Home page
Chi Siamo, la Comunit di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualit e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Le Catechesi di Regina Mundi

Catechesi sulla Parola di Dio

6ª DOMENICA DI PASQUA - C

1ª lettura At 15,1-2.22-29 dal Salmo 65 2ª lettura Ap 21,10-14.22-23 Vangelo Gv 14,23-29
di  don Vigilio Covi


Io ho dato a loro la tua parola e il mondo li ha odiati perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo”. Per suscitare in noi la gioia vera e perfetta Gesù ci ha comunicato la Parola del Padre. “Ho dato a loro la tua parola”, dice con soddisfazione. La Parola di Dio è sempre fonte di vita e di gioia: “Se tu non mi parli, io sono come chi scende nella fossa”, dice il salmo 28. E il salmo 119: “La tua legge è tutta la mia gioia”. Il Padre aveva parlato tramite Mosè e tramite i profeti lungo i secoli, ma quella sua parola era solo preparazione per la Parola definitiva, per quella Parola che comunica la pienezza dell’amore e della vita. La Parola dunque è Gesù stesso: egli è tutto ciò che Dio vuole comunicare di sè agli uomini, bisognosi di perdono e di salvezza, di comunione reciproca e di pace. Gesù ci ha dato la Parola di Dio non solo insegnandoci con sapienza la volontà del Padre, ma soprattutto stando egli stesso vicino a noi in tutte le circostanze, in particolare in quelle dolorose che ci portano alla morte. Egli è la Parola che ci fa vivere e la Parola che ci fa sentire preziosi per Dio stesso. I discepoli hanno accettato non solo i suoi insegnamenti, ma soprattutto di stare con lui. Per questo “il mondo li ha odiati”. Egli aveva varie volte annunciato ai discepoli le difficoltà che avrebbero trovato nel mondo, non solo quelle che nascono dentro di noi, ma anche quelle derivanti dalle incomprensioni dei propri parenti. Aveva detto che avrebbero potuto essere persino uccisi, sia dai familiari che da coloro che adorano Dio, convinti di compiere un atto comandato da lui. Perché quest’odio e questa violenza contro i discepoli di Gesù? Essa si è perpetuata nella storia e continua anche ora. “Essi non sono del mondo”: questo è il motivo dell’odio che si scatena contro di loro, lo stesso motivo del rifiuto di Gesù. Chi non è del mondo non obbedisce al diavolo, e questi usa l’unico suo metodo, che è la violenza e la morte, per dominare. I discepoli di Gesù rimangono fedeli, come lui è stato fedele al Padre, fin dentro la morte. La sua presenza di Vivente dentro la morte ha tolto a questa il potere di spaventare: per questo i discepoli affrontano con gioia anche la morte a causa di lui.

È tutto un simbolo la descrizione della città che san Giovanni contempla. Essa scende dal cielo e risplende della gloria di Dio: è il luogo dove si sviluppa e dove porta frutto l’amore del Padre. Sappiamo, anzi ci viene detto che questa città, che ha le sue origini in cielo, è la Chiesa, perché le sue mura poggiano sui fondamenti che portano il nome dei “dodici apostoli dell’agnello”. In essa Dio non è racchiuso in alcun tempio, perché immersa nel tempio vero che è la stessa presenza di Dio e dell’Agnello. Queste immagini ci aiutano a considerare la Chiesa non solo come comunità umana, associazione che unisce tra loro molte persone ricche dei loro doni e povere dei loro difetti e peccati, ma soprattutto come ambiente dove Dio stesso accoglie gli uomini. Le porte della città si aprono in tutte le direzioni, perché nessuno può rimanere escluso, se non chi rifiuta di avvicinarsi per entrare. In essa una luce particolare illumina gli abitanti: è la luce della gloria di Dio, del suo amore, e la luce che viene dall’Agnello, che è l’incarnazione dell’amore.
Di amore parla Gesù ai suoi apostoli durante l’ultima cena. L’amore è l’ambiente in cui può avvenire l’incontro tra lui e loro. Non è previsto alcun altro modo di conoscerlo e di godere della sua presenza. “Se uno mi ama… il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”. “Se uno mi ama”: come si fa ad amarlo? “Se uno mi ama, osserverà la mia parola”. Ascoltare e custodire la parola udita, questo è amore. Prendere sul serio le parole della persona che si vuole amare, questa è la vera manifestazione di amore. Amiamo Gesù, e potremo godere dell’amore del Padre accogliendo con attenzione la sua Parola. Questa è la gioia e la fatica dei discepoli, questo è l’impegno della Chiesa, la città dove si ascolta l’Agnello e dove l’amore di Dio è sempre presente come dono che si riceve e come dono che si offre. Perché la Parola sia accolta nella sua pienezza arriva a noi anche il dono del Paràclito, lo Spirito Santo, maestro e suggeritore degli insegnamenti di Gesù.
Allo Spirito Santo fanno riferimento gli apostoli quando devono prendere decisioni per tutta la Chiesa. Oggi li vediamo impegnati a risolvere una questione spinosa, che nella prima comunità divideva gli animi dei credenti. Osservare o no tutto ciò che ha comandato Mosè? Ma Mosè non è più grande di Gesù: con i suoi ordini egli ha preparato il popolo ad accogliere il Figlio di Dio. Ora che questi è venuto ed ha mandato i suoi con la sua stessa potestà e la sua stessa missione, sono essi che devono dare nuove direttive che scaturiscono dall’amore di Dio per gli uomini. Mosè ora tace e parlano invece coloro cui Gesù ha donato il suo Spirito! La città santa è veramente poggiata sui dodici Apostoli dell’Agnello. Li ascoltiamo anche noi, per manifestare a Gesù il nostro amore per lui. Ubbidiamo alla loro parola, e così contribuiamo all’unità della Chiesa, che è raccolta dentro le mura della città che scende dal cielo.



