Maria e il Vangelo: Fede e Misericordia


Con le meditazioni di P. Raffaele Amendolagine vi proponiamo di leggere e meditare il Vangelo con lo sguardo di Maria, ascoltando i suoi racconti e dialogando con Lei. Maria, la mamma di Gesù, è il modello di contemplazione. I suoi occhi sono sempre fissi nel Figlio.
Pur vivendo tutti gli avvenimenti della vita di Gesù, nella concretezza della vita quotidiana, nella spontaneità del rapporto tra madre e figlio, non poteva ignorare il senso più profondo, il mistero divino che avvolgeva il Figlio, e di ogni avvenimento, di ogni sua parola, di ogni suo gesto, ne faceva tesoro per custodirli e meditarli nel suo cuore.
Anche Maria ha vissuto il grande scontro tra il bene e il male, mentre il suo calcagno schiacciava la testa al serpente.
E infine, stando con fede sotto la Croce, accoglieva dal Figlio tutta l’umanità nel suo grembo, con materno amore, fino a riconsegnargliela nuovamente nella gloria del Paradiso.

Fede e Misericordia

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,19-31 

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco.
… Tommaso, uno dei Dodici, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano, e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».


Scarica questo file mp3
Scarica come mp3

O Maria, ti vediamo nella casa di Giovanni, attenta a lui, che aveva preso il posto di tuo Figlio. Attenta a tutti gli altri discepoli che certamente si saranno stretti intorno a te per sentire, vivere, la presenza di Gesù attraverso di te, sua mamma, diventata mamma di tutti.
Erano paurosi, alcuni ancora dubbiosi. Non avevano ancora ricevuto lo Spirito Santo e la loro fede era debole, molto debole, nonostante avessero visto il Signore risorto e vivo.
Erano umiliati e confusi e solo la tua presenza poteva confortarli. Non avrai detto certamente tante parole. Il tuo silenzio e il tuo sguardo saranno stati sufficienti per infondere loro coraggio.
Ci troviamo nelle loro condizioni: Gesù è risorto e vivo, eppure anche noi siamo tanto titubanti, paurosi…. Abbiamo bisogno di un sostegno, di un aiuto, forte ed efficace. Fatti sentire in questo mondo che sta brancolando nelle tenebre di tanti errori ed orrori….
In noi c’è ancora quella grossa pietra che impedisce di scoprire la vita che risorge e vuole coinvolgerci nella sua risurrezione, che continuiamo a mettere sigilli intorno a quel masso con la nostra cattiveria, l’egoismo, l’orgoglio e i rancori che ci dilaniano e impediscono il trionfo dell’Amore.
Chiedi a Gesù misericordioso, risorto e vivo, di continuare ad apparire, a manifestarsi, ai “Tommaso” dei nostri giorni. A coloro che non si sa cosa vorrebbero per credere. A coloro che esigono di toccare con mano e non si accorgono che Gesù è nella loro vita. Trasmetti a tutti un po’ della tua umiltà che ti portò a credere senza toccare, vedere o capire.
Dona soprattutto ai genitori il coraggio di testimoniare la resurrezione del Signore ai propri figli. Che se ne parli in famiglia! Che si faccia sentire tra le mura domestiche la gioia della risurrezione. Che Gesù risorto attenui le tensioni e avvolga con la sua pace piccoli e grandi! Che tutti pensino di più alle “cose di lassù” e meno a quelle materiali!

Padre Raffaele Amendolagine di Padre Raffaele Amendolagine
OCD



  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...