Santuario di Oropa

Iscriviti alla Newsletter
Home Page >  Santuario di Oropa

Santuario di Oropa - (IV secolo) Patrimonio dell’Umanità (UNESCO)


Il Santuario di Oropa



Dove si trova
Il Santuario di Oropa dedicato a Nostra Signora di Oropa si adagia maestoso nella stupenda conca d’Oropa, a quota 1200 metri. Il complesso del Santuario dista una decina di Km da Biella, sulla Strada Statale 144. Si può raggiungere Oropa comodamente con le auto o con l’autobus di linea che parte da Biella con una buona frequenza oraria.

Il Santuario

Highslide JSIl Santuario è costituito da un maestoso complesso di edifici, frutto dei disegni dei più grandi architetti sabaudi che hanno contribuito a progettare e a realizzare l’insieme degli edifici, tra la metà del XVII e del XVIII secolo.
Una imponente doppia fila di fabbricati ornati di archi e portici, sale lungo la china della montagna e racchiude quattro ampi piazzali a terrazza, che si susseguono. Oltre alla bellezza della costruzione, gli edifici sono stati concepiti con un forte senso pratico adeguato alle esigenze della montagna. Ampi portici, loggiati e gallerie consentono ai pellegrini, anche nei tempi invernali o nelle giornate di pioggia, di spostarsi, al riparo, in tutto il Santuario e accedere alla Basilica Antica, ai locali di ristoro, agli alloggi, ai negozi. Appena attraversata la maestosa cancellata dell’ingresso, a sinistra si trova subito l’ufficio Accoglienza. Sotto i portici s’affacciano, inoltre, negozi di alimentari, ristoranti, bar, oggetti religiosi e l’Ufficio Postale.
I primi due piazzali, sono collegati da una rampa. Un fabbricato trasversale separa questo ambiente dal terzo cortile al quale si accede attraverso un monumentale scalone in cima al quale troneggia la Porta Regia, voluta dal Cardinale Maurizio di Savoia. Così chiamata perché sul fastigio porta lo stemma del re Vittorio Amedeo II di Savoia. L’atrio della scalinata è rivestito da lapidi che celebrano le visite compiute da personaggi illustri come quella di Guglielmo Marconi del 1894, che concepì proprio ad Oropa l’invenzione del telegrafo senza fili. Scrisse Guglielmo Marconi:
"Nell'estate del 1894 dall'alta montagna d'Oropa contemplando il biellese pensai che l'uomo potesse trovare nello spazio nuove energie nuove risorse e nuovi mezzi di comunicazione".
Highslide JS Questo imponente piazzale costituisce il chiostro della Basilica Antica che conserva al suo interno il Sacello eusebiano decorato con preziosi e splendidi affreschi del trecento. All’interno del Sacello è custodita la statua della Madonna Nera
A sinistra si estendono le stanze che compongono il Padiglione Reale, edificato per servire da alloggio ai membri della Casa Savoia, che spesso amavano intrattenersi al Santuario di Oropa. I legami tra il Santuario d’Oropa e la Reale Casa di Savoia sono molto antichi. Appesi alle pareti dell’appartamento Reale vi sono i ritratti di tutti i re di Sardegna e d’Italia fino all’ultimo Re Umberto II.
Nel mezzo del terzo cortile, solenne chiostro intorno alla Basilica Antica è situata una caratteristica fontana detta “Burnell”
Nel lato a nord del sacro cortile si accede allo scalone che conduce al piazzale sovrastante e alla maestosa Basilica Superiore, consacrata nel 1960, che si erge sullo sfondo della montagna del Mucrone, con la sua magnifica cupola alta, da terra, 86 metri.
Tutto il complesso è coronato dalle cime del Mucrone, il Rosso, la Ceva, il Cammino e il Tovo. Dietro la Basilica, la funivia permette di raggiungere le montagne.
Secondo la tradizione l’origine del Santuario è da collocarsi nel IV secolo, ad opera di S. Eusebio, primo vescovo di Vercelli. I primi documenti scritti che parlano di Oropa, risalenti all’inizio del XIII secolo, riportano l’esistenza delle primitive Chiese di Santa Maria e di San Bartolomeo, di carattere eremitico, che costituivano un punto di riferimento fondamentale per i viaggiatori che transitavano da est verso la Valle d’Aosta.
Lo sviluppo del Santuario subì diverse trasformazioni nel tempo, fino a raggiungere le monumentali dimensioni odierne tramutandosi da luogo di passaggio a luogo di destinazione per i pellegrini animati da un forte spirito di devozione.