Ricerca catechesi

Ricerca fra tutte le catechesi il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Cuore Immacolato di Maria
P. Mario Piatti icms,
del 19/06/2012

IMMACOLATA, FESTA DI LUCE
Don Giovanni Frigerio, Assistente
da www.unitalsi.info del 06/12/2011

Lo Scapolare del Carmelo
Padre Raffaele Amendolagine
del 11/07/2011

Cristo apparve per primo a Maria
Giovanni Paolo II
da Sito La Santa Sede del 21/05/1997

La perfetta santità di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1252-1254

La «Piena di grazia»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1191-1193

La nuova «Figlia di Sion»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1120-1123

La figlia di Sion
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1070-1073

Nobiltà morale della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 952-954

Donne impegnate nella salvezza del popolo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 851-854

La maternità viene da Dio
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 502-505

Annuncio della maternità messianica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 164-167

Maria nel Protovangelo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 115-117

Maria in prospettiva trinitaria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 46

Scopo e metodo dell'esposizione della dottrina mariana
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 9-12

Ruolo della donna alla luce di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1318-1321

Maria e il valore della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1276-1279

Influsso di Maria nella vita della Chiesa
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/1 (1995) p. 1181-1184

Maria nella Sacra Scrittura e nella riflessione teologica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1040-1043

Il ruolo materno di Maria nei primi secoli
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 362-365.

LA PRESENZA DI MARIA NELLA STORIA DELLA CHIESA
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 304-307.

MARIA, DONNA DI FEDE
MARIO SCUDU sdb
da www.donbosco-torino.it

MARIA NELLA MIA VOCAZIONE
M.Caterina Muggianu

PRENDETE IL ROSARIO E PREGATE
M.Caterina Muggianu

Maria, “Donna” dello Spirito
don Luciano Alimandi
da Agenzia Fides

Omaggio dei cuori a Maria.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 32 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

L'amicizia di Dio
Dal trattato «Contro le eresie» di sant'Ireneo, vescovo (Lib. IV, 13, 4-14, 1; Sc 100, 534-540)
da Liturgia delle ore del 25/02/2012


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

In tutto sono state trovate 0 catechesi.

La Scuola della Pace II Anno – Novembre 2017
M. Caterina Muggianu
da - del 13/11/2017

Intercessione – espiazione –accoglienza per la Pace
Maria Caterina Muggianu
da - del 12/02/2014

AI PIEDI DI GESÙ PER COSTRUIRE LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

DESIDERO DARVI LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

CE LO DICONO I SANTI
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

COME REAGIRE A QUANTO CI FA PERDERE LA PACE
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

LA PACE INTERIORE CAMMINO DI SANTITÀ
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900


In tutto sono state trovate 8 catechesi.

Nessun bambino si sveglia all’amore
Don Arturo Bellini
del 14/10/2013

Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

XXVIII DOMENICA TEMPO ORDINARIO -
www.catechistaduepuntozero.it
del 06/10/2010

Festa della SANTISSIMA TRINITÀ
don Vigilio Covi
del 25/05/2010

Ricordiamo la prima effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente.
padre Felice dell'Eremo di Sant'Alberto a Sestri Ponente.


In tutto sono state trovate 6 catechesi.

«Pregando apriamo una finestra verso il cielo»
Benedetto XVI - Udienza Generale30 novembre 2011
da L'Avvenire

Nulla è impossibile a Dio
don Tiziano Soldavini - Piccoli Apostoli Divina Misericordia Amore Eucaristico Con Maria
da Il Seme della Parola del 11/05/2011

La preghiera di intercessione:
Carlo Maria Martini

Il Padre nostro
don Nicola Ban
del 29/03/2009

Lettera sulla preghiera
Mons. BRUNO FORTE Vescovo


In tutto sono state trovate 9 catechesi.

COME IL PADRE VOSTRO CELESTE.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 2 catechesi.

L’EUCARISTIA spiegata ai bambini
M. Caterina Muggianu
del 17/03/2017

VIVERE L’EUCARESTIA
Pier Giuseppe Accornero
da Tratto dalla rivista “Maria Ausiliatrice” ottobre 2005 del 04/09/2011

EUCARESTIA ANNUNCIO DEL REGNO E MISSIONE
Don Rodolfo Reviglio
da Tratto da: “Maria Ausiliatrice” Torino 11/2005 del 04/09/2011

DIRETTORIO PER L’ADORAZIONE IN SPIRITO E VERITA’
San Pietro Giuliano Eymard
del 04/09/2011

CHE COS’E’ L’EUCARISTIA?
Dell’Arcivescovo Angelo Comastri
del 04/09/2011

FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME (Lc 22, 19)
P. Giovannino Tolu
del 30/03/2010


In tutto sono state trovate 11 catechesi.
_____________________________