Home page
Home page
    
    La Tv via web di Regina Mundi



Terzo Pannello

Terzo pannello 


Un certo Anania venne e mi disse:
Saulo, fratello, torna a vedere!
E in quell'istante io guardai verso di lui
e riebbi la vista.
Egli soggiunse: Il Dio dei nostri padri
ti ha predestinato a conoscere la sua volontà,
e vedere il Giusto
e ascoltare una parola della sua stessa bocca.
Tu renderai testimonianza
di quanto hai visto e udito
davanti a tutti gli uomini.

Atti 22, 12-15



opo questo incontro con il Cristo risorto sulla via di Damasco Paolo è cieco, questo fatto è sottolineato con una certa enfasi dal racconti degli atti:

Saulo si alzò da terra ma, aperto gli occhi, non vedeva più nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere nè cibo, nè bevanda

Tutto attorno a lui è buio! La cecità fisica di Paolo è però simbolo di un'altra cecità, quella interiore, quella spirituale. Egli conosceva il Dio della legge di Mosè, ma l'incontro con Gesù risorto sulla via di Damasco gli fa scoprire che egli era cieco circa la conoscenza del vero Dio, quello di Gesù Cristo.

Per riacquistare la vista ha bisogno di morire al suo modo di pensare Dio, al suo modo di essere illuminato dal dono del battesimo per conoscere il vero Dio di Gesù Cristo.

In questo cammino è aiutato da Anania, un discepolo del Signore, che abitava a Damasco nel quartiere ebraico.

Paolo capisce che la sua vita ora è cambiata: il Gesù che lui perseguitava nei suoi seguaci, lo ha chiamato a "rendere testimonianza di quanto ha visto ed udito davanti a tutti gli uomini".


Indice icone
I-San Paolo
II-Paolo incontra Cristo verso Damasco

Il materiale presente in questo sito ci è stato fornito dai membri della comunità o è stato preso da internet; se inavvertitamente si fosse violato qualche copyright, il proprietario del diritto è pregato sentitamente di notificarlo all'email webmaster@reginamundi.info provvederemo immediatamente alla rimozione dei documenti protetti da copyright.