Highslide JS La chiesa della Madonna Nera Cuore spirituale del Santuario, la Basilica Antica è stata realizzata nel Seicento, in seguito al voto fatto dalla Città di Biella in occasione dell'epidemia di peste del 1599. Nel 1620, con il completamento della Chiesa, si tenne la prima delle solenni incoronazioni che ogni cento anni hanno scandito la storia del Santuario. La facciata, progettata dall'architetto Francesco Conti, semplice nell'eleganza delle venature verdastre della pietra d'Oropa, è nobilitata dal portale, più scuro, che riporta in alto lo stemma sabaudo del duca Carlo Emanuele II, sorretto da due angeli in pietra. La scritta impressa sulla facciata della Basilica antica: "O quam beatus, o Beata, quem viderint oculi tui": "Oh, davvero è beato, o Vergine Beata, colui sul quale si posano i tuoi occhi", dai primi decenni del sec. XVII è il saluto augurale che il pellegrino, raggiunta la meta, riceve varcando la soglia della Basilica.
Innalzata sul luogo dove sorgeva l'antica chiesa di Santa Maria, conserva al suo interno, come un prezioso scrigno, il sacello eusebiano. Nella calotta e nelle pareti interne del Sacello sono visibili preziosi affreschi risalenti al Trecento, opera di un ignoto pittore, detto il Maestro di Oropa.
Highslide JS Nel 1957 Pio XII la decorò del titolo di “Basilica Minore Pontificia”
All'interno del Sacello è custodita la statua della Madonna Nera, realizzata in legno di cirmolo dallo scalpello di uno scultore valdostano nel XIII secolo. Il manto blu, l'abito e i capelli color oro fanno da cornice al volto dipinto di nero, il cui sorriso dolce e austero ha accolto i pellegrini nei secoli. E’ stato constatato che sul viso della Madonna e del Bambino, non si posa mai la polvere. Il fatto è attestato pubblicamente dal can. Agostino Penna. La statua, nonostante i secoli, non presenta alcun segno di logoramento. Il suo piede, nonostante l’uso di essere toccato ripetutamente dai pellegrini, anche con oggetti ricordo, non presenta neppure un graffio. Nel 1621 furono fatti due tentativi, in tempi diversi, per trasportare la Sacra Statua in località più vicina a Biella; uno dalla parte di Cossila, l’altra verso Pralungo. Ma tutte e due i tentativi fallirono: a poca distanza dal Santuario la Statua diventò così pesante che i portatori non poterono continuare il trasporto. Perdette il peso straordinario solo quando si accinsero a riportarla al suo primitivo sacello.
Il simulacro rappresenta la Madonna nel mistero della presentazione del Bambino al Tempio e della sua Purificazione. Infatti il Bambino reca la colomba e la Vergine stende il braccio destro con la palma della mano a racchiudere le monete dell’offerta.
Highslide JS (Il prezioso pomo in oro, sormontato dalla croce tempestata di diamanti , che porta ora è un oggetto votivo posteriore). Fino a poco tempo fa, sul capo della Madonna vi erano posate tre corone, omaggio delle secolari incoronazioni e tanti preziosi gioielli ornavano il suo petto.
I suoi tratti e l’espressione del volto, come pure il drappeggio delle vesti richiamano caratteri arcaici ed orientali. Anche l’espressione del Bambino, che non ha tratti infantili ma di un piccolo uomo, richiama le antiche icone.
Secondo la tradizione, la statua venne portata da Sant'Eusebio dalla Palestina nel IV secolo d.C. mentre fuggiva dalla furia della persecuzione ariana; adoperandosi per la diffusione della devozione mariana, Sant'Eusebio avrebbe nascosto la statua tra le rocce dove ora sorge la Cappella del Roc, costruita nella prima metà del Settecento dagli abitanti di Fontainemore, località valdostana ancora oggi fortemente legata al Santuario dall'antica processione che si snoda ogni cinque anni tra i monti che separano le due vallate.
In seguito S.Eusebio trasferì il S.Simulacro più a sud presso un più grande masso che, successivamente venne quasi tutto demolito per la costruzione della Basilica. A lato nord se ne vedono ancora i resti. La primitiva chiesa di Oropa è il Saccello che ancora possiamo ammirare. Al lato sinistro si legge una lapide che porta questa scritta: “ Questo Saccello fondato dal Beato Eusebio è conservato intatto perché nulla perisse dell’antichissima devozione, offre alla venerazione dei fedeli la Sacra Immagine della Madre di Dio da circa milletrecento anni incorrotta. 1593”
Un’altra iscrizione, composta da due distici latini, sopra la porta di ingresso del Saccello, dice: “ O forestiero, ferma il passo! Abbi timore di entrare ne Saccello dove il pio Eusebio portò la statua veneranda. La portò e la venerò; lo attesta la cripta. Perché dubiti? Il simulacro della Vergine comincerà a dirti questo.”
Durante i lavori di restauro eseguiti nei primi mesi del 2005, sono emerse sulla volta decorazioni risalenti al XVII secolo, caratterizzati da motivi floreali giallo ocra su campo di colore azzurro, recente scoperta di un passato che ha ancora misteri da svelare.

