Home page
Chi Siamo, la Comunit di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualit e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Le Catechesi di Regina Mundi

Anno della Fede

FEDE E CENTRALITA’ DI GESU’
di 


FEDE E CENTRALITA’ DI GESU’

Parliamo spesso di fede, ma forse ci sfugge il suo significato più vero. Legittimo allora interrogarsi su che cosa è la fede e sulla individuazione dei suoi contenuti. L’urgenza della domanda deriva anche dal fatto che possono esserci errori nel modo come viene intesa la fede dalla massa dei credenti. L’indizione dell’anno della fede da parte di Benedetto XVI è stata motiva non solo dalla secolarizzazione e scristianizzazione in atto in Europa, ma anche dalla necessità di chiarire l’oggetto di questa virtù, intorno alla quale c’è troppa confusione. Il papa, infatti, ha fatto cenno al grave problema della separazione tra fede e vita, che è una chiara indicazione di un modo sbagliato di pensare alla fede. Se la fede non incide nella vita, è naturale che essa è male interpretata e risolta solo nel compimento di alcuni gesti rituali o in puri sentimenti.

Cerchiamo allora di rispondere alla domanda sul significato della fede, ricorrendo alla Bibbia. La Lettera agli Ebrei risponde così: La fede è fondamento delle cose che si sperano e prova di quelle che non si vedono (Eb 11, 1). Anche S. Paolo mette in relazione la fede con la speranza, quando parla della vocazione del battezzato (Ef 4, 1-4). La relazione tra fede e speranza rimanda a sua volta ad una ulteriore domanda: che cosa è la speranza e quali sono le cose che possiamo legittimamente sperare? S. Paolo scrive che nella speranza siamo stati salvati (Rm 8, 24). Prima però fa un discorso sull’attesa di riscatto di tutta la creazione, che attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio e di essere liberata dalla caducità nella quale il peccato dell’uomo l’ha fatta cadere (Rm 8, 19-23). Garante di questo riscatto è Gesù, ed in lui la speranza non è il dubbio o il timore su ciò che dovrà accadere, ma l’attesa di un compimento certo (Rm 8, 25): essere eredi e coeredi di Cristo (Rm 8, 17).

La caducità, nella quale vive l’uomo e il creato che lo circonda, genera il desiderio di una felicità, che resta sempre inappagata. Esiste, pertanto, una relazione profonda tra speranza e felicità: si desidera solo ciò che può rendere felice e riempire di gioia la vita. Ecco perché Gesù ha detto di essere venuto a darci la vita e a darcela in abbondanza (Gv 10,10). La felicità dà senso alla vita e soddisfa la sete del vivere. Ma una felicità fondata sui beni materiali non la estingue del tutto, perché questi appartengono allo stato di caducità in cui versa l’uomo e tutta la creazione. Il denaro, il successo, il sesso, i figli, la scienza, l’arte sono beni, ma temporanei, che non spengono la sete di eternità che si annida nel cuore dell’uomo. Essi possono rendere felici, ma solo momentaneamente, perché rimandano sempre a qualcosa che va al di là di questi beni, in quanto non distruggono la morte, limite ultimo per l’uomo. Essa è l’ultima e più drammatica infelicità, perché distrugge la vita e quindi la possibilità stessa di sperare; quindi, mette in discussione, perché ne mostra il limite, ogni altra felicità possibile nella vita dell’uomo.

Ci sono poi delle domande ineludibili per ogni uomo: qual è il senso della vita? come è possibile affrontare il nostro presente, spesso segnato dallo smarrimento e dal dolore per gli insuccessi e per le difficoltà? come sopportare ogni giorno la fatica del vivere? che cosa rimane della vita? che cosa troviamo oltre la morte? Le molte speranze coltivate dall’uomo sono lo sforzo di rispondere a queste domande. Qualora l’uomo durante la sua vita riesce a realizzarne alcune, rimane insoddisfatto ed inquieto perché s’accorge di desiderare ancora altro; intuisce che può bastargli solo qualcosa di infinito, qualcosa che sarà sempre più di ciò che egli possa mai raggiungere (Benedetto XVI). La speranza allora ci proietta verso l’eternità. Il Catechismo della Chiesa Cattolica definisce così la speranza: è la Virtù per la quale attendiamo di godere, quando moriamo in grazia di Dio, la felicità piena ed eterna, che è lo stesso Dio. E Benedetto XVI spiega che può essere fondamento della nostra speranza non un qualsiasi Dio, ma quel Dio che possiede un volto umano e che ci ha amati sino alla fine: ogni singolo e l’umanità nel suo insieme, Gesù, che ha sconfitto la morte con la risurrezione.

