Home page
Chi Siamo, la Comunit di Regina Mundi
Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
I Progetti, Davar l'Evento la Bibbia in MP3
Veritas veritatis: La rassegna stampa di Regina Mundi
Nelle Mari di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualit e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast




 

Le Catechesi di Regina Mundi

Catechesi sull Eucaristia

La famiglia: altare vivente del banchetto eucaristico.
di 



La famiglia: altare vivente del banchetto eucaristico - da un articolo per “Il Messaggio della Santa Casa” di Fra Stefano Vita - Pubblicato nel n. 10 – Dicembre 2003
La piccola barca della famiglia cristiana vive l’ardua missione di solcare il mare in tempesta dell’attuale contesto storico provocato dai venti e dalle onde dell’individualismo, dell’egoismo e dell’egocentrismo. Al di là delle discussioni, pur importanti, relative alla revisione della legge sul divorzio, all’affido condiviso, al c.d. turbo-divorzio (proposta Ds di ridurre a un anno i tempi per divorziare), credo che si debba tornare all’origine della questione: il cuore e la mente dei futuri sposi cristiani come giungono di fronte all’altare di Dio? Quale consapevolezza hanno del sacramento che stanno per ricevere? Sono coscienti che il sì che pronunciano è un prolungamento del sì di Maria Vergine? E’ un’eco del sì che Gesù rivolse al Padre? E’ un riflesso del sì eucaristico? La famiglia cristiana per essere se stessa ha bisogno di assaporare i profumi di grazia della casa di Nazaret; ha bisogno di respirare l’aria pulita della montagna di Dio, dove si incontra il roveto ardente dell’Eucaristia. I fidanzati prima e gli sposi poi sono chiamati a togliere i calzari dell’individualismo, dell’egoismo per contemplare il mistero del roveto ardente che brucia, ma non si consuma, e lasciarsi, così, illuminare e toccare da esso, affinché essi stessi diventino roveti ardenti d’amore, diventino eucaristie viventi.
Il Concilio Ecumenico Vaticano II ci insegna che “alla Eucaristia deve ispirarsi qualsiasi educazione allo spirito comunitario” (PO 6e); pertanto, all’Eucaristia deve ispirarsi la vita familiare. Solo ponendosi alla scuola dell’Eucaristia la famiglia potrà accogliere l’invito di Giovanni Paolo II: “Duc in altum”, “prendi il largo”! Solo così la famiglia potrà prendere il largo nel mare della storia e raggiungere il porto della beatitudine evangelica, evitando di naufragare sugli scogli dell’egoismo, dell’individualismo e dell’egocentrismo. Ma cosa significa porsi alla scuola dell’Eucaristia? Significa trasformare la vita familiare in un altare vivente del banchetto eucaristico accogliendo, da parte degli sposi, tre lezioni fondamentali dell’Eucaristia.
La prima lezione è il perdono. Tanto più essi saranno disposti a chiedere sinceramente perdono e ad accogliere il perdono dell’altro, quanto più diverranno una cosa sola, e la famiglia sarà come “la casa del Padre”, in cui si celebra la festa del perdono. Per poter vivere questa festa, passaggio fondamentale è quello di scoprire, accogliere e sperimentare la cortese misericordia divina. Sì la cortesia del perdono divino. Nella parabola del figliol prodigo, vediamo il Padre, che, commosso, corre incontro al figlio ritrovato, lo abbraccia, lo bacia, lo veste elegantemente (con le vesti più belle), lo riabilita pienamente, lo integra nella famiglia a pieno diritto, organizzando un grande banchetto, una grande festa. Quale bellezza manifesta il volto misericordioso di Dio Padre! Quale cortesia svela il Suo perdono!
La seconda lezione che ci viene offerta dal banchetto eucaristico è l’ascolto della Parola di Dio. Giovanni Paolo II, nella lettera apostolica “Novo millennio ineunte”, afferma che da sempre una tentazione insidia ogni cammino spirituale: quella di pensare che i risultati dipendano dalla nostra capacità di fare. Certamente Dio ci chiede una reale collaborazione alla sua grazia. Ma guai a dimenticare che “senza Cristo non possiamo far nulla” (cfr. Gv 15,5). La preghiera ci fa vivere questa verità. Essa ci ricorda costantemente il primato della vita interiore e della santità. Per cogliere il grande valore delle parole del Santo Padre, la famiglia deve vivere l’esperienza dei discepoli nell’episodio evangelico della pesca miracolosa: “Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla” (Lc. 5, 5). E’ quello il momento della fede, della preghiera, del dialogo con Dio, per aprire il cuore all’onda della grazia e consentire alla Parola di Dio di passare attraverso di noi con tutta la sua potenza.
Fu Pietro in quella pesca a dire la parola della fede: “Sulla Tua parola getterò le reti”. Sappiamo che, dopo tale atto di fede sulla parola del maestro, presero una quantità enorme di pesci a tal punto che le reti si rompevano. Ciò ci dice, che il primato della santità e della preghiera è concepibile solo a partire dall’ascolto della Parola di Dio. E’ necessario, pertanto, che l’ascolto della Parola di Dio diventi un incontro vitale nella vita della famiglia.
Il terzo grande insegnamento che riceviamo dall’Eucaristia è essere pane spezzato per gli altri. Qui troviamo il cuore e l’apice della vocazione matrimoniale. I coniugi hanno come vocazione, infatti, proprio quella di offrirsi totalmente l’uno all’altro nella verità e nell’amore di Dio, vivere per l’altro, essere fedeli fino in fondo, anzi fino in cima, all’altro; in altri termini i coniugi sono chiamati a farsi eucaristia l’uno per l’altro, per essere insieme pane spezzato per i propri figli e per il prossimo. Questo costituisce il più bel regalo che i genitori possono fare ai figli. Madre Teresa di Calcutta, parlando della famiglia, diceva proprio che non vi è regalo più bello che i genitori possono fare ai figli se non quello di volersi veramente bene. Il farsi eucaristia esige anche uno stile che caratterizzi le relazioni familiari: la cordialità e la fiducia reciproche.
Cordialità è una parola composta da due parole, cor-dialità e significa dare il cuore all’altro. La stessa etimologia di cordialità è presente nel verbo credere, cor-do, dare il cuore, mettere il cuore su qualcosa, su qualcuno. Cordialità e credere, quindi, significano mettere il cuore nell’altro, donare il cuore all’altro. Esse sono come due sorelle che devono sempre accompagnare le relazioni e gli atteggiamenti di una famiglia, perché costituiscono la cornice essenziale dell’Amore di Dio. Se la famiglia accoglierà queste tre grandi lezioni eucaristiche sarà un sacramento perenne, un segno visibile che Dio è amore e che l’amore è la Verità. Se la famiglia sarà sacramento, allora sarà anche una benedizione perenne per gli altri. Un giorno, un uomo piagato dalla malattia e dal dolore, mentre veniva accudito da Madre Teresa, le disse: “Madre non so se Dio esiste, ma se esiste sicuramente ha il suo volto”. Stupenda questa affermazione! Sarebbe veramente bello se la gente incontrando una famiglia cristiana potesse dire altrettanto. Questa è la grande “predicazione” quotidiana che la famiglia è chiamata a fare sull’ “altare” della vita di ogni giorno.
Contattaci

