Martiri Cristiani: Don Giuseppe Jemmi
 

Don Giuseppe Jemmi

Don Giuseppe Jemmi Il giorno di Natale 1919, a Montecchio (Reggio Emi­lia), nell'umile casa di Fran­cesco Jemmi, tornato dal servi­zio militare nella guerra appena finita, ormai fragile di salute, e di Angiolina Bertani, c'è clima di attesa. L'indomani, 26 dicembre 1919, festa del primo martire S. Stefano, nasce un bimbo picco­lo piccolo, che la sorella mag­giore Elide guarda stupita e con­tenta. Al Battesimo, viene chia­mato Giuseppe: in casa sarà "Fe­po" e, qualche volta per ridere, "Feppone". Mamma Angiolina fa la po­stina e quasi tutto su di lei gra­va il peso di condurre avanti la famiglia, perché, papà France­sco sarà sempre più malato, co­me invalido della "grande guer­ra". E’ energica, piena di fede e di amor di Dio, affettuosissima con i figli, generosissima con tutti. Dimorano alla borgata Enza, in un gruppo di case, detto "la Cina", per il colore politico "ros­so" di molti suoi abitanti. La fa­miglia Jemmi è una delle poche a frequentare la parrocchia. "Pepo" cresce appassionato di Gesù, impara prestissimo a servire la Santa Messa, senza arrendersi mai di fronte a quelli che lo canzonano per la sua fede. Un giorno, domanda alla sua mamma perché quel posto si chiami "Cina". Ricevuta la spie­gazione, risponde: "Io quando sarò grande, andrò missionario nella «vera» Cina a portare Ge­sù a quelli che non lo conosco­no o lo odiano".
Il 13 giugno 1927, riceve la Cresima. L'anno dopo, nel 1928, muore papà Francesco. Il 13 giu­gno 1929, Giuseppe riceve la pri­ma Comunione: è molto conten­to di avere con sé Gesù vivo... Confida alla mamma, ripetendo­lo sovente: "Voglio farmi prete". Davanti alle sue insistenze, la mamma si rivolge al Parroco, il quale rimane molto perplesso, non credendo che possa uscire qualcosa di buono da quel grup­po di case. La donna ribatte: "Mio figlio non potrà diventare prete, solo perché noi siamo del­la «Cina»?". All'inizio di ottobre del 1930, Giuseppe entra in Seminario, a Marola, mentre la mamma si sobbarca da sola i sacrifici per farlo studiare. Con molto impe­gno, il ragazzo riesce sempre o­norevolmente nello studio. Spes­so dalle finestre e dal cortile del Seminario, indugia a guardare il monte Fosola, che si erge a mez­zogiorno con i suoi circa mille metri di altezza. Intende la vita - e il sacerdozio - come una con­tinua ascesa, un offerta. Al termine del ginnasio, nel 1935, Giuseppe passa al Semi­nario Maggiore ad Albinea. La mamma gli dice: "Pepo, se non vuoi fare il prete, vieni pure a casa tranquillamente. Se vuoi fare altri studi, io ci penserò. Ma bada bene: se vuoi fare il prete, devi diventare un prete bravo!". Lui lo sa bene: non si fa prete "per sistemarsi", per essere un don Abbondio qua­lunque, ma per offrirsi, per quel Gesù, che contemplato sulla croce, gli riscalda ogni giorno di più il cuore. Il 21 settembre 1939, riceve la sacra tonsura e sta per comin­ciare gli studi teologici. E’ sem­pre più assillato dal desiderio di farsi missionario, anche se è ma­laticcio, per andare in Cina a con­vertire tutti a Gesù Cristo. Si pre­senta al Generale dei Saveriani di Parma (affascinato dalla figura eroica del loro santo Fondatore, Mons. Guido Conforti) e gli apre il cuore. Quello gli risponde: "Entra in noviziato". Giuseppe obbedisce subito. Negli esercizi spirituali d'ini­zio d'anno, scrive: "Il mio cuo­re prova un grande dolore per il distacco dalla mamma, dagli a­mici... Ma corro dietro la Croce". Però un mese dopo, è così ma­landato di salute che rischia la vita. Ricoverato all'ospedale di Montecchio, è salvato dalle cu­re premurose e sapienti del prof. Pampari, al quale, quando è di­messo per la convalescenza, di­ce: “E’ difficile guarire i corpi, ma, creda, è più difficile guarire le anime”. Il 2 dicembre 1939, è di nuo­vo in Seminario diocesano, ma non rinuncia all'ideale missio­nario. Il suo sguardo, la sua vi­ta, il suo amore s 'incentrano sempre di più su Gesù, su Gesù Crocifisso: non vede che Lui so­lo, Lui sempre, Lui ogni giorno di più. Studia teologia con pas­sione, per conoscerlo e amarlo, per farlo conoscere e amare, per condurgli le anime e farle sue. Prega molto, anche nei ritagli di tempo, anche passando, in