Su Regina Mundi :
Home page
Chi Siamo, la Comunita' di Regina Mundi
magistero della Chiesa Concili Ecumenici Magistero della Chiesa | Concili Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
Nelle Mani di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualita' e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





La Bibbia - Numeri

    Scarica come MP3


CAPITOLO XXVII




[1] Le figlie di Zelofcad, figlio di Efer, figlio di Gąlaad, figlio di Machir, figlio di Manąsse, delle famiglie di Manąsse, figlio di Giuseppe, che si chiamavano Macla, Noa, Ogla, Milca e Tirza,

[2] si accostarono e si presentarono davanti a Mosč, davanti al sacerdote Eleazaro, davanti ai capi e a tutta la comunitą all'ingresso della tenda del convegno, e dissero:

[3] "Nostro padre č morto nel deserto. Egli non era nella compagnia di coloro che si adunarono contro il Signore, non era della gente di Core, ma č morto a causa del suo peccato, senza figli maschi.

[4] Perché dovrebbe il nome del padre nostro scomparire dalla sua famiglia, per il fatto che non ha avuto figli maschi? Dacci un possedimento in mezzo ai fratelli di nostro padre".

[5] Mosč portņ la loro causa davanti al Signore.

[6] Il Signore disse a Mosč:

[7] "Le figlie di Zelofcad dicono bene. Darai loro in ereditą un possedimento tra i fratelli del loro padre e farai passare ad esse l'ereditą del loro padre.

[8] Parlerai inoltre agli Israeliti e dirai: Quando uno sarą morto senza lasciare un figlio maschio, farete passare la sua ereditą alla figlia.

[9] Se non ha neppure una figlia, darete la sua ereditą ai suoi fratelli.

[10] Se non ha fratelli, darete la sua ereditą ai fratelli del padre.

[11] Se non ci sono fratelli del padre, darete la sua ereditą al parente pił stretto nella sua famiglia e quegli la possiederą. Questa sarą per i figli di Israele una norma di diritto, come il Signore ha ordinato a Mosč".

[12] Il Signore disse a Mosč: "Sali su questo monte degli Abarģm e contempla il paese che io dņ agli Israeliti.

[13] Quando l'avrai visto, anche tu sarai riunito ai tuoi antenati, come fu riunito Aronne tuo fratello,

[14] perché trasgrediste l'ordine che vi avevo dato nel deserto di Sin, quando la comunitą si ribellņ e voi non dimostraste la mia santitą agli occhi loro, a proposito di quelle acque". Sono le acque di Mčriba di Kades, nel deserto di Sin.

[15] Mosč disse al Signore:

[16] "Il Signore, il Dio della vita in ogni essere vivente, metta a capo di questa comunitą un uomo

[17] che li preceda nell'uscire e nel tornare, li faccia uscire e li faccia tornare, perché la comunitą del Signore non sia un gregge senza pastore".

[18] Il Signore disse a Mosč: "Prenditi Giosuč, figlio di Nun, uomo in cui č lo spirito; porrai la mano su di lui,

[19] lo farai comparire davanti al sacerdote Eleazaro e davanti a tutta la comunitą, gli darai i tuoi ordini in loro presenza

[20] e lo farai partecipe della tua autoritą, perché tutta la comunitą degli Israeliti gli obbedisca.

[21] Egli si presenterą davanti al sacerdote Eleazaro, che consulterą per lui il giudizio degli Urim davanti al Signore; egli e tutti gli Israeliti con lui e tutta la comunitą usciranno all'ordine di Eleazaro ed entreranno all'ordine suo".

[22] Mosč fece come il Signore gli aveva ordinato; prese Giosuč e lo fece comparire davanti al sacerdote Eleazaro e davanti a tutta la comunitą;

[23] pose su di lui le mani e gli diede i suoi ordini come il Signore aveva comandato per mezzo di Mosč.


Legge: Giuseppe - Gioi, Salerno (Campania)


Se non riuscite ad ascoltare i file audio dovrete installare sul vostro computer il flash player per scaricarlo gratuitamente cliccate qua.

 




invia ad un amico




_____________________________