Home | Storia | Dove siamo | Cosa facciamo | Familiari FFB | Media | Powered by 7

da www.ffbetania.it/ del 21/02/2012


Ricerca catechesi

Ricerca fra tutte le catechesi il termine:
Ricerca su tutti gli articoli per parola chiave

Cuore Immacolato di Maria
P. Mario Piatti icms,
del 19/06/2012

IMMACOLATA, FESTA DI LUCE
Don Giovanni Frigerio, Assistente
da www.unitalsi.info del 06/12/2011

Lo Scapolare del Carmelo
Padre Raffaele Amendolagine
del 11/07/2011

Cristo apparve per primo a Maria
Giovanni Paolo II
da Sito La Santa Sede del 21/05/1997

La perfetta santità di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1252-1254

La «Piena di grazia»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1191-1193

La nuova «Figlia di Sion»
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1120-1123

La figlia di Sion
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 1070-1073

Nobiltà morale della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 952-954

Donne impegnate nella salvezza del popolo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 851-854

La maternità viene da Dio
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 502-505

Annuncio della maternità messianica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 164-167

Maria nel Protovangelo
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XX/1 (1996) p. 115-117

Maria in prospettiva trinitaria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 46

Scopo e metodo dell'esposizione della dottrina mariana
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XIX/1 (1996) p. 9-12

Ruolo della donna alla luce di Maria
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1318-1321

Maria e il valore della donna
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1276-1279

Influsso di Maria nella vita della Chiesa
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/1 (1995) p. 1181-1184

Maria nella Sacra Scrittura e nella riflessione teologica
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 1040-1043

Il ruolo materno di Maria nei primi secoli
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 362-365.