Abbiamo allora l’indicazione esatta dell’oggetto della nostra speranza: Gesù che ha vinto la morte con la sua risurrezione. Se la morte è il muro contro il quale si infrange ogni nostra speranza terrena, perché la morte le distrugge tutte, allora Colui il quale ha vinto la morte e ci ha aperto la strada dell’immortalità, egli solo può essere l’oggetto vero della nostra speranza, e tutte le altre speranze sono degne di questo nome se conducono a Lui, il fondamento di ogni speranza.

Gesù più volte si è presentato come colui che toglie per sempre la sete (Gv 6, 34), colui che fa scaturire nelle persone l’acqua viva che zampilla per la vita eterna (Gv 4, 14). Egli si è definito nel libro dell’Apocalisse come l’Alfa e l’Omega (Ap 1, 8). Con queste espressioni egli voleva affermare di essere il senso della vita, colui che dà compimento alla sete di verità e di bene che c’è nell’uomo. Il fondamento di questa pienezza e compiutezza è la sua risurrezione. Se la morte è limite supremo che rende incompiuta la vita dell’uomo, nel senso che ne spezza il desiderio di andare sempre oltre, di superarsi, di divenire sempre altro, solo chi la vinto la morte può dare senso alla vita, diventando così lui stesso tale significato. Gesù non solo ci conduce a raggiungere il senso della vita, ma è lui stesso questo significato, Mi vengono in mente le parole della parabola del buon pastore: Io sono la porta per le pecore (Gv 10, 7), Io sono il buon pastore (Gv 10, 14). Gesù si presenta nel corso della stessa parabola con due immagini, quella del buon pastore che conduce all’ovile le pecore e quella della porta dell’ovile, attraverso la quale bisogna entrare per trovare salvezza: Io sono la porta: se uno entra attraverso me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo (Gv 10, 9). L’immagine di Gesù va presa chiaramente in senso esistenziale, anche per il fatto che, conclusa la spiegazione dell’immagine, Gesù aggiunge: Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza (Gv 10, 10). Gesù è nello stesso tempo colui che ci aiuta a trovare il senso della vita (il pastore che conduce il gregge), e anche colui il cui mistero di morte e di risurrezione dà significato alla vita dell’uomo (la porta attraverso la quale entrare nella sicurezza dell’ovile), perché ne sorregge il dolore, le contrarietà, la morte.

Ecco perché Gesù è l’oggetto unico della speranza dell’uomo. Ecco perché la fede ci conduce a Gesù, all’incontro con lui, come unico salvatore dell’uomo. Ecco allora alcune affermazioni solenni di Gesù: O con me o contro di me e chi non raccoglie con me disperde (Mt 12, 30); io sono la vite voi i tralci… Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca… (Gv 15, 1-8); se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avrete in voi la vita (Gv 6, 53).

Nessun grande maestro di vita nella storia dell’uomo ha mai parlato così: per quanto grandi essi siano stati e per quanto importante il loro messaggio, nessuno di loro ha mai preteso di costituire per i propri discepoli il senso stesso della vita. Erano coscienti che il solo pensarlo sarebbe stato pura follia. Gesù no. Egli lo ha detto nella piena consapevolezza di essere l’unico salvatore dell’uomo; e quando si è trovata davanti la folla che dall’euforia di volerlo proclamare re era passata all’abbandono di lui perché considerato pazzo (Gv 6, 52. 59), egli non retrocede di un passo e non rimangia una parola di quelle dette sulla necessità di stabilire un rapporto necessario con lui.

Nasce così l’invito da parte di Gesù alla sequela: Io sono la via, la verità e la vita (Gv 14, 6); io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre (Gv 8, 12). La sequela nasce proprio perché si è individuato il bisogno di relazionarsi con lui.

Su questa prospettiva quanto cammino ci resta da fare! Sappiamo che la sua sequela è esigente, e perciò non facile. Lo ha detto Gesù stesso invitando i suoi seguaci a prendere la croce sulle spalle e a seguirlo (Lc 14, 27); ha invitato, attraverso il racconto di alcune parabole, a misurare le proprie possibilità prima di decidersi a seguirlo (Lc 14, 28-30). Non dimentichiamo che queste precisazioni sono state fatte da Gesù dopo aver pronunciato le parole sul primato dell’amore verso di lui: Siccome molta gente andava con lui, egli si voltò e disse: Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo (Lc 14, 25).

Gesù non ha mai minimizzato le esigenze della sua sequela, anzi è stato molto esplicito (Lc 9, 57-62). A Giacomo e Giovanni pone la domanda: Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato? (Mc 10, 38). E in genere assicura così tutti i discepoli e seguaci: Quando vi condurranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi come discolparvi o che cosa dire; perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire (Lc 12, 11-12).