Highslide JS


Oltre l'imponente scalinata che si apre a monte del Piazzale Sacro, lo sguardo si apre verso la Basilica Superiore, costruzione dalle proporzioni monumentali che si trova allo stesso tempo in rapporto di armonia con le alte montagne circostanti e in lieve contrasto con la dimensione spirituale e raccolta dell'Antica Basilica. L'esigenza di costruire una nuova chiesa, considerato l'elevato numero di pellegrini che si recavano in preghiera al Santuario, venne avvertita sin dal XVII secolo, quando si iniziò a discutere del progetto di realizzazione. Sul finire dell'Ottocento, venne scelto il progetto dell'architetto Ignazio Amedeo Galletti (1726-1791), elaborato un secolo prima, e, proseguendo lo sviluppo del Santuario verso Nord, venne deviato il torrente Oropa per disporre dello spazio necessario. Posata la prima pietra nel 1885, i lavori proseguirono con molta difficoltà attraverso le due guerre mondiali, coinvolgendo numerosi e qualificati consulenti tecnici. La cupola, che si eleva per oltre 80 m dal pavimento, fa da corona all'imponente monumento, che venne consacrato nel 1960.
Tre grandi portali in bronzo, preceduti da un ampio pronao, descrivono la storia del Santuario, dalle origini eusebiane fino alla costruzione della Chiesa Nuova, sulla quale aprono l'accesso. Un ampio spazio ottagonale, sovrastato dalla cupola sorretta da alte colonne tra le quali si aprono sei cappelle dedicate alla storia della vita della Vergine, accoglie i visitatori all'interno dell'ampia e grandiosa sala. L'altare maggiore, posto al centro della sala minore, è sormontato dall'aereo ciborio, moderna opera dell'artista milanese Gio Ponti. La Basilica Superiore è un' opera grandiosa voluta dalle ultime generazioni di biellesi e da tanti devoti alla Vergine Bruna, la cui testimonianza è stata lasciata nella sottostante cripta del suffragio, che accoglie nei suoi rivestimenti marmorei i nomi scolpiti dei devoti; si può qui ammirare un'interessante e rara collezione di presepi provenienti da tutto il mondo, testimonianza di fede e di svariate culture che hanno attraversato i confini del tempo e dello spazio per giungere nelle braccia della Madonna Nera di Oropa.


Informazioni e contatti
Highslide JS Ufficio Accoglienza - info@santuariodioropa.it +39 015.25551200 2
Ufficio Amministrazione - amministrazione@santuariodioropa.it +39 015.25551202 3
Ufficio Offerte e Sante Messe - oropamesse@santuariodioropa.it +39 015 25551222 4
Canonico Rettore - segreteriarettore@santuariodioropa.it +39 015.25551220 5
Istituto Figlie di Maria +39 015.25551223 6
Oropa Dimensione Giovani +39 015.25551220



 
Come arrivare
Il Santuario di Oropa dista da Biella una decina di Km. Si deve percorrere la statale 144.
Si può giungere a questo Santuario in autobus utilizzando la linea 2, che parte dalla stazione ferroviaria S. Paolo di Biella.
Biella è connessa all'autostrada A4 Torino - Milano ai Caselli di Santhia e Carisio.
La linea ferroviaria di Biella è collegata alla stazione di Santhià e a quella di Novara.

