I Cristeros e la Cristiada la grande battaglia per Cristo e la Fede
 

I Cristeros: Parte IV

La situazione attuale

A chi o a che cosa sono serviti tutti questi morti?


ASe veramente crediamo nelle parole di Gesù e veramente nel nostro cuore alberga la Speranza, allora non possiamo che essere d'accordo con un mio amico sacerdote mercedario, che in occasione di ogni funerale incoraggia sempre così i parenti del caro estinto: "Fatevi coraggio, noi non siamo dei condannati a morte, ma degli invitati ad un eterno Banchetto di letizia.". La nostra esistenza su questa terra, in ultima analisi, si riduce ad essere una breve parentesi nella nostra vera vita, che inizia nel momento stesso in cui Dio ci pensa. Veniamo a questo mondo per compiere una missione specifica, la "volontà di Dio"; essa si inquadra nel piano dell’amore globale di Dio verso le sue creature, che coincide con l'essenza stessa del bene, di ciò che è giusto, di ciò che, se avessimo la piena consapevolezza, sceglieremmo pure noi. I martiri del Messico sono senz'altro stati un luminosissimo esempio di fronte a Dio, agli uomini e agli angeli. Adesso i martiri Cristeros certamente partecipano alla gloria di Dio, in quell'unica vera Vita che ha senso vivere per l'eternità. Il loro sacrificio è stato tutt'altro che vano; da parte loro, con la palma del martirio hanno fino in fondo compiuto la volontà di Dio, ritornando alla Vita eterna. Per noi che siamo in cammino su questa terra sono stati un grande esempio, una testimonianza, una pungente spina nel fianco di quelle coscienze che malgrado tutto vogliono rimanere sopite. Una ulteriore prova concreta, malgrado ogni tentativo di mistificazione, che la Verità esiste e che essa si difende da sola. "Il fatto che la verità non regge per mezzo della violenza, ma per mezzo del suo stesso potere, e il contenuto centrale del Vangelo di Giovanni: davanti a Pilato, Gesù si definisce La Verità e testimone della verità. Ed egli difende la verità non con le legioni, ma la rende visibile attraverso la sua passione e con essa la rende operante."(Benedetto XVI, la luce del mondo. Il Papa, la Chiesa i segni dei tempi). Le parole del Santo Padre spiegano nel modo più sublime quanto ancora più alto e denso di significato sia stato per noi, che viviamo questi tempi, il martirio di tutte quelle persone che obbedendo agli ordini dei loro vescovi, hanno accettato, senza difendersi, un’atroce morte testimoniando ancor di più l'amore per Dio. La verità non regge per mezzo della violenza, ma per mezzo del suo stesso potere; nessun massone, nessuna intolleranza verso la Verità riusciranno mai a velare lo splendore di un amore così grande da portare una creatura fino all'oblazione della sua vita stessa. Non siamo su questa terra per fare trionfare ciò che crediamo vero ed ottenere questo come un risultato nostro da passare alla posterità, ma per amore del Signore, perché Egli stesso, amandoci, attraverso di noi manifesti il Suo Amore, per la Sua gloria che è il trionfo del Bene. I santi martiri del Messico lo hanno pienamente dimostrato, essi non sono morti soltanto per il diritto a dirsi Cattolici nel loro paese, ma per la libertà dell'umanità intera.



Piccola Cristera
Piccola Cristera

Vai alla pagina successiva...




  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...
I Cristeros, martiri Cristiani e la Cristiada: A chi o a che cosa sono serviti tutti questi morti?