Su Regina Mundi :
Home page
Chi Siamo, la Comunita' di Regina Mundi
magistero della Chiesa Concili Ecumenici Magistero della Chiesa | Concili Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
Nelle Mani di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualita' e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





Esodo

    Scarica come MP3

 

 

CAPITOLO VII

 


[1] Quando Mosč ebbe finito di erigere la Dimora e l'ebbe unta e consacrata con tutti i suoi arredi, quando ebbe eretto l'altare con tutti i suoi arredi e li ebbe unti e consacrati,

[2] i capi di Israele, capi dei loro casati paterni, che erano capitribų e avevano presieduto al censimento, presentarono una offerta

[3] e la portarono davanti al Signore: sei carri e dodici buoi, cioč un carro per due capi e un bue per ogni capo e li offrirono davanti alla Dimora.

[4] Il Signore disse a Mosč:

[5] "Prendili da loro per impiegarli al servizio della tenda del convegno e assegnali ai leviti; a ciascuno secondo il suo servizio".

[6] Mosč prese dunque i carri e i buoi e li diede ai leviti.

[7] Diede due carri e quattro buoi ai figli di Gherson, secondo il loro servizio;

[8] diede quattro carri e otto buoi ai figli di Merari, secondo il loro servizio, sotto la sorveglianza di Itamar, figlio del sacerdote Aronne;

[9] ma ai figli di Keat non ne diede, perché avevano il servizio degli oggetti sacri e dovevano portarli sulle spalle.
[10] I capi presentarono l'offerta per la dedicazione dell'altare, il giorno in cui esso fu unto;

[11] i capi presentarono l'offerta uno per giorno, per la dedicazione dell'altare.

[12] Colui che presentō l'offerta il primo giorno fu Nacason, figlio di Amminadab, della tribų di Giuda;

[13] la sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[14] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[15] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[16] un capro per il sacrificio espiatorio

[17] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Nacason, figlio di Amminadab.

[18] Il secondo giorno, Netaneel, figlio di Suar, capo di Issacar, presentō l'offerta.

[19] Offrė un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[20] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[21] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[22] un capro per il sacrificio espiatorio

[23] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Netaneel, figlio di Suar.

[24] Il terzo giorno fu Eliab, figlio di Chelon, capo dei figli di Zābulon.

[25] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[26] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[27] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[28] un capro per il sacrificio espiatorio

[29] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Eliab, figlio di Chelon.

[30] Il quarto giorno fu Elisur, figlio di Sedeur, capo dei figli di Ruben.

[31] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[32] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[33] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[34] un capro per il sacrificio espiatorio

[35] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Elisur, figlio di Sedeur.

[36] Il quinto giorno fu Selumiel, figlio di Surisaddai, capo dei figli di Simeone.

[37] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[38] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[39] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[40] un capro per il sacrificio espiatorio

[41] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Selumiel, figlio di Surisaddai.

[42] Il sesto giorno fu Eliasaf, figlio di Deuel, capo dei figli di Gad.

[43] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[44] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[45] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[46] un capro per il sacrificio espiatorio

[47] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Eliasaf, figlio di Deuel.

[48] Il settimo giorno fu Elesama, figlio di Ammiud, capo dei figli di Efraim.

[49] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento del peso di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[50] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[51] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[52] un capro per il sacrificio espiatorio

[53] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Elesama, figlio di Ammiud.

[54] L'ottavo giorno fu Gamliel, figlio di Pedasur, capo dei figli di Manasse.

[55] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[56] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[57] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[58] un capro per il sacrificio espiatorio

[59] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Gamliel, figlio di Pedasur.
[60] Il nono giorno fu Abidan, figlio di Ghideoni, capo dei figli di Beniamino.

[61] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[62] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[63] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[64] un capro per il sacrificio espiatorio

[65] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Abidan, figlio di Ghideoni.

[66] Il decimo giorno fu Achiezer, figlio di Ammisaddai, capo dei figli di Dan.

[67] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[68] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[69] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[70] un capro per il sacrificio espiatorio

[71] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Achiezer, figlio di Ammisaddai.

[72] L'undicesimo giorno fu Paghiel, figlio di Ocran, capo dei figli di Aser.

[73] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[74] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[75] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[76] un capro per il sacrificio espiatorio

[77] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Paghiel, figlio di Ocran.

[78] Il decimosecondo giorno fu Achira, figlio di Enan, capo dei figli di Nčftali.

[79] La sua offerta fu un piatto d'argento del peso di centotrenta sicli, un vassoio d'argento di settanta sicli, secondo il siclo del santuario, tutti e due pieni di fior di farina intrisa in olio, per l'oblazione,

[80] una coppa d'oro di dieci sicli piena di profumo,

[81] un giovenco, un ariete, un agnello dell'anno per l'olocausto,

[82] un capro per il sacrificio espiatorio

[83] e per il sacrificio di comunione due buoi, cinque arieti, cinque capri, cinque agnelli dell'anno. Tale fu l'offerta di Achira, figlio di Enan.

[84] Questi furono i doni per la dedicazione dell'altare da parte dei capi d'Israele, il giorno in cui esso fu unto: dodici piatti d'argento, dodici vassoi d'argento, dodici coppe d'oro;

[85] ogni piatto d'argento pesava centotrenta sicli e ogni vassoio d'argento settanta; il totale dell'argento dei vasi fu duemilaquattrocento sicli, secondo il siclo del santuario;

[86] dodici coppe d'oro piene di profumo, le quali, a dieci sicli per coppa, secondo il siclo del santuario, diedero per l'oro delle coppe un totale di centoventi sicli.

[87] Totale del bestiame per l'olocausto: dodici giovenchi, dodici arieti, dodici agnelli dell'anno, con le oblazioni consuete, e dodici capri per il sacrificio espiatorio.

[88] Totale del bestiame per il sacrificio di comunione: ventiquattro giovenchi, sessanta arieti, sessanta capri, sessanta agnelli dell'anno. Questi furono i doni per la dedicazione dell'altare, dopo che esso fu unto.

[89] Quando Mosč entrava nella tenda del convegno per parlare con il Signore, udiva la voce che gli parlava dall'alto del coperchio che č sull'arca della testimonianza fra i due cherubini; il Signore gli parlava.

Legge: Antonio - Comunitā Meryem-ana, Foggia (Puglia)

Se non riuscite ad ascoltare i file audio dovrete installare sul vostro computer il flash player per scaricarlo gratuitamente cliccate qua.

 




invia ad un amico



Il materiale presente in questo sito ci č stato fornito dai membri della comunitā o č stato preso da internet; se inavvertitamente si fosse violato qualche copyright, il proprietario del diritto č pregato sentitamente di notificarlo all'email webmaster@reginamundi.info provvederemo immediatamente alla rimozione dei documenti protetti da copyright.