Home page
Chi Siamo, la Comunit di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualit e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Le Catechesi di Regina Mundi

Anno della Fede

I momenti difficili.” (2 Tm 3,1)
di  Maria Caterina Muggianu


“ Devi anche sapere che negli ultimi tempi verranno momenti difficili.” (2 Tm 3,1)

Meditando le lettere di S. Paolo e, in particolare, la seconda lettera a Timoteo dove Paolo si rivolge al suo discepolo parlando di “ultimi tempi”, ci rendiamo conto che nella vita di ogni persona ci sono questi ultimi tempi, che non rappresentano necessariamente gli anni della vecchiaia ma vogliono significare le varie tappe della vita e del percorso spirituale.

La Chiesa, la società, le comunità religiose, le varie iniziative, vivono nel tempo, età e tempi diversi.
Il momento iniziale è sempre caratterizzato da uno slancio profetico, da entusiasmo, da una fiducia che sposta le montagne. La speranza coraggiosa riesce a intravedere obiettivi per cui vale la pena di soffrire per la causa.
La solidarietà tra i membri sopperisce alle difficoltà degli inizi per cui si riesce a superare gli ostacoli che spesso appaiono insormontabili.
Superata la fase iniziale si giunge a quella del consolidamento, che richiede perseveranza e abnegazione. Attingendo dall’entusiasmo iniziale ancora si trovano le forze e le motivazioni per superare le difficoltà e cercare di mettere solide basi.
Arriva poi un tempo in cui iniziano a manifestarsi fenomeni di decadenza, segni di stanchezza, delusioni, divisioni, deviazioni e persino abbandoni. Lo vediamo in un matrimonio, lo vediamo in una comunità religiosa, lo vediamo in una associazione, lo vediamo in una parrocchia e nella Chiesa persino. Sembra che tutto intorno a noi crolli.
Si tratta di una fase in cui si respira il clima della “crisi”
La fatica si fa sentire, la situazione si fa pesante. Il Vangelo sembra avere meno presa sulla vita delle persone e delle comunità.
La demotivazione fa crescere atteggiamenti di individualismo. E’ difficile fare “comunione” E’ facile invece provare disinteresse per gli altri e per il comune progetto, sia quello di una famiglia, di una comunità ecclesiale, di un intero Paese. “ Ma chi me lo fa fare? “
Questo è il tempo, come dice S.Paolo a Timoteo, di “ravvivare il dono di Dio che è in te” ma come?

1 – riscoprendo, ravvivando e custodendo la fede
San Paolo ha potuto dire: “Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede.”nonostante i naufragi, le persecuzioni, la prigionia. A Timoteo dice: “Custodisci il buon deposito con l'aiuto dello Spirito santo che abita in noi.” (“ Tm 1,14)
Non è affatto scontato custodire la fede, restare credenti fino alla fine, vincendo le tentazioni dell’incredulità e del cinismo che inquina la vita di ogni giorno.
Anche chi ha a che fare quotidianamente con le cose di Dio, rischia maggiormente di sentirsene padrone e di non lasciarsi più stupire dall’opera di Dio. Quante volte siamo tentati di dare una spiegazione razionale a ogni cosa, di smarrire il senso del “mistero”, di non sentirci più interpellati. Si rischia di passare a una familiarità che diventa una abitudine. Allora vediamo come ci si mette pian piano sul piedestallo da cui esprimere giudizi e sentenze su chi è fuori dalla cerchia. Io, o noi …e gli altri.
E questa sorta di autosufficienza ci impedisce di rincominciare ogni giorno la lotta per la propria fedeltà.