Mappa per raggiungere il santuario Visualizza la mappa del santuario

 

Accoglienza
Highslide JS Il Santuario di Oropa è in grado di offrire ospitalità a pellegrini e turisti. Sono a disposizione numerosi posti letto e oltre 300 camere suddivise in varie tipologie, confortevoli ed eleganti, arredate con mobili d’epoca, con bellissima vista sul Santuario e sulle montagne. Offre, inoltre, sale convegni dotate di moderne attrezzature multimediali. Nella zona del Santuario sono presenti, inoltre, numerosi ristoranti e trattorie, due bar, un ufficio postale e diversi negozi.



 

Orario Sante Messe
Highslide JSOrari sante Messe
   Basilica Antica: festivi 7.30 - 9.00 - 10.30 - 16.30 - 18.15 (15.15 S. Rosario e Vespri)
                          feriali 7.10 Lodi - 7.30 -. 9.00 - 10.30 - 16.30 - 18.15 (prefestiva)

   Basilica Superiore: festivi 11.45 (da maggio a Settembre ore 10.00 funzioni pellegrinaggi)
                          Feriali 11.30 – Luglio Agosto

Confessioni
   Basilica antica: Tutti i giorni dsalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 19
   Basilica superiore: festivo mezz’ora prima della S.Messa



Tradizioni
Highslide JS E’ usanza plurisecolare che le Parrocchie della Diocesi di Biella e di quelle vicine, ogni anno salgano in processione, insieme ai loro Parroci a compiere il pellegrinaggio al Santuario. Così, ogni domenica, soprattutto da Maggio a Settembre, si svolgono al Santuario diverse processioni, Particolarmente significativa è la processione di Fontainemore dell’attigua valle del Lys, che si rinnova ogni 5 anni, e le cui testimonianze scritte più antiche risalgono alla seconda metà del Cinquecento.
Dall'estero fanno ritorno gli emigrati; ogni famiglia fa in modo che almeno un paio dei suoi membri partecipino. La partenza è fissata dal villaggio di Pillaz; si percorrono mulattiere e sentieri, si costeggiano i laghi alpini Vargno, Lé Lounc e Barma per giungere, quando è ancora buio, al colle della Barma (m 2261). Di qui inizia la discesa sul versante biellese. Il percorso procede tra soste, canti e predicazioni dei sacerdoti; dopo circa dodici ore di cammino i pellegrini giungono al santuario: a due a due si inginocchiano e ne baciano la soglia.

 


Pubblicazioni
Periodico: Eco del Santuario di Oropa e tanti libri che si possono acquistare nei vari negozi


Feste locali
La festa principale del Santuario è il 14 – 15 agosto, festa dell’Assunzione di Maria al Cielo con omaggi floreali alla Madonna e fiaccolata serale.


Nei dintorni
Highslide JS Annesse al Santuario sono queste altre strutture:
  • Il Sacro Monte, che è composto da diciannove Cappelle dedicate alla vita della Vergine e popolate di statue scolpite a partire dal 1620.

  • Il giardino Botanico, Oasi WWF che tutela e promuove la conoscenza della flora alpina ed organizza esposizioni ed attività didattiche.

  • Il Cimitero monumentale, circondato da un portico semicircolare, nel cui centro spicca una Chiesetta con un bel gruppo della Deposizione dell'Antonino. In questa Cappella riposano: Mons. Pietro Losana e Mons. Natale Serafino Vescovi di Biella, Mons. Carlo Montagnini, il prelato che rappresentava la S. Sede a Parigi. È abbellito da statue e bassorilievi, opere di artisti moderni. Tra i mausolei si evidenzia quello a forma piramidale dello statista Quintino Sella.

  • Una funivia parte dal Santuario di Oropa e arriva a 1.900 Mt. del rifugio Savoia. Da questo rifugio si può raggiungere con una breve passeggiata il lago Mucrone, oppure, grazie a una cabinovia, salire al monte Camino, quota 2.400 Mt.