si­lenzio, da un locale all'altro del Seminario. Gli piace la musica e il canto: senza che se ne accor­ga, la sua preghiera spesso di­venta canto, dolce e appassiona­to. Gli piace suonare l'harmo­nium e il violino e vorrebbe com­prarseli solo per sé. Annota sul diario: "Siate virtuosi e sarete allegri. Siate allegri e sarete vir­tuosi". A volte è un po' sconsolato perché da qualcuno che lo vor­rebbe compassato e diplomati­co, gli sembra che gli sia proi­bito entusiasmarsi. A volte giu­dicato come "un allievo con in­crinature di superbia". Accetta i richiami con umiltà dicendo a se stesso: "Jemmi, Jemmi, fu­turo pedagogo, impara!", ma al­za lo sguardo al Crocifisso, pen­sa alle Missioni e ritrova ener­gie e coraggio. Forse reagisce così per superare la sua natura­le timidezza, ma è certo che Ge­sù Cristo per lui non è un son­nifero, ma la passione che lo mobilita.
All'avvicinarsi dell'ordina­zione sacerdotale, nel 1942, fis­sa nel suo quaderno personale 15 punti per essere un vero prete. Al primo posto, il Santo Sacrificio della Messa e la preghiera, poi l'obbedienza al Papa e al Vesco­vo, le Missioni, i poveri, suoi pre­diletti, nei quali serve Gesù, ai quali porterà Lui come unico Sal­vatore. "Quando sarò prete - scri­ve - non comprerò la legna per riscaldarmi; i soldi per questo scopo, li destinerò alle Missioni. La salvezza delle anime - cui so­no mandato - deve essere pre­gna di lacrime acri e di viscido sangue. Signore, benedici e conforta questo proposito, Tu che conosci la mia debolezza". Infi­ne: "Gesù, dammi di essere pre­te, focosamente prete. Lo so, non vi è conquista senza sofferenza". Nel 1943, è ordinato sacerdo­te dal Vescovo Mons. Eduardo Brettoni, e mandato vice-parro­co a Felina, dove, come altrove, la guerra in corso, ha provocato rovine, rancori e lutti. Vi trova il Parroco don Corsi, anziano e in­fermo. Il lavoro da compiere è grande. Don Giuseppe, ogni gior­no in preghiera davanti al Ta­bernacolo, poi sulla bici o a pie­di a visitare i parrocchiani, in pri­mo luogo i bambini, i vecchi, i malati, rivela subito il suo animo buono, sempre sorridente, pieno di carità verso tutti. Non attende mai in canonica, che vengano a lui, è lui che va dagli altri, a por­tare Gesù, parlando con tutti, "semplice come un bambino". E’ molto amato, ma già guar­dato "a vista" da qualcuno. Nel settembre 1943, si avvia la lotta per la resistenza ai nazifascisti: lui dà una mano affinché l'Italia ritrovi la libertà perduta. Aiuta i braccati dai violenti di ogni co­lore. Dà sepoltura agli uccisi in­sepolti, si reca a trattare perché nessuno finisca in Germania o in carcere, spesso preludio della morte. Non si arrende neppure quando rischia la pelle. Preten­de, lui così timido apparente­mente, che si evitino violenze, il più possibile, forte del coman­damento di Dio, scritto nel cuo­re di ogni uomo: "Non uccidere", e del precetto nuovo della carità: "Amate i vostri nemici". Dilaga un clima di odio, in primo luo­go contro i preti, da parte di mol­ti faziosi. Nella notte tra il 23 e il 24 marzo 1945, vengono uccisi due padri di famiglia, persone oneste e buone. Al funerale, don Giu­seppe piange come un bambino. Il 10 aprile 1945, è Pasqua. Nel­la zona si affermano i partigiani comunisti. Don Giuseppe si re­ca nelle case in cotta e stola, per le benedizioni pasquali, accom­pagnato da due ragazzi, Rai­mondo e Meo, che spesso lo sen­tono ripetere: "Devo avvisare il tale che si metta in salvo perché lo vogliono uccidere". La domenica in Albis, 8 aprile 1945, alla Messa delle undici, la più frequentata, don Giuseppe sente che deve proclamare "fo­cosamente" la legge di Dio: "Fra­telli, sta scritto: non ammazzare' Non macchiatevi le mani di san­gue. La giustizia non è nelle no­stre mani, ma in quelle di Dio. Non ascoltate la tentazione del­la vendetta. Non siate i figli di Caino". Un brivido di commo­zione percorre la chiesa. Piange. Piangono tutti. Lui continua, im­placabile: "Spose, che l'odio ha gettato nel lutto; non temete: il Si­gnore infonderà nel vostro animo quella pace che gli empi non a­vranno mai. Non ci sarà pace per gli uccisori perché il rimorso del delitto li inseguirà a ogni ora... Questo delitto chiede giustizia a Dio e agli uomini!".