LA PRESENZA DI MARIA NELLA STORIA DELLA CHIESA
Giovanni Paolo II
da Insegnamenti di Giovanni Paolo II, XVIII/2 (1995) p. 304-307.

MARIA, DONNA DI FEDE
MARIO SCUDU sdb
da www.donbosco-torino.it

MARIA NELLA MIA VOCAZIONE
M.Caterina Muggianu

PRENDETE IL ROSARIO E PREGATE
M.Caterina Muggianu

Maria, “Donna” dello Spirito
don Luciano Alimandi
da Agenzia Fides

Omaggio dei cuori a Maria.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 32 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

SECONDO DISCORSO DI NATALE (parziale)
San Leone Magno
del 29/12/2011


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

L'amicizia di Dio
Dal trattato «Contro le eresie» di sant'Ireneo, vescovo (Lib. IV, 13, 4-14, 1; Sc 100, 534-540)
da Liturgia delle ore del 25/02/2012


In tutto sono state trovate 1 catechesi.

In tutto sono state trovate 0 catechesi.

La Scuola della Pace II Anno – Novembre 2017
M. Caterina Muggianu
da - del 13/11/2017

Intercessione – espiazione –accoglienza per la Pace
Maria Caterina Muggianu
da - del 12/02/2014

AI PIEDI DI GESÙ PER COSTRUIRE LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

DESIDERO DARVI LA PACE
M.Caterina Muggianu
da - del 01/01/1900

CE LO DICONO I SANTI
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

COME REAGIRE A QUANTO CI FA PERDERE LA PACE
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900

LA PACE INTERIORE CAMMINO DI SANTITÀ
Padre Jacques Philippe
da - del 01/01/1900


In tutto sono state trovate 8 catechesi.

Nessun bambino si sveglia all’amore
Don Arturo Bellini
del 14/10/2013

Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.
Padre Giulio Maria Scozzaro
del 21/08/2011

XXVIII DOMENICA TEMPO ORDINARIO -
www.catechistaduepuntozero.it
del 06/10/2010

Festa della SANTISSIMA TRINITÀ
don Vigilio Covi
del 25/05/2010

Ricordiamo la prima effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente.
padre Felice dell'Eremo di Sant'Alberto a Sestri Ponente.


In tutto sono state trovate 6 catechesi.

«Pregando apriamo una finestra verso il cielo»
Benedetto XVI - Udienza Generale30 novembre 2011
da L'Avvenire

Nulla è impossibile a Dio
don Tiziano Soldavini - Piccoli Apostoli Divina Misericordia Amore Eucaristico Con Maria
da Il Seme della Parola del 11/05/2011

La preghiera di intercessione:
Carlo Maria Martini

Il Padre nostro
don Nicola Ban
del 29/03/2009

Lettera sulla preghiera
Mons. BRUNO FORTE Vescovo


In tutto sono state trovate 9 catechesi.

COME IL PADRE VOSTRO CELESTE.
P. Giovannino Tolu


In tutto sono state trovate 2 catechesi.

L’EUCARISTIA spiegata ai bambini
M. Caterina Muggianu
del 17/03/2017

VIVERE L’EUCARESTIA
Pier Giuseppe Accornero
da Tratto dalla rivista “Maria Ausiliatrice” ottobre 2005 del 04/09/2011

EUCARESTIA ANNUNCIO DEL REGNO E MISSIONE
Don Rodolfo Reviglio
da Tratto da: “Maria Ausiliatrice” Torino 11/2005 del 04/09/2011

DIRETTORIO PER L’ADORAZIONE IN SPIRITO E VERITA’
San Pietro Giuliano Eymard
del 04/09/2011

CHE COS’E’ L’EUCARISTIA?
Dell’Arcivescovo Angelo Comastri
del 04/09/2011

FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME (Lc 22, 19)
P. Giovannino Tolu
del 30/03/2010


In tutto sono state trovate 11 catechesi.
_____________________________