Prodotti tipici della zona
Intorno al complesso del santuario vi sono vari ristoranti dove poter gustare prodotti tipici come la famosa Polenta Concia prodotta con farina di mais bramata macinata a pietra, condita con una sapiente miscela di tome fresche non salate e burro abbrustolito.
Tra le altre specialità la selvaggina: cinghiale, capriolo, cervo, gli antipasti caldi e freddi preparati secondo stagione, i dolci della zona.
Gli speciali vini piemontesi e le grappe aromatizzate.


Curiosità
Highslide JS

Esiste all'interno del Santuario di Oropa:

  • Il "Museo dei tesori", inaugurato nel 2003 raccoglie ori, gioielli, paramenti liturgici e altri oggetti di valore storico, tra i quali spicca il calice in argento dorato con brillanti e rubini offerto dalla regina Maria Cristina di Borbone nel 1836. Oppure il grande ostensorio in argento dorato tempestato da circa 800 pietre preziose offerte nell’anno 1700 da Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemour, madre di Vittorio Amedeo II. Prezioso cimelio è una pianeta che fu confezionata con il manto del Beato Amedeo IX.
  •  
  • Le Gallerie ex voto nelle quali sono esposte tavolette con pitture commemorative che venivano consegnate al Santuario dal fedele, come segno di ringraziamento per la grazia ricevuta. Se ne possono contare circa un migliaio. Nell’antichità queste opere venivano appese all’interno del Sacello e nelle pareti della Basilica che ne era totalmente tappezzata.
  • Highslide JS  
  • La Biblioteca e archivio storico, ricca di volumi del sei e settecento tra i quali la Bibbia poliglotta, di oltre 5000 volumi di natura umanistica e scientifica e molti altri.
  •  
  • Un osservatorio meteo-sismico fondato nel 1874 dal padre barnabita Francesco Denza di Napoli. L'osservatorio di Oropa fa parte della rete meteo del Piemonte e della rete sismica nazionale.







Testi di: Maria Caterina Muggianu
foto di: Salvo Ariano




Il Santuario di oropa


 


  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...
Il breviario on line, già integrato con “il proprio” del tempo, delle solennità e memorie, per pregare con tutta la Chiesa.
I miracoli Eucaristici.
Le preghiere eucaristiche.
Il Magistero sull’Eucaristia.
Le Meditazioni e canti eucaristici.
S.Rosario on line multimediale interattivo.
S.Rosario accompagnato da diverse meditazioni.
S.Rosario con Giovanni Paolo II.
Il Santo Rosario negli insegnamenti della Chiesa.
Compendio di preghiere divise per tema, con funzione di ricerca.
Preghiere in MP3
Inserisci le tue richiesta di preghiera, l'intero Movimento Orante ed alcuni importanti santuari, come quello di Fatima in Portogallo, o Lourdes in Francia, o la Grotta del Latte in Terra Santa si impegnano a pregare per te.
Per ogni richiesta di preghiera viene anche accesa una candela in ciascuna delle quattro cappelle virtuali di Regina Mundi
Per accendere una candela secondo le vostre intenzioni.
Cappella Madre della Speranza.
Cappella del Crocifisso.
Cappella di San Giuseppe patrono della famiglia.
Cappella si San Michele Arcangelo..
I preziosi insegnamenti della Chiesa Cattolica, trasmessi dai Papi più recenti, attraverso Encicliche, Esortazioni Apostoliche, Lettere Apostoliche, Discorsi, Omelie e documenti vari.
Articoli e documenti che testimoniano il cammino verso l’unità della Chiesa, secondo il volere di Gesù Cristo: "La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuor solo e un'anima sola" (At 4, 32)»
Omelie e catechesi di autori vari, su temi riguardanti la Parola di Dio, la preghiera, la fede, la Chiesa, la famiglia e l'etica.
Commento al Vangelo della Domenica e delle solennità, in MP3 scaricabili.
di don Fabio Rosini e di Padre Giovannino Tolu.
La Bibbia proclamata dai nostri lettori in MP3 scaricabile. Il progetto, iniziato nell’ottobre del 2009 continua ancora oggi con la pubblicazione di un capitolo al giorno. Può leggere chi ne fa richiesta.
Medaglia Miracolosa.
Divina Misericordia.
Orazioni di Santa Brigida.
Via Crucis.
Via Lucis.
Perdono di Assisi.
Maria Ausiliatrice