Subito dopo la Messa, qual­cuno lo ferma sul sagrato e gli di­ce: "Per carità, che cosa le fa­ranno adesso?". Risponde: "Uc­cideranno anche me? Ebbene, sconterò il mio purgatorio e an­drò diritto in Paradiso, suonan­do il violino!". Il 19 aprile 1945, don Giu­seppe va a celebrare la Messa a Poiago per un funerale. Quando rientra a Felina, verso le 13, gli viene detto che sono venuti in due a cercarlo perché c'è bisogno di lui. Don Giuseppe non indu­gia neppure a pranzare e, in bi­ci, va al luogo dell'appuntamen­to: è prete e come può astenersi dal servire i fratelli? Ma quando li vede, comprende bene che co­sa vogliono. Per tutto il pome­riggio, tra Monchio e il monte Fosola, dove viene trascinato, nelle mani dei comunisti, è trat­tato come Gesù tra il pretorio di Pilato e il Calvario, soprattutto dopo che, riuscito a scappare per qualche momento, è di nuovo catturato e condotto a morte. All'imbrunire, sul monte Fosola, una raffica lo abbatte sul ciocco di un albero tagliato: ca­de con il cranio trapassato e la mascella spezzata, nel suo san­gue. Ha 25 anni appena ed è "colpevole" di essere sacerdote di Cristo e di aver proclamato, con chiarezza il comandamento della Verità e dell'amore! A Felina, il vecchio Parroco e mamma Angiolina, quasi presa­ga della tragedia, sopraggiunta per vederlo, lo attendono inva­no. All'indomani, 20 aprile 1945, i due fedeli chierichetti, Rai­mondo e Meo, mandati dal par­roco, scoprono sul Fosola il lo­ro amatissimo "don Pepo", im­molato come il Cristo Crocifis­so. Si inginocchiano a baciargli le mani e giurano: "Noi ora pren­deremo il tuo posto... Noi sare­mo sacerdoti di Gesù, come te!". Lo diventeranno entrambi, nel 1954 e nel 1956. Sul diario di don Giuseppe, in quei giorni, si trova scritto: "Tratterà i nemici come fossero uomini afflitti". "Il sorriso de­v 'essere la candida veste che na­sconde la penitenza e vela all’occhio profano gli eroismi del­l'immolazione a Dio". Sull'ulti­ma pagina: "Amo i giovani, li de­sidero puri, entusiasti per Gesù Cristo, sognatori senza calcolo, pieni di dedizione". Al processo contro i suoi uc­cisori, venne anche mamma An­giolina... e andò a inginocchiar­si davanti a quegli uomini e dis­se loro: "Solo quando sarete pa­dri di famiglia, saprete quanto dolore mi avete dato". Tratta dal petto la corona del Rosario, con­tinuò: "Questa non uccide, ma perdona". Dicono che quando quelli uscirono dal carcere ed e­migrarono lontano, ella si preoc­cupò segretamente di tenere i con­tatti con loro, forse per aiutarli... Solo Gesù rende capaci di "storie" così, perché soltanto Lui è più ardente del fuoco, è fuoco divorante; l'impeto della vita divina che santifica, e della gioia.







vai alla scheda precedente Torna all'elenco vai alla scheda seguente












  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...