Home page
Chi Siamo, la Comunit di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualit e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Il Dialogo Ecumenico

Dialogo Ecumenico - Ortodossi

ALESSIO II - Partecipazione e dolore


Il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie si è spento il 5 dicembre, all'età di 79 anni Il Patriarca di
Mosca e di tutte le Russie Alessio II è morto oggi nella sua residenza fuori Mosca, a seguito di una
lunga malattia.
È stato il segretario per la stampa del Patriarcato di Mosca, padre Vladimir Vigilyansky ad
annunciarlo all’agenzia Interfax, specificando che il Patriarca si è spento verso le ore 11, ora di
Mosca. Il giorno dei funerali verrà deciso domani, in una riunione del Santo Sinodo della Chiesa
ortodossa russa. Durante la riunione, si legge in una nota del Patriarcato di Mosca, verrà designata
anche la persona che assumerà il governo della Chiesa ortodossa russa durante il periodo di vacanza
della sede patriarcale, fino all’elezione del nuovo Patriarca. La stessa persona guiderà anche la
Commissione che organizzerà i funerali.

La biografia. Figlio di un sacerdote ortodosso, Alessio II nacque a Tallinn il 23 febbraio 1929. Si
diplomò al seminario di Leningrado nel 1949, venne ordinato diacono nel 1950 (e in seguito, prete e
monaco) e si laureò all’Accademia Clericale di Leningrado nel 1953. Il 14 agosto 1961 venne scelto
come vescovo di Tallinn ed Estonia; il 23 giugno 1964 divenne arcivescovo e il 25 febbraio 1968, a
soli 39 anni, metropolita. Dopo la morte del patriarca Pimen I nel 1990, Alessio fu chiamato a
succedergli come Patriarca della Chiesa ortodossa di Russia. Forti i legami che lo univano a papa
Benedetto XVI, frutto di una lunga storia di dialogo tra le due Chiese. Più volte auspicato e
fortemente atteso, l’incontro tra il Papa e il Patriarca Alessio II non c’è mai stato. L’ultimo scambio
di missive è stato in ottobre, in occasione della visita a Mosca del card. Crescenzio Sepe,
arcivescovo di Napoli. Nella lettera al Papa, il Patriarca così scriveva: “Sono lieto per le crescenti
prospettive di sviluppare buone relazioni e una positiva cooperazione fra le nostre due Chiese. La
solida base di ciò sta nelle nostre radici comuni e nelle nostre posizioni convergenti su molte
questioni che oggi affliggono il mondo”.

Il cordoglio di Benedetto XVI. Un “instancabile ministro” del Signore, compagno nel “comune
impegno sul cammino della reciproca comprensione e collaborazione tra cattolici e ortodossi”. Così
Benedetto XVI definisce Alessio II, nel telegramma di cordoglio inviato al Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa, al quale esprime “fraterno affetto” e assicura “spirituale vicinanza in questo momento di grande tristezza”. “Memore del comune impegno sul cammino della reciproca comprensione e collaborazione fra ortodossi e cattolici – scrive il Santo Padre - mi è gradito ricordare gli sforzi che il defunto Patriarca ha profuso per la rinascita della Chiesa, dopo la dura oppressione ideologica, che ha causato il martirio di tanti testimoni della fede cristiana”. Di Alessio II il Papa ricorda anche “la buona battaglia per la difesa dei valori umani ed evangelici che egli ha condotto in particolare nel continente europeo, auspicando che il suo impegno produca frutti di pace e di autentico progresso umano, sociale e spirituale”. “Nell’ora sofferta del commiato, mentre il suo corpo mortale viene affidato alla terra in attesa della risurrezione – la preghiera finale del Pontefice
– possa la memoria di questo servitore del Vangelo di Cristo essere sostegno per quanti ora sono nel
dolore e di incoraggiamento a quanti ne raccoglieranno l'eredità nel guidare codesta veneranda
Chiesa ortodossa russa”. Cordoglio è stato espresso con un telegramma anche dal segretario di Stato
vaticano, card. Tarcisio Bertone.

Promotore del dialogo. “Una grande personalità del mondo cristiano contemporaneo”. Così il Patriarca ortodosso romeno Daniel ricorda Alessio II, “testimone della fede ortodossa nei tempi duri del comunismo” e “promotore instancabile del dialogo e della cooperazione intercristiana e interreligiosa”. Mentre il segretario generale della Kek, rev. Colin Williams, ha espresso la gratitudine della Conferenza delle Chiese europee, organismo che racchiude le Chiese protestanti,
anglicana e ortodosse d’Europa, per il lavoro che il Patriarca ha svolto al suo interno. “Siamo grati – ha detto Williams – al ruolo che Alessio II ha svolto nella costruzione della Kek come uno
strumento ecumenico efficace sia negli anni della sua presidenze sia come Patriarca della Chiesa
ortodossa russa”. Cordoglio anche da parte dell’arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams. “È
stato un leader di grande statura – si legge in un comunicato diffuso dalla sede della Comunione
anglicana a Londra – con abbondante esperienza, determinazione e coraggio, che ha guidato la sua
Chiesa con mano ferma lungo un periodo della storia Russia di profonde sfide e cambiamenti”.