E’ necessario combattere ogni giorno. Paolo è chiaro: “ ho combattuto” ossia, non è stata una vita tranquilla la mia vita di fede, infine può dire: “Ho conservato la fede” la cosa essenziale.
Anche a noi è stata concessa la grazia di combattere per la fede e per amore di Cristo : “a voi è stata concessa la grazia non solo di credere in Cristo; ma anche di soffrire per lui, sostenendo la stessa lotta che mi avete veduto sostenere e che ora sentite dire che io sostengo.” (Fil 1, 29-30)
Una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, che diventa cultura, che non è un fatto privato ma incide su tutti gli aspetti della vita
S. Paolo era in tutto una persona simile a ciascuno di noi, con le sue fragilità e la sua umanità, ma ha saputo rispondere al “Dono” Paolo è soprattutto un innamorato del Crocifisso-Risorto. La passione per Cristo lo portò a predicare il Vangelo non solo con la parola, ma con la stessa vita, sempre più conformata al suo Signore.
Questa passione e questo ardore per Cristo devono animare anche la nostra vita.

2 – Ravvivare la passione per il Signore
Come ravvivare un fuoco che tende a spegnersi. La nostre vite non si reggono solo su cose da fare, su ruoli da vivere, Nella vita cristiana e, ancor più nella vita consacrata, è decisiva la passione per il Signore. L’amore per il Signore può essere espresso in modo diverso nelle varie fasi della vita di ciascuno, ma è sempre indispensabile e va sempre ravvivato.
Ciò che suscita questo ardore è il Dono dello Spirito Santo, dono che abita in ogni battezzato.
San Paolo dice ai Tessalonicesi: “ “Non spegnete lo Spirito” (1Ts 5,19)
Per ravvivare il dono di Dio dobbiamo, innanzitutto, prendere coscienza e consapevolezza del dono che è in ciascuno di noi.
Noi portiamo questo dono in “vasi di creta”(confr 2 Cor 4,7) direbbe anche a noi S. Paolo per questo dobbiamo vigilare su noi stessi e sul dono che con lo Spirito Santo ci è stato affidato: il dono della vocazione cristiana. Dobbiamo essere innamorati di Cristo, non come un uomo del passato ma una persona presente, di cui ci si può innamorare. Una Persona per la quale posso giocarmi la vita.
Paolo sottolinea ancora, “ Dio non ci ha dato uno Spirito di timidezza ma di forza, di carità e di prudenza” (Tm 1,7)

3 - Crescere nella forza
Lo Spirito Santo dona la “fortezza” una forza interiore che non significa arroganza ma coraggio. Non prepotenza ma mitezza. La mitezza ha la capacità di essere più forte della stessa propria forza, anzi, consiste nella capacità di mettere i giusti limiti alla propria forza, di addomesticarla, di frenarla per lasciare spazio agli altri.
Questa “forza” si oppone alla “timidezza” che non è solo un tratto del carattere che tocca l’aspetto psicologico ma tocca la nostra volontà quando significa vigliaccheria, codardia.
Ravvivare il dono di Dio significa quindi: Crescere in forza.
Ma la virtù cristiana della fortezza, come potremmo pensare, non esclude la debolezza. Non solo non la esclude ma la integra. Dio infatti tiene sempre conto della nostra libertà. Agisce nella nostra debolezza quando lo invitiamo a soccorrerci. E’ una forza che più è radicata nella profondità interiore, maggiormente agisce nella debolezza esteriore. San Paolo ancora diceva ai Corinzi:
“[16] Per questo non ci scoraggiamo, ma se anche il nostro uomo esteriore si va disfacendo, quello interiore si rinnova di giorno in giorno.
[17] Infatti il momentaneo, leggero peso della nostra tribolazione, ci procura una quantità smisurata ed eterna di gloria,
[18] perché noi non fissiamo lo sguardo sulle cose visibili, ma su quelle invisibili. Le cose visibili sono d'un momento, quelle invisibili sono eterne.”(2Cor 4 16-18)
A volte noi ci lasciamo condizionare così tanto dalle debolezze esterne, sia morali che fisiche, e gli diamo un tale peso che rischiamo di soccombere sotto di esso. Qualche volta sentiamo così forte quel senso di sconfitta e di resa che ci dimentichiamo anche di avere questo prezioso dono.
Lo Spirito infonde forza, ci incita a resistere, a combattere, a non scoraggiarci. Queste sono le occasioni di crescita nella forza interiore. E’ qui che si manifesta l’ intelligenza e la saldezza. Così si radicano le convinzioni di non essere più in balia delle proprie indecisioni e insicurezze. E’ qui che si supera il senso di inadeguatezza.
Questa forza ci aiuta a far tesoro degli errori commessi e a sviluppare una “sapienza” capace di saper fare discernimento per sé e per gli altri. Sulla base della propria esperienza ben vissuta si può acquistare una paternità o maternità spirituale capace di misericordia, capace di capire e aiutare gli altri.