Un dettagliato studio circa l'esistenza del Purgatorio e la validità della preghiera di intercessione per i defunti.
Vasta raccolta di Immagini e lettura di sacre icone Bizantine, italiane Russe, mediorientali
Nostra Signora di Fatima: la storia, Gli appelli del Messaggio di Fatima in MP3 Preghiere,Video.
Collegamento in diretta con il santuario di Fatima.
Consacrazione dell’Italia al Cuore Immacolato di Maria.
La Regina della Pace- Medjugorje: Le apparizioni, la storia.
Preghiere.
Ultimo Messaggio.
Raccolta dei Messaggi.
Nostra Signora di Lourdes: la storia, la gallery, il collegamento in diretta con il santuario.
Il santo Rosario in video.
Nostra Signora della Salette: la storia.
Ampia presentazione di Santuari Mariani.
Immagini, foto e statue mariane di particolare bellezza e devozione
Un Volto da contemplare: una carellata di opere di incommensurabile bellezza accompagnate da una meditazione tratta dalla Lettera Apostolica Novo Millennio Inenunde di Giovanni Paolo II.
Meditazioni mariane in MP3
Biografia e scritti in MP3 scaricabili e Video.
S.Paolo Apostolo.
S.Teresina del Bambin Gesù.
S.Padre Pio.
S.Faustina Kowalska.
S.Giovanni della Croce.

e altri in preparazione.
Piccole biografie dei Testimoni della fede Cristiana, martirizzati nel nostro tempo Articoli, Videoteca, Insegnamenti della Chiesa, Preghiere.
I Cristeros: ampio servizio sui martiri Cristiani del XX secolo in Messico.
Servizi audio e video sui Papi del nostro tempo.
Pio XII.
Giovanni XXIII.
Paolo VI.
Giovanni Paolo I.
Giovanni Paolo II.
Benedetto XVI.
Le udienze generali in MP3 scaricabili in .pdf e .mp3
Catechesi di Benedetto XVI sui Padri della Chiesa in MP3 scaricabili.
Mini biografie di sacerdoti santi del nostro tempo.
I doni dello Spirito Santo, Le armi della Luce, La porta della Vita di don Fabio Rosini.
Il discermineto, la vita spirituale di padre M.I. Rupnik.
Il Vangelo secondo Marco di padre Diego Sorbello O.F.M.Cap.
La conversione di padre Dario Betancourt
Il Padre Nostro di padre Paolo Garutti
Maria nel Mistero Cristiano di Mons. Anotnino Raspanti
Il Crocifisso di San Damiano di padre Francesco Patton
Meditazioni in mp3 di autori vari.
Raccolta di brani di Musica sacra.
Collezione di canti di Natale. Ninna nanne sarde.
Poesie multimediali scaricabili, per essere inviate a chi si vuol bene.
I salmi.
Preghiere Varie.
Prega subito il Rosario on Line interattivo mp3.
Video podcast: video mariani, video sui Papi, Don Tonino Bello, Padre Mariano da Torino,Padre Pio, Madre Teresa di Calcutta e altri.
Audio podcast: canti gregoriani, Le più belle musiche, canti di adorazione, musiche da Medjugorje, testimonianze e altri.
Uniti per inondare il mondo con parole di Vita per ridare al mondo la gioia di vivere.
i Contatti di Regina Mundi
Carrellata di fotografie in musica, per aprirsi alla meraviglia.
Poesie multimediali scaricabili, per essere inviate a chi si vuol bene.
Spazio dedicato a chi desidera pubblicizzare i pellegrinaggi di fede e di preghiera.
Servizio gratuito.
Presentazione di opere artistiche cristiane:
Quadri
Presepi
Spazio dedicato ai Consacrati secolari CMOP.
Riflessioni, giornalino
Rassegna stampa Cattlica. Selezione di autorovoli articoli di ispirazione cattolica a carattere sociale, culturale, religioso e scientifico.
Raccolta degli approfondimenti di Regina Mundi: da un approfondito studio sul Purgatorio alle icone su San Paolo, all'epopea dei Cristeros al Presepio aertistico e molto altro ancora...
Desktop gratis
Segnalibri artistici
Power point gratis
Siti segnalati da Regina Mundi