Ma ha garantito anche che la fedeltà sino alla fine avrebbe permesso, con l’ingresso nel regno, il compimento di ogni speranza (Mc 13, 13; Rm 8, 17).

del 14/07/2013


Ricerca catechesi

Ricerca fra tutte le catechesi il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Cuore Immacolato di Maria
P. Mario Piatti icms,
del 19/06/2012

IMMACOLATA, FESTA DI LUCE
Don Giovanni Frigerio, Assistente
da www.unitalsi.info del 06/12/2011

Lo Scapolare del Carmelo
Padre Raffaele Amendolagine
del 11/07/2011

Cristo apparve per primo a Maria
Giovanni Paolo II
da Sito La Santa Sede del 21/05/1997

La perfetta santità di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1252-1254

La «Piena di grazia»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1191-1193

La nuova «Figlia di Sion»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1120-1123

La figlia di Sion
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1070-1073

Nobiltà morale della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 952-954

Donne impegnate nella salvezza del popolo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 851-854

La maternità viene da Dio
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 502-505

Annuncio della maternità messianica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 164-167

Maria nel Protovangelo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 115-117

Maria in prospettiva trinitaria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 46

Scopo e metodo dell'esposizione della dottrina mariana
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 9-12

Ruolo della donna alla luce di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1318-1321

Maria e il valore della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1276-1279

Influsso di Maria nella vita della Chiesa
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/1 (1995) p. 1181-1184

Maria nella Sacra Scrittura e nella riflessione teologica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1040-1043

Il ruolo materno di Maria nei primi secoli
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 362-365.

LA PRESENZA DI MARIA NELLA STORIA DELLA CHIESA
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 304-307.

MARIA, DONNA DI FEDE
MARIO SCUDU sdb
da www.donbosco-torino.it

MARIA NELLA MIA VOCAZIONE
M.Caterina Muggianu

PRENDETE IL ROSARIO E PREGATE
M.Caterina Muggianu

Maria, “Donna” dello Spirito
don Luciano Alimandi
da Agenzia Fides

Omaggio dei cuori a Maria.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 32 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

L'amicizia di Dio
Dal trattato «Contro le eresie» di sant'Ireneo, vescovo (Lib. IV, 13, 4-14, 1; Sc 100, 534-540)
da Liturgia delle ore del 25/02/2012


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

In tutto sono state trovate 0 catechesi.

La Scuola della Pace II Anno – Novembre 2017
M. Caterina Muggianu
da - del 13/11/2017

Intercessione – espiazione –accoglienza per la Pace
Maria Caterina Muggianu
da - del 12/02/2014

AI PIEDI DI GESÙ PER COSTRUIRE LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

DESIDERO DARVI LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

CE LO DICONO I SANTI
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

COME REAGIRE A QUANTO CI FA PERDERE LA PACE
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

LA PACE INTERIORE CAMMINO DI SANTITÀ
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900


In tutto sono state trovate 8 catechesi.

Nessun bambino si sveglia all’amore
Don Arturo Bellini
del 14/10/2013

Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

XXVIII DOMENICA TEMPO ORDINARIO -
www.catechistaduepuntozero.it
del 06/10/2010

Festa della SANTISSIMA TRINITÀ
don Vigilio Covi
del 25/05/2010

Ricordiamo la prima effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente.
padre Felice dell'Eremo di Sant'Alberto a Sestri Ponente.


In tutto sono state trovate 6 catechesi.

«Pregando apriamo una finestra verso il cielo»
Benedetto XVI - Udienza Generale30 novembre 2011
da L'Avvenire

Nulla è impossibile a Dio
don Tiziano Soldavini - Piccoli Apostoli Divina Misericordia Amore Eucaristico Con Maria
da Il Seme della Parola del 11/05/2011

La preghiera di intercessione:
Carlo Maria Martini

Il Padre nostro
don Nicola Ban
del 29/03/2009

Lettera sulla preghiera
Mons. BRUNO FORTE Vescovo


In tutto sono state trovate 9 catechesi.

COME IL PADRE VOSTRO CELESTE.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 2 catechesi.

L’EUCARISTIA spiegata ai bambini
M. Caterina Muggianu
del 17/03/2017

VIVERE L’EUCARESTIA
Pier Giuseppe Accornero
da Tratto dalla rivista “Maria Ausiliatrice” ottobre 2005 del 04/09/2011

EUCARESTIA ANNUNCIO DEL REGNO E MISSIONE
Don Rodolfo Reviglio
da Tratto da: “Maria Ausiliatrice” Torino 11/2005 del 04/09/2011

DIRETTORIO PER L’ADORAZIONE IN SPIRITO E VERITA’
San Pietro Giuliano Eymard
del 04/09/2011

CHE COS’E’ L’EUCARISTIA?
Dell’Arcivescovo Angelo Comastri
del 04/09/2011

FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME (Lc 22, 19)
P. Giovannino Tolu
del 30/03/2010


In tutto sono state trovate 11 catechesi.
_____________________________