Su Regina Mundi :
Home page
Chi Siamo, la Comunita' di Regina Mundi
magistero della Chiesa Concili Ecumenici Magistero della Chiesa | Concili Magistero della Chiesa | Concili
Il Dialogo Ecumenico fra le religioni Cristiane
Nelle Mani di Maria, Consacrate secolari CMOP
I Messaggi Mariani, le apparizioni della Madonna
Devozioni, sprititualita' e preghiera
Gli speciali di regina Mundi, approfondimenti
Da scaricare, desktop, sfondi, segnalibro
Siti amici, collaborano con noi...
Contatti
La donna vestita di sole, la tv via web ed il podcast





La Bibbia MP3

    Scarica come MP3


Giobbe 14





[1] L'uomo, nato di donna,
breve di giorni e sazio di inquietudine,

[2] come un fiore spunta e avvizzisce,
fugge come l'ombra e mai si ferma.

[3] Tu, sopra un tal essere tieni aperti i tuoi occhi
e lo chiami a giudizio presso di te?

[4] Chi può trarre il puro dall'immondo? Nessuno.
[5] Se i suoi giorni sono contati,
se il numero dei suoi mesi dipende da te,
se hai fissato un termine che non può oltrepassare,

[6] distogli lo sguardo da lui e lascialo stare
finché abbia compiuto, come un salariato, la sua
giornata!

[7] Poiché anche per l'albero c'è speranza:
se viene tagliato, ancora ributta
e i suoi germogli non cessano di crescere;

[8] se sotto terra invecchia la sua radice
e al suolo muore il suo tronco,

[9] al sentore dell'acqua rigermoglia
e mette rami come nuova pianta.

[10] L'uomo invece, se muore, giace inerte,
quando il mortale spira, dov'è?

[11] Potranno sparire le acque del mare
e i fiumi prosciugarsi e disseccarsi,

[12] ma l'uomo che giace più non s'alzerà,
finché durano i cieli non si sveglierà,
né più si desterà dal suo sonno.

[13] Oh, se tu volessi nascondermi nella tomba,
occultarmi, finché sarà passata la tua ira,
fissarmi un termine e poi ricordarti di me!

[14] Se l'uomo che muore potesse rivivere,
aspetterei tutti i giorni della mia milizia
finché arrivi per me l'ora del cambio!

[15] Mi chiameresti e io risponderei,
l'opera delle tue mani tu brameresti.

[16] Mentre ora tu conti i miei passi
non spieresti più il mio peccato:

[17] in un sacchetto, chiuso, sarebbe il mio misfatto
e tu cancelleresti la mia colpa.

[18] Ohimè! come un monte finisce in una frana
e come una rupe si stacca dal suo posto,

[19] e le acque consumano le pietre,
le alluvioni portano via il terreno:
così tu annienti la speranza dell'uomo.

[20] Tu lo abbatti per sempre ed egli se ne va,
tu sfiguri il suo volto e lo scacci.

[21] Siano pure onorati i suoi figli, non lo sa;
siano disprezzati, lo ignora!

[22] Soltanto i suoi dolori egli sente
e piange sopra di sé.  
   



Legge: Cristina - Varese (Lombardia)


Se non riuscite ad ascoltare i file audio dovrete installare sul vostro computer il flash player per scaricarlo gratuitamente cliccate qua.


  
Consiglia ad un amico questa pagina Aggiungi ai preferiti Scrivi un commento, questo rimarrà riservato Segnala su Facebook, Tweeter ed altri...
Invia ad un amico | Metti nei preferiti | Lascia un commento | Condividi su Facebook, Tweeter, ecc...


_____________________________