Su Regina Mundi :
Home page
Chi Siamo, la Comunita' di Regina Mundi
magistero della Chiesa Concili Ecumenici Magistero della Chiesa | Concili Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
Nelle Mani di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualita' e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





La Bibbia - II Samuele

    Scarica come MP3


Samuele capitolo IX




[1] Davide disse: "Č forse rimasto qualcuno della casa di Saul, a cui io possa fare del bene a causa di Giōnata?".

[2] Ora vi era un servo della casa di Saul, chiamato Zibā, che fu fatto venire presso Davide. Il re gli chiese: "Sei tu Zibā?". Quegli rispose: "Sė".

[3] Il re gli disse: "Non c'č pių nessuno della casa di Saul, a cui io possa usare la misericordia di Dio?". Zibā rispose al re: "Vi č ancora un figlio di Giōnata storpio dei piedi".

[4] Il re gli disse: "Dov'č?". Zibā rispose al re: "Č in casa di Machėr figlio di Ammičl a Lodebār".

[5] Allora il re lo mandō a prendere in casa di Machėr figlio di Ammičl a Lodebār.

[6] Merib-Bāal figlio di Giōnata, figlio di Saul, venne da Davide, si gettō con la faccia a terra e si prostrō davanti a lui. Davide disse: "Merib-Bāal!". Rispose:

[7] "Ecco il tuo servo!". Davide gli disse: "Non temere, perché voglio trattarti con bontā per amore di Giōnata tuo padre e ti restituisco tutti i campi di Saul tuo avo e tu mangerai sempre alla mia tavola".

[8] Merib-Bāal si prostrō e disse: "Che cos'č il tuo servo, perché tu prenda in considerazione un cane morto come sono io?".

[9] Allora il re chiamō Zibā servo di Saul e gli disse: "Quanto apparteneva a Saul e a tutta la sua casa, io lo dō al figlio del tuo Signore.

[10] Tu dunque con i figli e gli schiavi lavorerai per lui la terra e ne raccoglierai i prodotti, perché abbia pane e nutrimento la casa del tuo signore; quanto a Merib-Bāal figlio del tuo signore, mangerā sempre alla mia tavola". Ora Zibā aveva quindici figli e venti schiavi.

[11] Zibā disse al re: "Il tuo servo farā quanto il re mio signore ordina al suo servo". Merib-Bāal dunque mangiava alla tavola di Davide come uno dei figli del re.

[12] Merib-Bāal aveva un figlioletto chiamato Micā; tutti quelli che stavano in casa di Zibā erano al servizio di Merib-Bāal.

[13] Ma Merib-Bāal abitava in Gerusalemme perché mangiava sempre alla tavola del re. Era storpio di ambedue i piedi.



Legge: Monica - Milano (Lombardia)

Se non riuscite ad ascoltare i file audio dovrete installare sul vostro computer il flash player per scaricarlo gratuitamente cliccate qua.

 




invia ad un amico




_____________________________