Profonda tristezza. In un messaggio il card. Walter Kasper, presidente del Pontificio Consiglio
per la promozione dell’unità dei cristiani, esprime “profonda tristezza”. “Egli – si legge – è stato
strumento nel promuovere l’enorme crescita di diocesi, parrocchie, monasteri e istituzioni educative
che hanno dato nuova vita a una Chiesa dolorosamente provata così a lungo”. “Ricordo i miei
numerosi incontri con Sua Santità”, prosegue il card. Kasper, mettendo in luce “la sua buona
volontà verso il Santo Padre e il suo desiderio di rafforzare la collaborazione con la Chiesa
cattolica”. “Tristezza” per la morte del Patriarca Alessio II avvenuta questa mattina a Mosca è stata
espressa anche dal card. André Vingt-Trois, arcivescovo di Parigi e presidente della Conferenza
dei vescovi di Francia, che ricorda l’incontro avvenuto in Russia poco più di un mese fa e la
“cordialità che aveva caratterizzato questo incontro”, come pure la visita “che Sua Santità il
Patriarca Alessio II aveva fatto a Parigi nel mese di ottobre 2007, durante la quale egli aveva
venerato le reliquie della Corona di spine nella cattedrale Notre Dame ed è stato ricevuto presso la
sede della Conferenza episcopale di Francia”.

Punto di riferimento per la cristianità. Alessio II “ha rappresentato un punto di riferimento per
tutta la cristianità e ha operato attivamente nel promuovere il dialogo ecumenico, sostenendo quella
tensione all’unità che realizza il comando del Signore”, ha scritto in un messaggio la Conferenza
episcopale italiana, nella persona del presidente, il card. Angelo Bagnasco, e del segretario
generale, mons. Mariano Crociata. “Consapevoli del suo alto magistero e del ruolo determinante
nella crescita del suo Paese – proseguono i vescovi – grati per la sua ripetuta presenza in terra
italiana, esprimiamo il nostro cordoglio alla Chiesa ortodossa russa, nella certezza che il Padre
misericordioso ricompenserà il suo servo fedele”.

Personalità di primissimo piano. In una dichiarazione al SIR, mons. Vincenzo Paglia, vescovo di
Terni e presidente della Commissione episcopale Cei per l’ecumenismo e il dialogo, ricorda
l’“intenso rapporto personale” che lo univa ad Alessio II. “Con la sua morte – rileva – scompare una
personalità di primissimo piano del mondo cristiano. È stato un protagonista della vita travagliata
della Chiesa russa nella seconda metà del Novecento, nei difficili anni sovietici dapprima, e poi in
quelli della rinascita dopo la fine dell’oppressione comunista. Il suo patriarcato infatti ha guidato la
Chiesa negli anni della riacquisita libertà, della ripresa della vita religiosa, del ristabilimento di una
piena vita ecclesiale in Russia e negli altri paesi ex-sovietici”. “Protagonista del cammino
ecumenico” nell’ultimo mezzo secolo, del Patriarca mons. Paglia ricorda le “parole di sincero e
profondo apprezzamento per il Santo Padre, Benedetto XVI e per il suo insegnamento, che reputava
essere un contributo fondamentale alla difesa dei valori cristiani nel mondo contemporaneo”.

Ha saputo tenere unita la Chiesa. Alessio II “ha sempre mostrato attenzione, amabilità e
comprensione verso la mia missione”, afferma il nunzio apostolico mons. Antonio Mennini. “Con
l’arcivescovo Pezzi – annuncia Mennini – abbiamo deciso di celebrare in cattedrale domenica
prossima alle 10 una messa in suffragio del Patriarca alla quale sono chiamati a partecipare tutti i
fedeli e i sacerdoti cattolici come segno della nostra solidarietà” al mondo ortodosso. “Il Patriarca –
precisa il nunzio – ha saputo tenere unita la Chiesa salvaguardandola dalla fughe centrifughe e dalla
pressioni esterne. Ha lavorato per la ricomposizione della Chiesa ortodossa russa all’estero. Si può
dire che come un pastore, ha curato l’unità del gregge di Cristo”. “I cattolici della Russia in fraterna
concordanza con i nostri fratelli e sorelle ortodosse elevano preghiere per l’eterno riposo di Sua Santità nella dimora dei giusti, nella certa speranza che nostro Signore lo accoglierà quale servo
fedele nel suo Regno”, dichiara mons. Paolo Pezzi, arcivescovo di Mosca, esprimendo “la
partecipazione e il dolore a tutto l’episcopato ai sacerdoti, ai monaci, alle monache e a tutti i fedeli
del popolo di Dio della Chiesa ortodossa russa”.



da Fonte SIR (Servizio di informazione religiosa) del 05/12/2008


Ricerca articoli

Ricerca fra tutti gli articoli il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Dialogo Ecumenico: Ortodossi

Il rinnovarsi della gioia in Cristo

da 30 Giorni del 10/02/2010 del 15/02/2010

L'unica realtà che non cambia

da L'Osservatore Romano del 08/04/2010

Unità dei cristiani e temi etici L'incontro panortodosso a Istanbul
Marco Bellizi
da L'Osservatore Romano del 17/10/2008

La nuova fase del dialogo fra cattolici e ortodossi
Eleuterio F. Fortino
da L'Osservatore Romano del 19/01/2009

ALESSIO II - Partecipazione e dolore

da Fonte SIR (Servizio di informazione religiosa) del 05/12/2008


In tutto sono Stati trovati 13 articoli.

Dialogo Ecumenico: Luterani

La Parola di Dio terreno comune per il dialogo
Nicola Gori
da L'Osservatore Romano del 14/03/2010

Un'esperienza di gioia e fraternità:

da Radio Vaticana del 16/03/2010


In tutto sono Stati trovati 2 articoli.

Dialogo Ecumenico: Anglicani


In tutto sono Stati trovati 2 articoli.

Dialogo Ecumenico: Ebraismo


In tutto sono Stati trovati 2 articoli.
_____________________________