amarlo; e poi l'abbiamo tradito, e licenziandoci dalla sua servitù ci siamo venduti per ischiavi al demonio! Deh preghiamolo che ci dia fortezza per essergli fedeli in avvenire. Oh beati noi se sa¬remo fedeli con Gesù Cristo in quelle poche cose che ci comanda! Egli sarà ben fedele nel rimunerarci con premi troppo grandi; e ci farà sen¬tire ciò che ha promesso ai suoi servi fedeli: Bene, servo buono e fedele, sei stato fedele nel poco ti darò autorità su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone (Mt 25, 21).
Affetti e preghiere
Caro mio Redentore, oh foss'io stato fedele can te come tu sei stato fedele con me! Ogni vol¬ta che io ho aperto il mio cuore, tu sei entrato a perdornarmi ed a ricevermi nella tua grazia: sempre che ti ho chiamato tu sei accorso ad aiutarmi. Tu sei stato fedele con me, ma io sono stato troppo infedele con te, ti ho promesso di servirti, e poi tante volte ti ho voltato le spalle; ti ho promesso il mio amore, e poi tante volte te l'ho negato: come se tu, mio Dio che mi hai creato e redento, fossi men degno di esser amato, che le creature e quei miseri miei gusti per cui ti ho lasciato.
Perdonami, Gesù mio. Conosco la mia ingratitudine e l'abborrisco. Conosco che tu sei bontà infinita, che meriti un infinito amore specialmente da me che dopo tante offese da me ricevute tu hai tanto amato.
Povero me se mi dannassi! Le grazie che mi hai fatto e i contrassegni dell'affetto speciale che mi hai dimostrato sarebbero, oh Dio, l'inferno del mio inferno. Ah! no, amor mio, abbi pietà di me; non permettere che io torni a lasciarti e che poi, dannandomi come meriterei, io avessi a continuar nell'inferno a pagare con ingiurie e odio l'amor che tu mi hai portato.
Dehl Cuore innamorato e fedele di Gesù, infiamma il misero mio cuore affinché arda per te come tu ardi per me. Gesù mio, al presente mi pare che ti amo, ma ti amo poco; fà che ti ami assai e che ti sia fedele fino alla morte. Questa grazia ti cerco insieme alla grazia di continuare sempre a cercartela. Fammi morire prima ch'io ti abbia di nuovo a tradire.
O Maria, madre mia, aiutami ad esser fedele al tuo Figlio

Sant Alfonso Maria de Liguori


































































  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...