4 – Crescere in equilibrio
Lo Spirito Santo è anche “ Spirito di prudenza” una prudenza derivante dalla sapienza che ci rende capaci di discernere la Volontà di Dio nelle varie situazioni..
Un equilibrio quindi, che ci fa essere saldi nella fede, aperti nella speranza e generosi nella carità.. L’equilibrio solitamente viene acquistato con la maturità della vita, attraverso un lungo percorso di fiducia nel Signore e di rinuncia all’amore di sé. Ha equilibrio chi ha una identità assodata, che non corre dietro ogni bandiera ma ha una certa consistenza interiore.
Si tratta di essere saldi, di non farsi sballottare qua e la dalle ondate degli eventi, dalle tendenze, dai discorsi, dai giudizi, dalle mode. La capacità di non accordare alle persone, alle parole, cose ecc. tanta importanza da renderci succubi,.
L’equilibrio è la capacità di vivere le realtà di Dio con costanza e coerenza. Questa capacità scaturisce dalla presenza di Dio in noi. perché Dio abita nel profondo di se stessi. “[Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.” /Gal 2,20)
Con questa forza che viene da Lui, si acquista la capacità di avere in se stessi il fondamento della propria vita, uscendo da ogni logica di dipendenza. L’equilibrio si manifesta anche nel saper abitare con se stessi, saper vivere la solitudine e il silenzio. Capace di avere per il prossimo un amore maturo e intelligente.

5 – Crescere nell’amore
Questa sapienza si trasforma naturalmente in amore.. Centro di tutto è la carità. Questo è l’essenziale. Si tratta quindi di crescere nell’amore, quell’amore “agape” e di collocare in esso il criterio di riuscita di una vita personale e comunitaria.
Viviamo momenti di crisi a tutti i livelli. Il mondo è molto lontano dall’analisi di questa crisi perché ne esamina solo l’aspetto finanziario ed economico.
Ma anche questa crisi è radicata nella crisi della carità. C’è veramente crisi, secondo i parametri evangelici, quando non c’è amore, quando non ci si vuole più bene, quando si amano più le cose, il potere, il successo, il denaro piuttosto che “l’uomo” piuttosto che Dio.
Ma quando c’è carità, benevolenza, solidarietà, amor di Dio, allora c’è anche riconoscimento dell’altro, servizio reciproco, perdono. E la comunità sociale, sia essa famiglia, gruppo o nazione, anche se povera, senza prospettiva di sviluppo futuro, riesce a trovare la serenità e a ricostruire le condizioni per una giusta sopravivenza e persino una crescita.
Crescere nell’amore significa riflettere e concentrarsi sull’essenziale. Iniziare a guardare la nostra vita a partire dalla sua fine. Allora, domande come: “ Cosa è essenziale nella mia vita?”
“ Cosa rimane veramente essenziale al di là dei vari desideri e delle piccole voglie che abitano il mio cuore? “ Chi mi fa vivere?” Queste domande diventano fondamentali. Bisogna porsele soprattutto davanti alla tentazione del: “ Chi me lo fa fare? “
La memoria dell’essenziale è fondamentale per la perseveranza.
Tante cause di dolore, di demotivazione e di resa, derivano dalla perdita delle cose in cui ci identifichiamo:
Dice Gesù a Santa Caterina da Siena nel “Dialogo della Divina Provvidenza” - “ Vuoi che ti dica in quali pene essi vivono? Tu sai bene che sempre l’amore fa soffrire se si viene a perdere quella cosa con la quale la creatura si è identificata. Orbene, costoro per amore disordinato, in diversi modi si sono identificati con la terra e perciò, terra son diventati. C’è chi si identifica con la ricchezza, chi con lo stato in cui si trova, chi con i figli. C’è chi perde me per farsi schiavo delle creature […] Proprio costoro sono quelli che vengono offesi dalle spine delle molte tribolazioni, poiché da se stessi si martirizzano con la propria volontà disordinata”
E ancora:
“ Non vedi che tutto muta?, tranne la mia grazia. Perché dunque non confidi in me che sono il tuo Creatore? Perché fidi in te stesso. Forse che io non ti sono fedele e leale?

Per superare quindi questi tempi di difficoltà dobbiamo impegnarci a Ravvivare il dono dell’Amore di Dio, rifugiarci nel suo amore, sentirci amati, giungere “alla bocca di Cristo” e gustare la sua carità, dice ancora Santa Caterina da Siena. In questo stato si trova la pace in modo così saldo che nessuno la potrebbe turbare . “ non per questo le loro pene cessano di essere dolorose, ma non sono una afflizione per la volontà che è morta, in quanto, proprio perché è morta a se stessa, sopporta volontariamente di soffrire in nome mio.”.
Tutte le difficoltà verranno attraversate con vera fortezza, pazienza e perseveranza.
Questo difficile cammino possiamo percorrerlo con Maria. Gesù a S. Caterina rivela:
“ chiunque, giusto o peccatore,abbia devozione riverente a Maria, non cadrà preda del demonio, né sarà da questi divorato. Maria è come un’esca posta dalla mia bontà per prendere le creature dotate di ragione. “ .
Le nostre fatiche saranno premiate. “ Io sono infatti il vostro Dio che remunera ogni fatica e ascolta i santi desideri, solo che Io trovi chi in verità venga a bussare alla porta della mia misericordia con il lume della fede e così non sia costretto ad andare errando e non sia tentato di mancare di speranza nella mia provvidenza.”




Preghiera
Qualsiasi esperienza
ci rechi il destino,
dobbiamo con fede
elevarla nel quadro della tua provvidenza,
con fiducia superare la nostra ignoranza
e con amore collaborare alla tua opera.
Aiutaci, Signore,
a illuminare la confusione delle cose
con la chiarezza della fede
e a trasformare nella forza della fiducia
la difficoltà di tutto ciò che pesa su di noi.
E il tuo Santo Spirito
possa testimoniare nel mio cuore
che io sono veramente tuo figlio
e ho ragione quando accetto
tutti gli avvenimenti dalla tua mano.
Fa’ che nella certezza del tuo amore
trovino risposta quelle domande
a cui nessuna sapienza umana può rispondere.
Che tu mi ami è risposta a ogni domanda.
Fa’ che io lo senta
quando giunge l’ora della prova.
Amen.
Romano Guardini

del 27/06/2013


Ricerca catechesi

Ricerca fra tutte le catechesi il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Cuore Immacolato di Maria
P. Mario Piatti icms,
del 19/06/2012

IMMACOLATA, FESTA DI LUCE
Don Giovanni Frigerio, Assistente
da www.unitalsi.info del 06/12/2011

Lo Scapolare del Carmelo
Padre Raffaele Amendolagine
del 11/07/2011

Cristo apparve per primo a Maria
Giovanni Paolo II
da Sito La Santa Sede del 21/05/1997

La perfetta santità di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1252-1254

La «Piena di grazia»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1191-1193

La nuova «Figlia di Sion»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1120-1123

La figlia di Sion
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1070-1073

Nobiltà morale della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 952-954

Donne impegnate nella salvezza del popolo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 851-854

La maternità viene da Dio
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 502-505

Annuncio della maternità messianica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 164-167

Maria nel Protovangelo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 115-117

Maria in prospettiva trinitaria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 46

Scopo e metodo dell'esposizione della dottrina mariana
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 9-12

Ruolo della donna alla luce di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1318-1321

Maria e il valore della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1276-1279

Influsso di Maria nella vita della Chiesa
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/1 (1995) p. 1181-1184

Maria nella Sacra Scrittura e nella riflessione teologica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1040-1043

Il ruolo materno di Maria nei primi secoli
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 362-365.

LA PRESENZA DI MARIA NELLA STORIA DELLA CHIESA
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 304-307.

MARIA, DONNA DI FEDE
MARIO SCUDU sdb
da www.donbosco-torino.it

MARIA NELLA MIA VOCAZIONE
M.Caterina Muggianu

PRENDETE IL ROSARIO E PREGATE
M.Caterina Muggianu

Maria, “Donna” dello Spirito
don Luciano Alimandi
da Agenzia Fides

Omaggio dei cuori a Maria.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 32 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

L'amicizia di Dio
Dal trattato «Contro le eresie» di sant'Ireneo, vescovo (Lib. IV, 13, 4-14, 1; Sc 100, 534-540)
da Liturgia delle ore del 25/02/2012


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

In tutto sono state trovate 0 catechesi.

La Scuola della Pace II Anno – Novembre 2017
M. Caterina Muggianu
da - del 13/11/2017

Intercessione – espiazione –accoglienza per la Pace
Maria Caterina Muggianu
da - del 12/02/2014

AI PIEDI DI GESÙ PER COSTRUIRE LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

DESIDERO DARVI LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

CE LO DICONO I SANTI
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

COME REAGIRE A QUANTO CI FA PERDERE LA PACE
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

LA PACE INTERIORE CAMMINO DI SANTITÀ
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900


In tutto sono state trovate 8 catechesi.

Nessun bambino si sveglia all’amore
Don Arturo Bellini
del 14/10/2013

Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

XXVIII DOMENICA TEMPO ORDINARIO -
www.catechistaduepuntozero.it
del 06/10/2010

Festa della SANTISSIMA TRINITÀ
don Vigilio Covi
del 25/05/2010

Ricordiamo la prima effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente.
padre Felice dell'Eremo di Sant'Alberto a Sestri Ponente.


In tutto sono state trovate 6 catechesi.

«Pregando apriamo una finestra verso il cielo»
Benedetto XVI - Udienza Generale30 novembre 2011
da L'Avvenire

Nulla è impossibile a Dio
don Tiziano Soldavini - Piccoli Apostoli Divina Misericordia Amore Eucaristico Con Maria
da Il Seme della Parola del 11/05/2011

La preghiera di intercessione:
Carlo Maria Martini

Il Padre nostro
don Nicola Ban
del 29/03/2009

Lettera sulla preghiera
Mons. BRUNO FORTE Vescovo


In tutto sono state trovate 9 catechesi.

COME IL PADRE VOSTRO CELESTE.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 2 catechesi.

L’EUCARISTIA spiegata ai bambini
M. Caterina Muggianu
del 17/03/2017

VIVERE L’EUCARESTIA
Pier Giuseppe Accornero
da Tratto dalla rivista “Maria Ausiliatrice” ottobre 2005 del 04/09/2011

EUCARESTIA ANNUNCIO DEL REGNO E MISSIONE
Don Rodolfo Reviglio
da Tratto da: “Maria Ausiliatrice” Torino 11/2005 del 04/09/2011

DIRETTORIO PER L’ADORAZIONE IN SPIRITO E VERITA’
San Pietro Giuliano Eymard
del 04/09/2011

CHE COS’E’ L’EUCARISTIA?
Dell’Arcivescovo Angelo Comastri
del 04/09/2011

FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME (Lc 22, 19)
P. Giovannino Tolu
del 30/03/2010


In tutto sono state trovate 11 catechesi.
_____________________________